HomeSponsoredLa Transizione alle Energie Rinnovabili Può Costare 62 Trilioni di Dollari: eTukTuk...

La Transizione alle Energie Rinnovabili Può Costare 62 Trilioni di Dollari: eTukTuk Facilita il Processo

SPONSORED POST* 

Il mercato delle criptovalute è stato plasmato da progetti che danno priorità alle applicazioni e alle tecnologie ecosostenibili che hanno contribuito positivamente al mondo negli ultimi anni. Questo è particolarmente rilevante alla luce delle preoccupazioni sollevate riguardo all’impatto ecologico del mining e delle attività correlate all’interno del settore delle criptovalute.

L’emergere di un progetto come eTukTuk (TUK) ha un peso rilevante in tale contesto. Il progetto, con focus sull’ecologia e sui veicoli elettrici, sta compiendo progressi notevoli per offrire benefici sia alle economie che ai residenti delle regioni in via di sviluppo, dal punto di vista finanziario e ambientale. Esamineremo nel dettaglio come riesce a raggiungere questo obiettivo e come anche tu puoi contribuire a questa trasformazione.

eTukTuk Facilita la Transizione all’Era dei Veicoli Elettrici

eTukTuk funge da controparte dei tradizionali tuktuk a motore a combustione interna, offrendo un’opzione più economica e affidabile. Naturalmente, l’ecosistema è dotato di stazioni di ricarica strategicamente posizionate.

L’obiettivo principale è stabilire un ecosistema incentrato sulla riduzione delle emissioni di carbonio attraverso scelte di trasporto ecologiche. Questa iniziativa ha il potenziale per inaugurare un’era di viaggi ecologici e svolgere un ruolo cruciale nella fondamentale transizione verso i veicoli elettrici. Il progetto mira anche a fornire supporto agli autisti e ad altri protagonisti all’interno dell’ecosistema. Come utente, hai l’opportunità di contribuire attivamente alla riduzione delle emissioni di carbonio, ottenendo contemporaneamente dei benefici.

Al centro di questo ecosistema c’è il token TUK, che ha l’obiettivo di eliminare le emissioni di carbonio. Serve da incentivo per gli stakeholder, in particolare all’espansione della rete. Ciò significa che non solo gli stakeholder sono motivati a contribuire all’ambiente, ma anche gli autisti vedono aumentare i loro guadagni, stimolando così le economie locali.

Il modello su cui si basa l’ecosistema prevede che gli autisti paghino per ricaricare i loro veicoli, generando ricavi per la rete. Contestualmente, ogni transazione produce token TUK per i partner territoriali e per gli stakeholder. Man mano che la copertura della rete si espande, questo approccio scalabile facilita una graduale riduzione della dipendenza dai combustibili fossili, sia a livello locale che globale.

Attualmente, il token TUK è valutato a $0,024 nella fase di prevendita. Ha già raccolto oltre $78.000 di finanziamenti, una cifra che continua a crescere a causa del grande interesse da parte degli utenti in tutto il mondo.

Scopri eTukTuk

Costruito su una Solida Tecnologia, con Diverse Partnership Annunciate

Negli ultimi mesi si sono registrati progressi significativi, con un traguardo fondamentale rappresentato dall’integrazione del Layer 2 opBNB dalla BNB Chain nel suo quadro operativo. La decisione di passare alla BNB Chain deriva principalmente dalla notevole scalabilità dimostrata dal suo meccanismo di consenso Proof of Staked Authority (PoSA) nel corso del 2023.

L’instaurazione di partnership e collaborazioni con soggetti importanti è un altro focus centrale del progetto. All’inizio di quest’anno, eTukTuk ha stretto un accordo con l’importante Capital Maharaja Group, che ha un’influenza sostanziale in Sri Lanka. In virtù di questa collaborazione, il Capital Maharaja Group ha acquisito una quota del 20% nelle operazioni di eTukTuk all’interno di Sri Lanka.

La partnership tra eTukTuk e il governo dello Sri Lanka rappresenta un’altra alleanza di grande rilevanza. Questa iniziativa congiunta mira a stabilire oltre 200 stazioni di ricarica con il supporto del governo, offrendo notevoli benefici agli autisti. Il risultato atteso è un potenziale risparmio fino al 400% nei costi operativi per gli autisti rispetto all’uso dei TukTuks alimentati a combustibili fossili.

Per coloro che sono curiosi riguardo alla futura traiettoria di eTukTuk, ci sono sviluppi entusiasmanti all’orizzonte. Nel quarto trimestre del 2023, lo Sri Lanka vedrà l’inaugurazione delle sue prime stazioni di ricarica, un lancio ufficiale del governo, la finalizzazione dell’app per autisti e l’introduzione dell’app per i passeggeri.

Questi sviluppi sembrano essere solo i primi passi per eTukTuk, che sta emergendo rapidamente come un importante attore nei settori delle criptovalute e dei veicoli elettrici. Si tratta di un progetto che gli appassionati seri delle criptovalute dovrebbero sicuramente tenere d’occhio, poiché è ricco di notevole potenziale.

Conclusione

Iniziative come eTukTuk rappresentano il tipo di innovazione da cui il settore delle criptovalute può trarre vantaggio. Combina concetti lungimiranti con la capacità di coinvolgere individui al di fuori della sfera delle criptovalute. Questa impresa è indubbiamente degna di essere seguita da vicino, e la prevendita di TUK è un’opportunità da non sottovalutare.

Scopri eTukTuk

*Questo articolo è stato pagato. Cryptonomist non ha scritto l’articolo né testato la piattaforma.

Massimo De Vincenti
Massimo De Vincenti
Laureato in Economics and Business presso l’Università Luiss di Roma, Massimo ha conseguito anche un Master in Amministrazione, Finanza e Controllo. Trader e analista esperto nel campo delle criptovalute e della finanza decentralizzata, è consulente tecnologico appassionato di innovazione ed evoluzione digitale, relatore anche per seminari o approfondimenti tematici nell'ambito fintech e crypto.
RELATED ARTICLES

MOST POPULARS