HomeCriptovalute2023 CMC Crypto Playbook: Giornalismo crypto nel 2022 - Dove siamo partiti...

2023 CMC Crypto Playbook: Giornalismo crypto nel 2022 – Dove siamo partiti e dove stiamo andando a cura di ACJR

Se all’inizio dell’anno aveste chiesto a qualsiasi giornalista crypto quale sarebbe stata la storia più importante, probabilmente avrebbero avuto difficoltà a decidere tra le rivelazioni sull’identità dell’hacker di The DAO, che si è impossessato di 11 miliardi di dollari in crypto, o le rivelazioni sull’identità degli hacker di Bitfinex che hanno riciclato 4,5 miliardi di dollari in crypto.

Con il senno di poi, queste due storie esplosive, scoppiate a pochi mesi dall’inizio del 2022, sembrano aver predetto abbastanza accuratamente il tono di questo anno sempre più bizzarro per le crypto. 

Giornalisti e ricercatori crypto hanno affrontato la difficile questione di spiegare tecnologie relativamente complesse (le stablecoin algoritmiche, per caso?) a un pubblico più vasto che mai.

Le investigazioni crypto

Prima di analizzare la copertura successiva (ma molto importante) di quella che ora sappiamo essere la storia più importante dell’anno – il crollo di FTX e la caduta in disgrazia di Sam Bankman-Fried – dobbiamo innanzitutto rendere omaggio alla già citata storia dell’hacker che ha stupito per la prima volta il mondo della crypto nel 2022.

A febbraio, Laura Shin ha rivelato l’identità dell’hacker di The DAO, un attaccante precedentemente anonimo che aveva rubato 3,6 milioni di ETH dall’originale The DA nel 2016. Grazie alla nuova tecnologia forense blockchain e all’aiuto della società di analisi blockchain Chainalysis, Shin è stata in grado di identificare l’hacker del 2016 come il programmatore austriaco Toby Hoenisch (il quale ha negato le affermazioni, ma non ha fornito dettagli per confutare le scoperte come promesso). La storia di Shin è stata pubblicata su Forbes e descritta in dettaglio nel suo libro Cryptopians, e le sue scoperte sono state riprese dai media tradizionali.

La seconda, più recente, vittoria investigativa per i media crypto nel 2022 è stata la storia di Ian Allison su Coindesk che ha svelato il bilancio di Alameda Research, scoprendo che deteneva principalmente token FTT. 

Le verità che questa storia ha portato alla luce hanno dato il via a una serie di crolli a catena di cui probabilmente non abbiamo ancora visto la fine, compresi i problemi di liquidità con il prestatore di crypto Genesis, parte del portafoglio della società madre di Coindesk

La storia di Allison non solo ha continuato a dimostrare che le pubblicazioni specializzate in criptovalute possono raccontare grandi storie, ma anche che sono perfettamente in grado di raccontare importanti storie che potrebbero finire per danneggiare la loro stessa società madre.

Sebbene non stia dicendo che prima i media mainstream dubitassero necessariamente che i media crypto potessero raccontare una storia importante, il pezzo investigativo incredibilmente dettagliato di Shin e le rivelazioni di Allison che scuotono l’industria hanno sicuramente dimostrato che i giornalisti crypto possono trovare e scrivere storie con un’importanza che va oltre le piattaforme crypto.

(Nota: userò il termine “media mainstream” in modo abbastanza libero per raggruppare le tendenze generali della copertura per facilitare questo breve pezzo).

Crypto – solo una nicchia eccentrica?

La prossima grande notizia dell’inizio dell’anno è stata, per coincidenza, un’altra rivelazione delle identità di un hacker precedentemente sconosciuto: Ilya Lichenstein e Heather “Razzlekhan” Morgan sono stati accusati di aver riciclato circa 25.000 BTC rubati in un hack anonimo del 2016 sull’exchange crypto exchange Bitfinex. Anche questa storia crypto è stata ampiamente trattata dai media tradizionali, sia per l’ingente quantità di denaro coinvolta sia per la carriera rap amatoriale di Razzlekhan, facilmente deridibile.

Tuttavia, bisogna notare che i media tradizionali hanno continuato a ritrarre le stranezze dei presunti riciclatori di criptovalute anche molto tempo dopo che il pubblico si era dimenticato del duo. Anche se la storia è scoppiata a febbraio, Vanity Fair ha pubblicato un ritratto approfondito dei due presunti criminali solo a settembre, otto mesi dopo gli arresti.

