HomeSponsoredCapitalizzazione di mercato delle criptovalute a $1,32 trilioni. Boom anche per queste...

Capitalizzazione di mercato delle criptovalute a $1,32 trilioni. Boom anche per queste presale crypto

SPONSORED POST*

Grandi novità per il mercato delle criptovalute, che ha dato vita a un rally di due giorni che ha comportato un aumento considerevole della capitalizzazione di mercato totale dello 0,47%, fino a raggiungere il traguardo di $1,32 trilioni.

In testa c’è Ethereum, che è salito fino a $1.888,56 (oggi è a $1.880,83), che ha fatto salire il suo market cap quasi a $227 miliardi. In questo contesto decisamente positivo per il settore, ci sono due prevendite che stanno facendo parlare di sé: quella di Bitcoin Minetrix ha superato $3,4 milioni e quella di Meme Kombat $1,2 milioni in tempi record.

Il rally di due giorni fa salire la capitalizzazione globale delle criptovalute

Grazie al rally di due giorni, il market cap delle crypto è salito dello 0,47%, raggiungendo quota $1,32 trilioni. In testa c’è stato ETH, che è stato in grado di guadagnare ben il 25% in sole due settimane e quasi il 16% in un mese.

Ethereum ha raggiunto $1.888,56 (oggi è a $1.880,83) e ha fatto salire il suo market cap quasi a $227 miliardi. Anche BTC ha fatto la sua parte: oggi scambiato a $34.980,52, vive un momento felice dovuto alle aspettative nei confronti della prossima approvazione degli ETF spot su BTC da parte della SEC, tanto che alcuni vecchi wallet di Bitcoin sono stati riattivati.

Ha fatto la sua parte anche la decisione, da parte della Fed, di non aumentare, per il momento i tassi di interesse, dando maggiore fiducia agli investitori del settore. Grazie anche a questi fattori, il market cap globale delle crypto è salito di un 35,37% in sole 24 ore, raggiungendo quota $38,73 miliardi.

Anche le stablecoin e la DeFi hanno dato il loro contributo, con $33,18 e $4,36 miliardi, e non sono state esenti dal coinvolgimento anche le meme coin, in particolare capisaldi come Dogecoin, oggi scambiata a $0,07155, in crescita del 3,26% nelle 24 ore, e Shiba Inu a $0,000008148, con market cap rispettivi di $10,17 e $4,8 miliardi.

Possiamo quindi dire che novembre ha avuto un inizio molto forte per il settore: oltre a ETH e BTC, anche altre altcoin, del calibro di TRON, XRP, Solana, Chainlink e Toncoin, hanno rilevato guadagni non da poco.

Anche il settore del metaverso ha fatto la sua parte, con The Sandbox, ApeCoin, Decentraland e Axie Infinity in netta crescita: il TVL del settore DEFi è salito a $43,78 miliardi. Questo momento positivo per le criptovalute influenza anche alcune prevendite, che partono già con concetti di base vincenti: parliamo di Bitcoin Minetrix e Meme Kombat.

Bitcoin Minetrix vola a $3,4 milioni in un tempo record

Il nuovo token 2.0, clone di BTC, ha raggiunto un risultato notevole in presale, pari a oltre $3,4 milioni, grazie alla situazione generale che riguarda Bitcoin e il mercato delle crypto, ma anche per aver introdotto l’innovativo concetto di stake-to-mine.

Partecipando, infatti, alla prevendita di BTCMTX, il token nativo del progetto, e acquistando un minimo di $10 di token, è possibile usare lo staking per generare potere di cloud mining e hashrate, allo scopo di ottenere premi in BTC. In questo modo tutti possono ambire a fare mining di Bitcoin, non solo chi può affrontare spese importanti di attrezzature ed energia.

Una volta bloccati i token, si ottengono crediti per il mining, token ERC-20 non negoziabili e che possono essere sottoposti a burning in cambio di tempo di mining. Inoltre i detentori di BTCMTX possono guadagnare ulteriori entrate passive mettendo anche solo in stake i token: in questo momento ce ne sono più di 244.000 bloccati, con un APY attuale del 170%.

Bitcoin Minetrix usa il cloud mining, nel quale un utente o più noleggiano o acquistano potenza di calcolo allo scopo di coprire i costi in termini di energia: questo settore, ricco di truffe, in quanto spesso gli utenti non ottengono i Bitcoin estratti, viene qui verificato da Coinsult, che ne certifica la sicurezza.

Inoltre, grazie allo staking, non è necessario per gli investitori lasciare depositi in denaro. La prevendita, in questo momento, vede un BTCMTX a $0,0114, una cifra che andrà a salire, in ogni fase successiva, del 10% e fino al raggiungimento di $0,0119 nell’ultima. 

Meme Kombat supera $1,2 milioni in prevendita

Anche Meme Kombat sta vivendo una presale di successo e che va a ritmo spedito, visto che ha superato $1,2 milioni. Il progetto è forte dei due modi che offre agli utenti di guadagnare: lo stake-to-earn e le scommesse.

Grazie all’intelligenza artificiale, infatti, crea battaglie virtuali tra i personaggi che sono stati resi noti dalle meme coin, come Sponge o Pepe The Frog, sulle quali è possibile scommettere in tre diverse modalità: PvP, ovvero giocatore contro giocatore, PvGame, ovvero giocatore contro partita, e tramite le scommesse dirette e ad azione secondaria, per scommettere sulle singole partite o su altri elementi dinamici del gioco.

Lo stake-to-earn permette invece di guadagnare bloccando i token per almeno 14 giorni e con un APY di partenza del 112%. I primi investitori hanno inoltre il vantaggio di vedere i loro token messi in stake automatico, guadagnando quindi anzitempo e prima del termine della presale. 

Se Meme Kombat segue la sua roadmap, vedremo, nel corso del tempo, una serie di aggiornamenti del gioco, con la messa in opera delle stagioni di combattimento, allo scopo di fidelizzare gli utenti e creare una base solida di supporto al progetto.

In questo momento un MK è venduto a $0,183: il sostegno degli investitori può portare il progetto a cifre molto alte continuando di questo passo. 

*Questo articolo è stato pagato. Cryptonomist non ha scritto l’articolo né testato la piattaforma.

Marco Cavicchioli
Marco Cavicchioli
"Classe 1975, Marco è stato il primo a fare divulgazione su YouTube in Italia riguardo Bitcoin. Ha fondato ilBitcoin.news ed il gruppo Facebook "Bitcoin Italia (aperto e senza scam)".
RELATED ARTICLES

MOST POPULARS