HomeBlockchainRegolamentazioneSEC: raggiunto l’accordo per il caso di insider trading del product manager...

SEC: raggiunto l’accordo per il caso di insider trading del product manager dell’exchange crypto Coinbase

In base alle ultime notizie, si apprende che la SEC ha raggiunto un “accordo di principio” per risolvere il caso di insider trading del product manager dell’exchange crypto Coinbase. Nello specifico, sia Ishan che Nikhil Wahi si sono dichiarati colpevoli di accuse di insider trading criminale dopo essere stati arrestati dalle autorità statunitensi nel luglio 2022.

Crypto news: la SEC verso la risoluzione del caso con Coinbase 

La Securities and Exchange Commission (SEC) degli Stati Uniti sta procedendo con una risoluzione al caso contro un ex product manager di Coinbase Global, il famoso exchange crypto, accusato di insider trading.

Nello specifico, in un deposito del 3 aprile presso il tribunale distrettuale degli Stati Uniti per il distretto occidentale di Washington, la SEC ha affermato di aver raggiunto “un accordo di principio” con Ishan Wahi. 

L’ex dipendente di Coinbase, insieme a suo fratello Nikhil Wahi e al socio Sameer Ramani, secondo le accuse avrebbe utilizzato informazioni riservate ottenute dall’exchange di crypto per trarre profitto da nuove quotazioni di token, per un totale di oltre $1 milione.

In particolare, il deposito afferma quanto segue: 

“Qualsiasi accordo raccomandato dal personale della SEC deve essere esaminato all’interno della SEC e approvato dai Commissari della SEC prima che possa essere presentato alla Corte per l’approvazione, un processo che può richiedere un certo numero di settimane.” 

Le accuse della SEC 

Ma perchè l’ex product manager dell’exchange crypto Coinbase è stato accusato dalla SEC? Le autorità hanno arrestato Ishan e Nikhil nel luglio 2022, secondo quanto riferito mentre tentavano di volare in India, ed entrambi i fratelli si sono successivamente dichiarati colpevoli di parallele accuse di insider trading criminale. 

Secondo il deposito del 3 aprile, la SEC si era impegnata in “discussioni in buona fede” con Nikhil, che è stato condannato a dieci mesi di carcere a gennaio. Il caso contro i fratelli Wahi è stato uno dei primi a coinvolgere l’insider trading di un importante exchange di criptovalute statunitense, prima che piattaforme come FTX e Celsius dichiarassero bancarotta. 

La denuncia originale affermava che Ishan aveva avuto accesso alle informazioni sulla quotazione delle criptovalute sugli exchange controllati da Coinbase nella sua posizione di product manager dall’agosto 2021 al maggio 2022. 

Inoltre, il soggetto avrebbe poi trasmesso tali informazioni a suo fratello e al socio Ramami per investire nei token prima che la quotazione di Coinbase causasse un aumento dei prezzi.

Notevole nel contesto del giro di vite della SEC sulle criptovalute, il caso ha visto l’autorità di regolamentazione etichettare nove dei token come “titoli di asset crittografici” rientranti nella sua sfera di competenza. 

La SEC ha successivamente emesso un avviso di Wells, avvertimento di una potenziale azione esecutiva, alla stessa Coinbase a marzo. Il Chief Legal Officer dell’exchange, Paul Grewal, ha affermato che l’avviso è arrivato nonostante le numerose discussioni con i rappresentanti della SEC.

L’avviso Wells della SEC verso l’exchange crypto Coinbase 

Come anticipato, l’exchange di crypto Coinbase ha dichiarato di aver ricevuto un avviso Wells dalla Securities and Exchange Commission degli Stati Uniti che raccomandava al regolatore di intraprendere azioni di contrasto.

In un post sul blog del 22 marzo, Coinbase ha affermato che la “minaccia legale” potrebbe potenzialmente prendere di mira il programma di staking dell’exchange, Coinbase Earn, le risorse digitali quotate, il suo portafoglio o i servizi Coinbase Prime. 

Una lettera di avviso di Wells, in genere, avverte una società che la SEC potrebbe seguire con un’azione esecutiva, ma Coinbase non ha fornito dettagli se non possibili violazioni delle leggi sui titoli. 

Paul Grewal, infatti, a tal proposito ha dichiarato: 

“Abbiamo chiesto specificamente alla SEC di identificare quali asset sulle nostre piattaforme ritenessero potessero essere titoli, e si sono rifiutati di farlo. L’avviso di Wells arriva anche dopo che Coinbase ha fornito alla SEC diverse proposte sulla registrazione nel corso dei mesi, a cui la SEC alla fine si è rifiutata di rispondere.” 

Tuttavia, l’exchange di criptovalute ha affermato che i suoi prodotti e servizi continueranno a funzionare come al solito durante tutta la durata delle indagini. 

Grewal si è inoltre opposto all’approccio di dialogo diretto, spesso citato dal presidente della SEC Gary Gensler, affermando che Coinbase ha incontrato i rappresentanti della SEC “più di trenta volte in nove mesi” ma in gran parte non ha ricevuto feedback sulle sue proposte. 

Non solo, Coinbase ha anche presentato una petizione alla SEC il 20 marzo nel tentativo di spiegare all’autorità di regolamentazione che lo staking potrebbe non essere necessariamente universalmente considerato una sicurezza. 

L’exchange ha affermato che nessuna delle sue attività quotate era considerata titoli sotto la competenza del regolatore e qualsiasi potenziale targeting del suo portafoglio si basava su un “fraintendimento di prodotti, risorse e servizi crittografici” da parte della SEC.

Alessia Pannone
Alessia Pannone
Laureata in scienze della comunicazione e attualmente studentessa del corso di laurea magistrale in editoria e scrittura. Scrittrice di articoli in ottica SEO, con cura per l’indicizzazione nei motori di ricerca, in totale o parziale autonomia.
RELATED ARTICLES

MOST POPULARS