La copertura delle crypto come strane e di nicchia è buona quando le storie trattate sono effettivamente strane e di nicchia (come il reportage iniziale sui testi rap di Razzlekhan e l’infinita copertura dei tweet di Elon Musk DOGE), ma diventa un problema quando le storie crypto diventano più grandi e più serie, e gli organi di stampa rimangono bloccati nella tendenza a trattare queste storie come “oh, così stravaganti!”

I media mainstream sbagliano davvero *tutto*

Oltre a quello che alcuni vedono come un rifiuto di prendere sul serio le storie legate al mondo crypto, un altro problema ricorrente che è emerso nel 2022 con la copertura delle storie crypto è l’accuratezza. È stato il 2022 a portare più giornalisti crypto esperti nei media mainstream (MSM), o forse le crypto sono ancora viste come una strana nicchia che non necessita di un giornalista specializzato per essere trattata, portando a sfortunate imprecisioni nei resoconti dei MSM?

Una battaglia di quest’anno sull’accuratezza delle notizie si è svolta su Twitter (come queste battaglie tendono a fare) tra Cami Russo di The Defiant e Jon Sindreu del WSJ. Russo, un’ex giornalista di Bloomberg che ha pubblicato un libro sulla DeFi e ha lanciato un’attività commerciale sulla DeFi, ha twittato la sua frustrazione per la copertura del crollo di Celsius da parte del WSJ. 

Il problema è che il giornalista del WSJ Sindreu ha insinuato che il fallimento di Celsius abbia evidenziato le carenze della DeFi, mentre Russo ha sostenuto che Celsius è l’antitesi della DeFi, un prestatore depositario che si limita a fornire liquidità ai prestatori della DeFi. Un discernimento potenzialmente difficile e una conseguente discussione pubblica che ha lasciato sia Russo che Sindreu con la sensazione di essere nel giusto.

Al di là dei dibattiti sulla copertura di DeFi e CeFi e sulle stablecoin algoritmiche, in cui molti utenti di crypto ritengono che i media tradizionali non siano riusciti a fornire un resoconto abbastanza dettagliato sui protocolli di finanza decentralizzata come Terra, il problema più grande che lo spazio crypto ha avuto con la copertura delle criptovalute tradizionali è stato quello che Crypto Twitter considera ampiamente come il trattamento “delicato” di Sam Bankman-Fried.

Molti appassionati di crypto piuttosto vocali si sono rivolti al social network per lamentarsi del fatto che i media tradizionali abbiano ” whitewashato” i profili di SBF con quelle che considerano prospettive strane (come le sue donazioni politiche, l’incapacità di seguire le promesse filantropiche e gli “errori” che ha commesso, piuttosto che i “crimini” che ha commesso). Anche i media crypto hanno ricevuto critiche per la loro copertura, spesso errata, di SBF prima della caduta di FTX.

2023: cosa ci aspetta

Mentre la storia di FTX continua a svolgersi e le scosse di assestamento del crollo di Luna si faranno chiaramente sentire anche nel nuovo anno, i giornalisti e i ricercatori del settore crypto sono i candidati più ovvi per aiutare i media tradizionali a capire meglio come coprire le criptovalute e tutte le loro idiosincrasie.

ACJR cerca di essere una risorsa in questo senso, invitando i media tradizionali alle nostre sessioni Off the Record su temi scottanti riguardanti le criptovalute e spiegando come i giornalisti crypto vedono le storie. Nel nostro gruppo sono state lanciate idee sull’organizzazione di workshop sull’analisi forense della blockchain e sul supporto a giovani giornalisti interessati alle crypto in futuro.

Le storie emerse quest’anno dall’industria crypto sono state davvero esplosive e hanno cambiato per sempre il modo in cui i media tradizionali tratteranno le criptovalute. La copertura delle criptovalute va ben oltre i semplici articoli di mercato sull’aumento o la diminuzione di Bitcoin o gli op-edit sul perché questa volta le crypto sono davvero morte: i giornalisti di tutti i tipi di pubblicazioni si trovano invece a dover affrontare storie che partono dal mercato delle crypto e si espandono ai mercati finanziari tradizionali, al governo degli Stati Uniti, ai governi stranieri, agli hacker e oltre.

Si spera che il 2023 sia un anno con meno reportage riguardanti i crolli delle crypto, o perlomeno un anno in cui i media mainstream troveranno necessario includere le crypto.

I media crypto possono diventare la fonte di verità per un gruppo di persone più ampio che mai, mentre i media tradizionali affrontano i dolori della crescita dovuti alla necessità di prendere sul serio una nuova industria.

Molly Jane Zuckerman, co-founder dell’Associazione dei giornalisti e ricercatori di criptovalute, responsabile dei contenuti presso CoinMarketCap

RELATED ARTICLES

MOST POPULARS