HomeCriptovaluteLa banca crypto ritarda il rapporto finanziario della SEC, crollano del 31%...

La banca crypto ritarda il rapporto finanziario della SEC, crollano del 31% le azioni di Silvergate

Le azioni di Silvergate sono crollate nell’after-hour di mercoledì, poiché la banca crypto-friendly ha ritardato la presentazione del suo rapporto 10-K alla SEC. Tutti i dettagli. 

Crypto news in merito alla SEC: ritardi da parte della Silvergate

Silvergate Capital Corporation, la società madre di Silvergate Bank, ha ritardato il deposito del suo rapporto annuale 10-K presso la Securities and Exchange Commission degli Stati Uniti mercoledì, dicendo all’agenzia che ha bisogno di tempo aggiuntivo per consentire a una società di contabilità indipendente di completare determinate procedure di revisione.

Nel deposito, Silvergate ha anche citato una serie di circostanze che avranno un impatto negativo sui tempi del rapporto 10-K.

Questi includono la vendita di ulteriori titoli di investimento oltre quanto precedentemente previsto e divulgato nel rilascio degli utili della società, nonché la vendita di ulteriori titoli di debito a gennaio e febbraio 2023, da cui Silvergate si aspetta di registrare ulteriori perdite. 

Silvergate, in merito, ha dichiarato quanto segue: 

“Queste perdite aggiuntive avranno un impatto negativo sui coefficienti patrimoniali regolamentari della Società e della consociata interamente controllata dalla Società, Silvergate Bank […] e potrebbero portare la Società e la Banca a essere meno che ben capitalizzate.” 

Il titolo di Silvergate (SI) è stato scambiato a $13,53 mercoledì alla campana di chiusura, ma è precipitato fino al 31,7% sulla coda delle notizie nel trading after-hour, scendendo ben al di sotto di $10.

La situazione di Silvergate: risente del crollo di FTX 

Silvergate ha riportato una perdita netta di $1 miliardo e un calo dei depositi dei clienti di circa $14 miliardi nell’ultimo trimestre del 2022, citando la riduzione pianificata dei depositi bancari di asset digitali insieme al caos a livello di settore.

I depositi della banca sono stati scossi all’indomani del crollo di FTX, spingendola a sfruttare la Federal Home Loan Bank (FHLB) per un prestito di $4,3 miliardi a gennaio e ha venduto circa $5,2 miliardi di titoli di debito, secondo i documenti della società.

Silvergate, che è stata colpita da un’azione legale collettiva in cui si sosteneva di aver aiutato direttamente le attività fraudolente di FTX a dicembre, è anche uno dei titoli più venduti a Wall Street, con ben il 71% di tutte le azioni della società che sono disponibili per gli investitori comprare e vendere essendo posizioni corte, secondo MarketWatch .

Nel suo deposito di mercoledì alla SEC, Silvergate ha anche affermato che sta attualmente analizzando alcune indagini e indagini normative e di altro tipo che sono in sospeso rispetto alla Società. 

Silvergate ha aggiunto che ora è in procinto di rivalutare le sue attività e strategie alla luce delle sfide aziendali e normative che deve affrontare attualmente.

L’opinione della SEC in merito alle crypto: focus su Bitcoin

Di recente ha destato molti commenti un’intervista rilasciata dall’attuale Presidente della SEC, Gary Gensler, al New York Magazine, dove afferma che tutte le crypto, tranne Bitcoin, possono essere assimilate a security token.

L’intervista riguardava l’inverno crypto, il caso FTX, e lo stato attuale dei mercati crypto. Tuttavia, il passaggio più interessante è quello riguardante le criptovalute, i security token e Bitcoin.

Secondo Gensler tutte le criptovalute sarebbero security, tutte tranne Bitcoin, ha detto in modo chiaro. Nello specifico, questo passaggio ha destato scalpore perché ci sono criptovalute come Ethereum, o Litecoin, che non sembrano molto diverse da Bitcoin. 

In ogni caso, Gensler ha spiegato il suo ragionamento. Sostenendo, nello specifico, che la SEC avrebbe già ora tutti gli strumenti legali di cui ha bisogno per intervenire sui mercati crypto

Questo anche perché ritiene che praticamente ogni tipo di transazione crypto ricada già ora sotto la giurisdizione della SEC, ad eccezione delle transazioni spot in Bitcoin e di quelle con cui si pagano gli acquisti di beni o servizi in criptovalute.

Infatti, sostiene che ci sono gruppi di imprenditori, fondazioni o persone dietro le criptovalute, e che questi ad oggi utilizzano una varietà di meccanismi complessi e legalmente opachi, solamente per promuovere i loro token e attirare gli investitori promettendo rendimenti finanziari. 

Bitcoin, invece, ad oggi non ha nessuno dietro, e non c’è nessuno che ne promuova la vendita promettendo rendimenti finanziari. Inoltre, le commodity possono essere vendute liberamente sul mercato in modo totalmente legale. 

Invece, per vendere legalmente le security, occorre proporle al pubblico solo accompagnandole con un prospetto informativo approvato dalle agenzie come la SEC. 

Tale prospetto non esiste per le criptovalute, e non esiste nemmeno l’approvazione della SEC. Quindi, negli USA le criptovalute che verranno considerate security (non registrate) non potranno più essere vendute legalmente in assenza di un prospetto approvato dalla SEC. Qualcosa di simile potrebbe poi anche accadere in altre giurisdizioni.

Alessia Pannone
Alessia Pannone
Laureata in scienze della comunicazione e attualmente studentessa del corso di laurea magistrale in editoria e scrittura. Scrittrice di articoli in ottica SEO, con cura per l’indicizzazione nei motori di ricerca, in totale o parziale autonomia.
RELATED ARTICLES

MOST POPULARS