HomeBlockchainSiemens emette il suo primo bond digitale su blockchain

Siemens emette il suo primo bond digitale su blockchain

Il gigante industriale tedesco Siemens ha emesso il suo primo bond digitale su blockchain pubblica.

Il prestito obbligazionario ha un valore nominale di 60 milioni di euro e una scadenza di un anno.

La blockchain consente di vendere le obbligazioni direttamente agli investitori e rende superflui i certificati globali cartacei e la compensazione centrale, ha dichiarato martedì il colosso industriale tedesco.

In tutto ciò, vediamo che le azioni di Siemens erano marginalmente in calo martedì mattina.

Siemens e il bond digitale su blockchain: tutti i dettagli 

Siemens è una delle prime società in Germania a emettere un’obbligazione digitale, un bond, in conformità con l‘Electronic Securities Act tedesco (Gesetz über elektronische Wertpapiere, eWpG). Siemens, infatti, è un pioniere nella trasformazione digitale in corso dei mercati dei capitali e dei titoli. 

La notizia viene riportata anche dall’account Twitter ufficiale di Blockworks, in cui si legge: 

“Il gigante industriale tedesco Siemens emette il suo primo bond digitale su blockchain. Il prestito obbligazionario ha un volume di 60 milioni di euro e una scadenza di 1 anno.” 

Come anticipato, oltre al fatto che il prestito obbligazionario ha un volume di 60 milioni di euro e scadenza a un anno, il pagamento classico può essere effettuato tramite conto corrente bancario. 

L’emissione dell’obbligazione su una blockchain offre una serie di vantaggi rispetto ai processi precedenti. Ad esempio, rende superflui i certificati globali cartacei e la compensazione centrale. Inoltre, l’obbligazione può essere venduta direttamente agli investitori senza bisogno di una banca che funga da intermediario.

Ralf P. Thomas, Chief Financial Officer di Siemens AG, ha dichiarato in merito quanto segue: 

“Con i nostri prodotti e le nostre tecnologie innovative, Siemens supporta con grande successo la trasformazione digitale dei suoi clienti. È quindi logico che testiamo e utilizziamo le ultime soluzioni digitali anche nella finanza. Siamo orgogliosi di essere una delle prime società tedesche ad aver emesso con successo un’obbligazione basata su blockchain. Ciò rende Siemens un pioniere nello sviluppo continuo di soluzioni digitali per i mercati dei capitali e dei titoli.” 

Come Siemens ha emesso il suo primo bond su blockchain

Come sappiamo, è stato possibile emettere obbligazioni digitali basate su blockchain in Germania da quando l’Electronic Securities Act è entrato in vigore nel giugno 2021.

Siemens ha in proposito utilizzato le nuove possibilità dell’Electronic Securities Act e ha venduto i titoli direttamente agli investitori senza coinvolgere depositari centrali di titoli. 

I pagamenti sono stati effettuati con metodi classici in quanto l’euro digitale non era ancora disponibile al momento della transazione. Tuttavia, quest’ultima è stata completata in due giorni. 

Peter Rathgeb, Corporate Treasurer presso Siemens AG, ha dichiarato in merito: 

“Allontanandoci dalla carta e passando alle blockchain pubbliche per l’emissione di titoli, possiamo eseguire transazioni in modo significativamente più rapido ed efficiente rispetto a quando si emettevano obbligazioni in passato. Grazie alla nostra proficua collaborazione con i nostri partner di progetto, abbiamo raggiunto un’importante pietra miliare nello sviluppo dei titoli digitali in Germania.” 

Dunque, Siemens sta guidando attivamente il loro sviluppo in corso. Hauck Aufhäuser Lampe Privatbank AG ha agito in qualità di conservatore del registro delle obbligazioni per la transazione. DekaBank, DZ Bank e Union Investment hanno investito nell’obbligazione.

Bei: il suo digital bond su blockchain disponibile da novembre 2022 

La Banca europea per gli investimenti (Bei), in collaborazione con Goldman Sachs Bank Europe, Santander e Société Générale, ha lanciato Project Venus lo scorso novembre.  Project Venus è la loro seconda emissione di obbligazioni native digitali denominate in euro e la prima utilizzando la tecnologia blockchain privata, quella di Goldman Sachs. 

Infatti, l’obbligazione biennale da 100 milioni di euro rappresenta l’emissione inaugurale sulla piattaforma di tokenizzazione di Goldman Sachs, chiamata GS Daptm. Il digital bond è stato emesso, registrato e regolato tutto utilizzando questa tecnologia privata basata su blockchain.

La Banque de France e la Banque centrale du Luxembourg hanno partecipato al progetto fornendo una rappresentazione digitale del denaro della banca centrale in euro sotto forma di token. Société Générale Luxembourg e Goldman Sachs Bank Europe SE hanno agito come custodi on-chain.

Il progetto Venus consiste nell’emissione da parte della Bei di una serie di obbligazioni su una blockchain, in cui gli investitori hanno acquistato e pagato i token di sicurezza utilizzando la valuta tradizionale.

I co-leader del progetto, Goldman Sachs Bank Europe SE, Santander e Société Générale, hanno proceduto a regolare la sottoscrizione nei confronti dell’emittente utilizzando una rappresentazione della moneta della banca centrale, la valuta digitale della banca centrale o CBDC (central-backed digital currency).

Alessia Pannone
Alessia Pannone
Laureata in scienze della comunicazione e attualmente studentessa del corso di laurea magistrale in editoria e scrittura. Scrittrice di articoli in ottica SEO, con cura per l’indicizzazione nei motori di ricerca, in totale o parziale autonomia.
RELATED ARTICLES

MOST POPULARS