HomeBlockchainIn arrivo Push Protocol sulla BNB Chain di Binance

In arrivo Push Protocol sulla BNB Chain di Binance

BNB è la criptovaluta nativa della blockchain di Binance, BNB Chain, conosciuta anche come BSC (Binance Smart Chain). 

BSC in teoria è una blockchain decentralizzata, ma di fatto è controllata da un piccolo gruppo di validatori sul quale Binance ha un’enorme influenza.

Per questo motivo chiunque di fatto può caricare smart contract su BSC, nonostante il ruolo centrale che abbia Binance in questo ecosistema. 

Binance Smart Chain e BNB

BSC nasce come una sorta di evoluzione di Binance Chain, a sua volta da Binance nell’aprile 2019 e poi ribattezzata BNB Beacon Chain nel 2022. 

Infatti BSC, a differenza di Binance Chain, offre funzionalità smart contract e compatibilità con l’Ethereum Virtual Machine (EVM), ed opera in parallelo a BNB Beacon Chain. 

Anche BSC alla fine è stata rinominata, da Binance Smart Chain a BNB Smart Chain. 

BNB quindi è sia la criptovaluta nativa di BNB Beacon Chain, sia la criptovaluta nativa di BSC, ovvero esiste in due formati diversi tra i quali non bisogna fare confusione. Tuttavia è molto più usato il formato su BSC, dato che serve anche per gli smart contract. 

Push Protocol

Uno di questi smart contract è quello di Push Protocol, ovvero un livello di comunicazione Web3 che vuole portare l’esperienza utente web2 su web3. 

In precedenza il progetto era conosciuto come Ethereum Push Notification Service, con il suo token EPNS, ma dato che sta ampliando il suo raggio di azione anche ad altre blockchain oltre ad Ethereum è stato rinominato Push Protocol, con il token che ora si chiama PUSH. 

PUSH ha esordito sui mercati crypto ad aprile 2021 con il nome EPNS, in piena bull run.

Infatti, il suo prezzo massimo storico, 8,7$, risale proprio al 14 aprile 2021, mentre il prezzo attuale è del 96% inferiore. 

Va detto che il prezzo di esordio era comunque eccessivo, forse grazie al boom che si verificò proprio in quei primi mesi del 2021 in ambito DeFi

Infatti, durante il secondo picco del 2021 dei mercati crypto il prezzo di PUSH riuscì a malapena a superare i 5$, ovvero il 42% in meno rispetto al primo picco. 

Tuttavia già a metà settembre dello stesso anno iniziò il crollo, con almeno due mesi di anticipo rispetto al resto del mercato crypto. Il 2021 si chiuse a circa 2,1$, ed il crollo continuò fino a giugno 2022 quando era sceso a 0,3$. 

Il minimo assoluto si è verificato ad inizio gennaio 2023 a 0,22$, e da allora il prezzo di PUSH è rimbalzato del 45% riportandosi attorno a quota 0,3$. 

In altre parole di fatto è da metà giugno dell’anno scorso che il prezzo di PUSH lateralizza attorno agli 0,3$, con l’eccezione di fine anno quando il prezzo provò a scendere a 0,2$ in conseguenza del fallimento di FTX e del crollo generale dei mercati crypto. 

Il lancio sulla blockchain di Binance (BNB)

La notizia che potrebbe far invertire questo trend è lo sbarco su BSC, ovvero la blockchain di Binance rinominata BNB Smart Chain. D’altronde questa è compatibile con EVM, quindi non è difficile replicare su BSC gli smart contract di Ethereum, come quello di Push Protocol. 

Il lancio su BSC dovrebbe fare espandere immediatamente il suo servizio di messaggistica wallet-to-wallet e le notifiche push ad una vasta gamma di nuovi utenti, dato che BNB Smart Chain è una delle più grandi reti al mondo con circa 230 milioni di indirizzi univoci.

Il Direttore della crescita di BNB Chain, Alvin Kan, ha dichiarato:

“In BNB Chain, siamo entusiasti di vedere l’impegno incrollabile di Push Protocol nel guidare l’adozione di massa della tecnologia web3. L’espansione della loro suite di comunicazioni decentralizzate alla blockchain di BNB è una testimonianza della loro visione di colmare il divario tra il web tradizionale e il mondo decentralizzato.

