HomeCriptovaluteStable CoinLa stablecoin Tether risponde all’attacco del WSJ: accuse fuorvianti e imprecise

La stablecoin Tether risponde all’attacco del WSJ: accuse fuorvianti e imprecise

La stablecoin Tether ha risposto a un rapporto del Wall Street Journal che descriveva in dettaglio presunti rapporti loschi da parte sua e di Bitfinex per aprire conti bancari. Nello specifico, Tether ha accusato il WSJ di “accuse stantie” di documenti falsi per conti bancari. 

La stablecoin Tether e il conflitto con il WSJ 

La società dietro la stablecoin Tether ha respinto un rapporto del Wall Street Journal in cui affermava di avere legami con entità che falsificavano documenti e utilizzavano società di comodo per mantenere l’accesso al sistema bancario.

Il 3 marzo, il WSJ ha riferito di documenti ed e-mail trapelati, i quali presumibilmente rivelano che entità legate a Tether e al suo exchange di criptovalute gemello Bitfinex hanno falsificato fatture e transazioni di vendita e si sono nascoste dietro terze parti per aprire conti bancari che altrimenti non sarebbero stati in grado di aprire.

In una dichiarazione del 3 marzo, Tether ha definito i risultati del rapporto “accuse obsolete di molto tempo fa” e “completamente imprecise e fuorvianti”, aggiungendo:

“Bitfinex e Tether hanno programmi di conformità di livello mondiale e aderiscono ai requisiti legali applicabili in materia di antiriciclaggio, conoscenza del cliente e finanziamento del terrorismo.” 

L’azienda ha continuato affermando di essere un partner orgoglioso delle forze dell’ordine e di assistere regolarmente e volontariamente le autorità negli Stati Uniti e all’estero.

Il Chief Technology Officer di Tether e Bitfinex, Paolo Ardoino, ha twittato il 3 marzo che il rapporto conteneva “disinformazione e inesattezze” e ha insinuato che i giornalisti del WSJ fossero pagliacci. Nello specifico, si legge: 

“Sono all’anniversario di PlanB a Lugano. Tanta energia e gente entusiasta di parlare di Bitcoin. Mentre ero sul palco ho sentito dei clacson da clown, quasi sicuramente era WSJ. Come sempre tonnellate di disinformazione e imprecisioni. Poveri ragazzi, deve essere difficile essere loro ma hanno bisogno di media migliori.” 

Cosa afferma il rapporto del WSJ in merito alla stablecoin Tether e a Bitfinex? 

L’articolo del WSJ delinea, attraverso la sua revisione di e-mail e documenti trapelati, gli apparenti rapporti di Tether e Bitfinex per rimanere in contatto con banche e altri istituti finanziari che, se tagliati fuori, sarebbero una minaccia esistenziale per la loro attività, secondo un causa intentata dalla coppia contro la banca Wells Fargo.

In particolare, una delle e-mail trapelate suggerisce che gli intermediari con sede in Cina dell’azienda stessero tentando di eludere il sistema bancario fornendo fatture e contratti di vendita falsi per ogni deposito e prelievo. 

Inoltre, c’erano anche accuse nel rapporto secondo cui Tether e Bitfinex usavano vari mezzi per eludere i controlli che li avrebbero limitati dalle istituzioni finanziarie e avevano legami con una società che avrebbe riciclato denaro per un’organizzazione terroristica designata dagli Stati Uniti, tra gli altri. 

Nel frattempo, una persona che ha familiarità con la questione ha detto al WSJ che Tether è stato indagato dal Dipartimento di Giustizia in un’indagine guidata dall’ufficio del procuratore degli Stati Uniti per il distretto meridionale di New York. Tuttavia, non è stato possibile determinare la natura dell’indagine.

Tether ha affrontato molteplici accuse di illeciti negli ultimi mesi e recentemente ha dovuto minimizzare un rapporto separato del WSJ all’inizio di febbraio, il quale affermava che  quattro uomini controllavano circa l’86% dell’azienda dal 2018.

Allo stesso modo ha dovuto combattere ciò che ha chiamato “FUD” (paura, incertezza e dubbio) da un rapporto del WSJ lo scorso dicembre riguardante i suoi prestiti garantiti e successivamente si è impegnato a interrompere il prestito di fondi dalle sue riserve.

La struttura proprietaria di Tether sotto indagine 

Solo quattro uomini controllavano l’86% dell’emittente di stablecoin Tether Holdings Limited a partire dal 2018, secondo i documenti ottenuti dal Wall Street Journal in relazione alle indagini delle autorità statunitensi.

Le indagini dell’ufficio del procuratore generale di New York e della Commodity Futures Trading Commission su Tether Holdings nel 2021 hanno rivelato la sua struttura proprietaria precedentemente sconosciuta. 

La società è l’emittente di Tether, la più grande stablecoin al mondo con 68 miliardi di dollari in circolazione, secondo i dati di CoinMarketCap. 

Secondo i documenti, Tether è stato costruito dagli sforzi congiunti dell’ex chirurgo plastico Giancarlo Devasini e dell’ex attore bambino e imprenditore di criptovalute Brock Pierce. 

Nel settembre 2014, Tether Holdings è stata costituita nelle Isole Vergini britanniche. Quattro anni dopo, Pierce aveva lasciato l’azienda e Devasini possedeva circa il 43% di Tether. 

Devasini ha anche contribuito a costruire l’exchange di criptovalute Bitfinex, di cui è attualmente il chief financial officer. Il CEO di Bitfinex Jean-Louis van Der Velde e il consigliere capo Stuart Hoegner possedevano ciascuno circa il 15% di Tether nel 2018, secondo i documenti.

Il quarto maggiore azionista di Tether nel 2018 era un doppio cittadino noto come Christopher Harborne nel Regno Unito e Chakrit Sakunkrit in Thailandia, che possedeva il 13%. 

Attraverso le proprie partecipazioni e un’altra società collegata, i quattro uomini controllavano circa l’86% di Tether, afferma il rapporto. Anche in questo caso, il Chief Technology Officer di Tether, Paolo Ardoino, ha twittato che il pezzo del Journal era un “articolo da pagliaccio” che avrebbe dato impulso alla crescita dell’azienda:

“Più articoli da clown più cresce la corda. Le persone capiscono che Tether è sinonimo di libertà e inclusione. Questo sta sconvolgendo MSM. Alla fine anche l’holepunch distruggerà i media.” 

Alessia Pannone
Alessia Pannone
Laureata in scienze della comunicazione e attualmente studentessa del corso di laurea magistrale in editoria e scrittura. Scrittrice di articoli in ottica SEO, con cura per l’indicizzazione nei motori di ricerca, in totale o parziale autonomia.
RELATED ARTICLES

MOST POPULARS