HomeCriptovaluteBitcoinIl report di Trading Browser analizza l’ascesa nel mondo degli ATM Bitcoin

Il report di Trading Browser analizza l’ascesa nel mondo degli ATM Bitcoin

Nel report pubblicato il 14 marzo 2023 da Trading Browser, vengono analizzati vari aspetti dell’adozione degli ATM Bitcoin. 

In particolare, vengono messe in luce quali sono le nazioni con un tasso di utilizzo più alto, il perché e quali sono i Paesi in cui la presenza di ATM Bitcoin è quasi nulla. 

Il report si articola in tre punti chiave: 

  • I Paesi con una percentuale elevata di popolazione non bancaria stanno adottando criptovalute in misura maggiore rispetto ad altri paesi, poiché queste persone usano spesso pagamenti in contanti e ATM Bitcoin. Se l’installazione di bancomat Bitcoin continua ad aumentare, questi paesi potrebbero registrare una rapida crescita nell’adozione di criptovalute.
  • Il fattore più sorprendente e importante che spinge all’adozione di criptovalute nei paesi con alta percentuale di popolazione non bancaria è rappresentato dal grande numero di bancomat Bitcoin e dalla soluzione finanziaria alternativa offerta dalla tecnologia blockchain.
  • I Paesi senza contanti, come Svezia, Danimarca, Norvegia e Nuova Zelanda, presentano un’alta percentuale di transazioni senza contanti e quasi il 100% della loro popolazione dispone di un conto bancario. Tuttavia, non hanno installato ATM Bitcoin e la loro percentuale di possessori di criptovalute è inferiore rispetto a quella di nazioni in via di sviluppo.

Nei Paesi in via di sviluppo gli ATM Bitcoin sono presenti in larga scala 

In tutto il mondo sono stati installati migliaia di bancomat Bitcoin per promuovere l’adozione della criptovaluta. Attualmente, gli Stati Uniti sono in testa con 32.591 macchine installate a livello nazionale.

Tuttavia, esistono notevoli disparità nei tassi di adozione tra i Paesi in cui sono stati installati bancomat Bitcoin e quelli in cui non sono stati installati.

Alcuni Paesi sono stati più rapidi nell’abbracciare la tendenza delle criptovalute a causa della necessità di una soluzione finanziaria alternativa. Oggi presentiamo un confronto e un incrocio di dati essenziali per indagare sui tassi di adozione delle criptovalute nei Paesi non bancarizzati e senza contanti.

Le tabelle seguenti mostrano il numero di bancomat Bitcoin, i pagamenti in contanti, la popolazione non bancaria, il possesso di criptovalute, la percentuale di possesso di criptovalute e la popolazione totale in 14 Paesi con tassi di adozione diversi.

In definitiva, il livello di adozione dipende dal modo in cui la popolazione è collegata ai pagamenti in contanti e ai conti bancari.

È evidente che i Paesi con un’alta percentuale di popolazione non bancaria hanno un tasso maggiore di adozione delle criptovalute. Con il previsto aumento degli sportelli automatici Bitcoin, potremmo assistere a una crescita esponenziale dell’adozione della criptovaluta.

Per esempio, il Messico ha una popolazione in cui il 60% delle persone non ha accesso a conti bancari, ma è al secondo posto della lista con 46 sportelli bancomat Bitcoin.

Sorprendentemente, il 3,4% della popolazione messicana possiede criptovalute, il che rappresenta quasi il triplo del tasso di adozione di Paesi più sviluppati come Norvegia e Danimarca.

Allo stesso modo, il Sudafrica ha il 31% della popolazione non bancarizzata, ma sono stati installati 21 sportelli automatici Bitcoin e il 10% della popolazione possiede una qualche forma di criptovaluta.

Questi risultati evidenziano che il fattore determinante per gli alti tassi di adozione nei Paesi altamente non bancarizzati è il numero di ATM Bitcoin installati.

Le criptovalute hanno dimostrato di essere un’opzione praticabile dove sono stati installati gli sportelli automatici, consentendo scambi tra contanti e criptovalute, che sarebbero stati impossibili senza l’accesso tradizionale alla banca o alla carta di credito.

Al contrario, i Paesi nordici come la Svezia, la Danimarca e la Finlandia hanno una percentuale record di pagamenti in contanti (1%) e quasi il 100% della popolazione è connessa alle banche tradizionali.

Le cause di una bassa adozione bancaria

I dati forniti evidenziano l’alto tasso di popolazione non bancarizzata in alcune regioni del mondo, ma è essenziale fornire un ulteriore contesto e le ragioni di questa situazione.

In molti Paesi non bancarizzati, fattori economici o sociali ostacolano l’accesso ai servizi finanziari. Ad esempio, l’apertura e il mantenimento di un conto bancario possono essere costosi nei Paesi in via di sviluppo, creando ostacoli per la popolazione.

Anche le infrastrutture possono essere inadeguate a supportare servizi bancari diffusi, e anche gli atteggiamenti culturali nei confronti del denaro e della fiducia nelle istituzioni finanziarie possono essere un fattore.

Poiché le criptovalute forniscono un mezzo di pagamento alternativo, i Paesi in via di sviluppo utilizzano spesso la tecnologia blockchain come sostituto dei tradizionali trasferimenti di denaro.

La povertà è un altro problema significativo nei Paesi altamente privi di banche, dove le banche spesso richiedono ai titolari di conti correnti di mantenere un saldo minimo. 

Anche la fiducia è un fattore cruciale nei Paesi senza contanti, ed è alla base della funzionalità del sistema finanziario tradizionale. Tuttavia, la fiducia è diminuita in molte nazioni con alti tassi di povertà.

Le politiche governative possono influenzare in modo significativo i tassi di adozione delle criptovalute. 

I Paesi con normative meno severe in materia di criptovalute tendono ad avere tassi di adozione più elevati. Inoltre, i progressi tecnologici hanno reso più facile l’uso delle criptovalute, con lo sviluppo di portafogli più facili da usare e di scambi decentralizzati.

Anche l’atteggiamento culturale nei confronti del denaro gioca un ruolo importante nei tassi di adozione. I Paesi in via di sviluppo tendono ad avere un cattivo rapporto con le loro valute nazionali a causa degli alti tassi di inflazione, il che può rendere le criptovalute un’alternativa più attraente.

Nel complesso, i fattori che contribuiscono ai tassi di adozione delle criptovalute sono molti e complessi, tra cui fattori economici, sociali, tecnologici e culturali.

RELATED ARTICLES

MOST POPULARS