HomeCriptovaluteBitcoinPrevisioni in vista dell'halving di Bitcoin

Previsioni in vista dell’halving di Bitcoin

Sebbene la data non sia ancora sicura, le previsioni vedono il prossimo halving di Bitcoin per la primavera del prossimo anno. 

A tal proposito stanno già fioccando le previsioni in merito al prezzo che avrà Bitcoin dopo l’halving. 

Le previsioni sul prezzo di Bitcoin in vista del prossimo halving 

Va detto che l’halving non ha un impatto diretto sul prezzo. 

Infatti si tratta solamente del dimezzamento improvviso del premio dato ai miner. Esattamente al blocco numero 840.000 il premio assegnato ai miner passerà dagli attuali 6,25 BTC a 3,125. 

Attualmente siamo circa al blocco numero 808.000, e dato che più o meno viene minato un blocco ogni 10 minuti, o poco meno, facendo i calcoli il blocco 840.000 potrebbe venire minato circa ad aprile dell’anno prossimo. 

Il fatto è che il premio dato al miner che riesce a minare un blocco è di fatto l’unico sistema esistente per creare nuovi BTC. Quindi l’halving è anche l’unica misura di politica monetaria di Bitcoin, oltretutto assolutamente prevedibile. 

In genere dato che minare Bitcoin significa consumare moltissima corrente elettrica, i miner che ricevono il premio per aver minato un blocco tendono a vendere buona parte dei BTC incassati, perchè la corrente va pagata in valuta fiat. 

Quindi un dimezzamento del premio dovrebbe portare ad un’inevitabile riduzione dei BTC che i miner vendono tutti i giorni. 

Si passa da 900 nuovi BTC creati al giorno a 450, e dato che di quei 900 BTC che attualmente vengono creati ogni giorno è possibile che la maggior parte finisca per essere venduta subito, o quasi, la riduzione dell’offerta sui mercati dovrebbe essere praticamente inevitabile. 

Ma non basta ridurre l’offerta per far salire il prezzo. Serve anche che la domanda rimanga costante, o diminuisca meno dell’offerta (oppure salga). 

Gli impatti durante i cicli passati

Fino ad ora ci sono stati tre halving, nel 2012, 2016 e 2020, ed in tutti e tre i casi dopo pochi mesi si è innescata una grande bull run. 

Tuttavia l’impatto è stato diferente volta per volta. 

Nel 2012 l’halving avvenne a novembre, e la bullrun partì poco dopo, nel 2013. Il prezzo di Bitcoin fece un boom che non si è mai più visto dopo, sia per proporzioni che per velocità. 

Nel 2016 l’halving avvenne a luglio, e la bullrun partì solo a 2017 inoltrato. Si trattò comunque di un notevole aumento di valore, da circa 1.000$ a circa 20.000$, ma di proporzioni di molto inferiori a quelle della precedente bullrun. 

Nel 2020 l’halving avvenne a maggio, e fino a novembre la bull run non partì. Questa avvenne in due fasi, una fino ad aprile 2021, con il prezzo arrivato fino a 64.000$, e poi una seconda fase, dopo una sorta di piccolo crollo intermedio, che lo portò a 69.000$ a fine anno. 

Pertanto sebbene in passato dopo tutti e tre gli halving si sia innescata una bullrun, non si è mai innescata lo stesso giorno dell’halving o nei giorni successivi, ma nei mesi successivi. In particolare l’halving è avvenuto sempre prima, nell’anno in cui doveva avvenire, mentre la bullrun quasi sempre è durata all’incirca 12 mesi. 

Non è tuttavia detto che qualcosa del genere accadrà anche nel 2024/2025. 

Le previsioni riguardo il futuro halving di Bitcoin

Circolano già molte previsioni in merito al prezzo che potrebbe raggiungere Bitcoin dopo il prossimo halving. 

Alcuni sostengono che non si comporterà come in passato, dato che l’attuale panorama monetario è quello di grandi banche centrali che sono in piena politica monetaria restrittiva.

Tale scenario dovrebbe continuare anche nel 2024, mentre nel 2025 le cose potrebbero cambiare. 

Oltretutto, se Fed e BCE sono in effetti in questa situazione, la banca centrale cinese invece è in un’altra situazione, dato che in Cina il tasso ufficiale di inflazione è addirittura dello 0,1% e la People Bank of China potrebbe anche decidere di optare per una politica monetaria espansiva. 

Va però detto che la maggior parte delle previsioni sembrano positive. 

Innanzitutto c’è chi sostiene che si potrebbero toccare nuovamente i massimi del 2021, ovvero circa 70.000$. 

Non bisogna però dimenticare che per far alzare il prezzo non basta la riduzione dell’offerta, ma serve anche che la domanda perlomeno rimanga costante. È per questo che in passato la bullrun non è mai iniziata nei giorni appena seguenti l’halving. 

C’è anche chi sostiene che stavolta si potrebbero raggiungere i fatidici 100.000$ che non sono stati raggiunti nel 2021, sebbene un po’ tutti se lo aspettassero. 

C’è anche chi arriva a sostenere che stavolta invece si potrebbe arrivare a 250.000$. 

Se prendiamo in considerazione i tre picchi delle tre bull run (2013, 2017 e 2021), ovvero 1.100$, 20.000$ e 70.000$, ci si accorge che il secondo fu maggiore del primo del 1.700%, mentre il terzo fu superiore al secondo “solamente” del 250%. 

In effetti se il prossimo picco fosse a 250.000$ ci sarebbe stato un altro aumento di circa il 250%, mentre se fosse di 100.000$ sarebbe stato solamente del 42%. 

Le ragioni degli aumenti

Sebbene in molti ritengano che il prezzo di Bitcoin sia condizionato primariamente dalla situazione macroeconomica e dai tassi di interesse, PlanB ha fatto notare che per Bitcoin invece non sembra affatto valere ciò che vale ad esempio per oro ed azioni. 

Sembra invece che il percorso del prezzo di Bitcoin sul lungo periodo sia maggiormente influenzato proprio dalla sua scarsità, e quindi dagli halving. 

Ovvero se da un lato i fenomeni macro-economici, e le politiche monetarie delle banche centrali, possono sicuramente influenzare il prezzo di BTC sul breve periodo, sul lungo termine invece sembra prevalere un andamento legato alla sua politica monetaria interna, ed alla perdita di potere di acquisto reale delle valute fiat. 

Probabilmente nel biennio 2024/2025 avremo una conferma o una smentita di questa ipotesi. 

Marco Cavicchioli
Marco Cavicchioli
"Classe 1975, Marco è stato il primo a fare divulgazione su YouTube in Italia riguardo Bitcoin. Ha fondato ilBitcoin.news ed il gruppo Facebook "Bitcoin Italia (aperto e senza scam)".
RELATED ARTICLES

MOST POPULARS