Il lancio di Push Protocol su BNB Chain porterà un livello completamente nuovo di accessibilità alla sua interfaccia di comunicazione di facile utilizzo alimentata da notifiche e messaggistica decentralizzate”.

Compatibilità cross-chain

L’obiettivo strategico di BSC non sembra essere quello di sostituire Ethereum, ma di costituire una sorta di livello cross-chain in grado di mettere in comunicazione tra di loro diverse blockchain. Forse anche per questo motivo stanno dando il benvenuto ad un progetto come Push Protocol. 

In particolare Binance Smart Chain è stata concepita fin da subito come complementare rispetto alla precedente Binance Chain, grazie ad un’architettura Dual-chain che consente agli utenti di trasferire asset facilmente da una blockchain all’altra. 

In questo modo i token in formato BEP-2 e BEP-8 di BNB Beacon Chain possono essere facilmente sostituiti con i nuovi token BEP-20 di BNB Chain. Inoltre il nuovo formato BEP-20 utilizza le stesse funzioni del formato ERC-20 di Ethereum.

Per spostare i token da una blockchain all’altra, ad esempio per convertirli da BEP-2 a BEP-20 o viceversa, è possibile usare il Binance Chain Wallet disponibile su Chrome e Firefox. 

Quindi la compatibilità cross-chain tra BSC e BNB Beacon Chain è completa, mentre quella con Ethereum per ora lo è solo fino ad un certo punto. Ma la strada sembra essere proprio quella di una compatibilità cross-chain sempre maggiore anche tra BSC ed Ethereum. 

La DeFi su BSC

Da quando è stata lanciata, BSC ha iniziato ad ospitare sempre più smart contract. La maggioranza di questi, ed in particolare quelli più usati, sono dApp di finanza decentralizzata (DeFi). 

Ad esempio uno dei DEX in assoluto più utilizzati è PancakeSwap, ovvero una dApp su BSC. 

È stato lanciato nel settembre del 2020, dando il via a quello che nei primi mesi del 2021 sarebbe diventato un vero e proprio boom della DeFi. 

Basti pensare che il suo TVL a maggio del 2021 raggiunse i 7,8 miliardi di dollari, sebbene poi in seguito sia sceso anche fin sotto i 2,2 miliardi a fine 2022. Ora è leggermente risalito abbondantemente sopra 2,3 miliardi di dollari. 

Quindi non è un caso che molti token DeFi abbiano fatto registrare i loro massimi storici tra aprile e maggio 2021, mentre invece il mercato crypto nel suo complesso ha raggiunto il suo massimo storico a novembre del medesimo anno. 

Binance Coin (BNB)

Questa logica ha influenzato anche il valore di BNB, ovvero la criptovaluta nativa prima di Binance Chain e poi anche di Binance Smart Chain. 

Infatti il suo picco massimo lo ha raggiunto proprio a maggio 2021, a quota 690$, anche se a novembre dello stesso anno toccò i 650$. 

Da notare che nel corso del bear market del 2022 il prezzo di BNB in percentuale è sceso meno di quello delle altre due principali criptovalute, ovvero Bitcoin e Ethereum. Ad oggi BTC e ETH perdono il 68% dai massimi storici, mentre BNB si limita ad un -57%. 

Inoltre, il prezzo attuale di BNB è ancora addirittura dell’800% superiore a quello pre-bolla di novembre 2020. In altre parole il boom della DeFi su BSC dei primi mesi del 2021 fece impennare di quasi il 2.000% il valore di mercato di BNB, e questi guadagni sono stati persi solo in parte durante il bear market del 2022. 

Tuttavia, la capitalizzazione di mercato complessiva di BNB, 47 miliardi di dollari, è ancora enormemente inferiore a quella di ETH (189 miliardi), e soprattutto di BTC (427 miliardi). 

È come se BNB nel 2021 avesse fatto in pochi mesi un salto paragonabile a quello che ETH e BTC avevano fatto negli anni precedenti. 

Marco Cavicchioli
Marco Cavicchioli
"Classe 1975, Marco è stato il primo a fare divulgazione su YouTube in Italia riguardo Bitcoin. Ha fondato ilBitcoin.news ed il gruppo Facebook "Bitcoin Italia (aperto e senza scam)".
RELATED ARTICLES

MOST POPULARS