HomeCriptovaluteIl nuovo documentario su Dogecoin coinvolgerà anche Elon Musk

Il nuovo documentario su Dogecoin coinvolgerà anche Elon Musk

Uno dei produttori del nuovo documentario su Dogecoin, Tridog, ha raccontato le sue idee sul progetto Web3, affermando che cercheranno di coinvolgere anche Elon Musk.

Documentario su Dogecoin: Tridog parla anche del coinvolgimento di Elon Musk

Tridog, uno dei produttori del nuovo documentario su Doge, ha descritto le sue idee per il progetto Web3 in un’intervista a Coindesk, affermando che cercheranno di coinvolgere anche Elon Musk. 

Il nuovo documentario su Doge era stato già preannunciato lo scorso aprile, con un tweet del produttore che mostrava l’anteprima:

“Annunciamo il documentario sul Doge! È FINALMENTE giunto il momento di celebrare quasi 2 decenni di #Doge & @Kabosumama. Una volta completato, questo sarà il PRIMO lungometraggio in assoluto su Doge. Ecco un’anteprima mai vista prima:”

Come dice Tridog, la crypto Dogecoin (DOGE) è solo parte della storia, ma non è tutta la storia. 

E infatti, quello che è in lavorazione è Doge, intendendo “Own the Doge”, la DAO che detiene i token DOG che sono parti di un NFT della foto originale del Doge, venduta da Atsuko Sato, per 1.696,9 ETH, che all’epoca valeva 4,8 milioni di dollari. 

La DAO “Own the Dog” vede circa 15mila holder di DOG e rappresenta la tesoreria del progetto che ammonta a circa 3 milioni di dollari. 

Non solo, Tridog ha annunciato nei suoi piani di voler coinvolgere Elon Musk nel documentario su Doge, il crypto-influencer per eccellenza della meme coin. L’idea finale sarebbe quella di inviare la foto del Doge nello spazio, in orbita lunare, un progetto che vedrebbe la collaborazione con SpaceX

Dogecoin e Elon Musk: il continuo legame tra la crypto e il suo influencer

È da anni ormai che Elon Musk, attuale proprietario di Twitter, CEO e fondatore di SpaceX e di Tesla, si sia lasciato coinvolgere dalla crypto Dogecoin (DOGE), influenzando spesso coi suoi tweet il prezzo della meme coin. 

Proprio per questo, Musk non potrebbe non essere coinvolto nel primo e nuovo documentario su Dogecoin, seppur la crypto rappresenta parte della storia di Doge. 

Ad esempio, guardando il 2021, il prezzo di DOGE è salito del 23.000%. Un rally che pare sia stato innescato dal miliardario Elon Musk. 

Nello specifico, DOGE aveva raggiunto il suo massimo storico di prezzo a 0,76$ nel maggio 2021, dopo che Musk lo aveva definito un “trambusto”, durante la sua apparizione al Saturday Night Live. 

Andando oltre al 2022 caratterizzato dal lungo inverno crypto, in questo anno, invece, l’ultima mossa di Musk a favore di DOGE, è stata la sua decisione di cambiare temporaneamente il logo di Twitter. Da uccellino blu, Twitter ha avuto come logo il cagnolino di Dogecoin. 

Questa mossa ha visto subito un incremento del prezzo di DOGE del 27% nelle 12 ore successive, ma anche tante critiche. 

E infatti, i sostenitori di Bitcoin, ad esempio, hanno espresso disgusto per il cambio logo, mentre altri insistevano sul fatto che il miliardario stesse promuovendo security non registrate. 

Documentario su Doge: quali altri progetti saranno inclusi?

Oltre Musk, Tridog ha evidenziato anche altri progetti che sono rilevanti per la storia di Dogecoin. 

Tra i tanti, ci sono i progetti di generosità come la più grande donazione mai fatta dalla crypto: un milione di dollari in criptovaluta a Save the Children. Da quel momento, Doge ha continuato a lavorare con Save the Children e con altri enti di beneficenza per cani.

Non solo, Doge ha provveduto anche a effettuare il finanziamento della squadra giamaicana di bob “Cool Runnings”.

Un altro progetto, invece in lavorazione, è poi anche “Bronze the Doge”, l’iniziativa della statua. Si tratta della creazione di una statua di bronzo di Kabosu, il cane originale dell’NFT trasformato in DOG, che sarà collocata nella sua città natale, Sakura, in Giappone. 

In questo Documentario su Doge, di storie da raccontare ce ne sono tante. Per il finanziamento del film, Trigor ha poi specificato che stanno mettendo in atto un modello ibrido, basato su blockchain e sui modelli tradizionali per diventare mainstream. 

Pepe The Frog ha superato Dogecoin ed è stata citata anche da Elon Musk

Di recente, Musk pare abbia avuto voglia di scherzare su Twitter con un’altra meme coin che ha un altro animale protagonista, Pepe The Frog

Già da aprile 2023, momento del lancio di Pepe (PEPE), la meme coin ha avuto un’impennata di interesse da parte degli investitori che pare abbiano guadagnato cifre interessanti. 

Non solo, PEPE ha anche superato per volumi di scambio giornalieri la regina delle meme coin, DOGE. Ieri, PEPE aveva registrato $227K di volumi nelle ultime 24 ore, contro i 168K dollari di DOGE. Tutto questo è successo ancor prima del coinvolgimento di Musk. 

Questo non toglie che PEPE rimane al 68esimo posto, mentre DOGE ricca di progetti sia tra le prime 10 posizioni nella classifica crypto per capitalizzazione di mercato. E infatti, già al momento della scrittura, la situazione dei volumi di scambio giornalieri pare sia cambiata. PEPE è a quota 187mila dollari contro i 201mila dollari di DOGE.

Stefania Stimolo
Stefania Stimolo
Laureata in Marketing e Comunicazione, Stefania è un’esploratrice di opportunità innovative. Partendo come Sales Assistant per e-commerce, nel 2016 inizia ad appassionarsi al mondo digitale autonomamente, inizialmente in ambito Network Marketing dove conosce e si appassiona dell’ideale di Bitcoin e tecnologia Blockchain diventandone una divulgatrice come copywriter e traduttrice per progetti ICO e blog, ed organizzando corsi conoscitivi.
RELATED ARTICLES

MOST POPULARS