HomeCriptovaluteBitcoinMicroStrategy rafforza la sua posizione in Bitcoin con un acquisto di 16.130...

MicroStrategy rafforza la sua posizione in Bitcoin con un acquisto di 16.130 unità per $593 milioni

Di recente, la rinomata azienda MicroStrategy ha acquistato altri 16.130 Bitcoin al prezzo di 593 milioni di dollari, intensificando così ulteriormente la sua posizione nella crypto più prestigiosa di tutte. Vediamo di seguito tutti i dettagli. 

La strategia di MicroStrategy: consolidamento e crescita nell’ecosistema Bitcoin

Come anticipato, MicroStrategy, azienda leader nel campo della business intelligence e del software, ha proseguito il suo impegno costante verso Bitcoin. 

Nello specifico annunciando l’acquisto di ulteriori 16.130 BTC al costo totale di 593,3 milioni di dollari, secondo quanto dichiarato oggi dal fondatore e presidente Michael Saylor. 

L’operazione è avvenuta in concomitanza con un rialzo dei prezzi di Bitcoin, che ha recentemente toccato un massimo annuale superiore ai $38.300.

Ricordiamo che l’azienda ha fatto il suo ingresso nel mercato di Bitcoin nell’agosto 2020 con un significativo investimento iniziale di 250 milioni di dollari in BTC. 

Da allora, ha costantemente incrementato le sue riserve di Bitcoin, implementando una strategia di tesoreria che ha accumulato oltre 174.530 Bitcoin, con un valore di oltre 6,59 miliardi di dollari al momento della stesura. 

In particolare, MicroStrategy ha reso noto di aver acquisito circa 16.130 bitcoin per circa 593,3 milioni di dollari in contanti, nel periodo compreso tra il 1° e il 29 novembre 2023. 

Il prezzo medio di acquisto si attesta intorno a 36.785 dollari per Bitcoin, considerando commissioni e spese. 

Al 29 novembre 2023, l’azienda detiene complessivamente circa 174.530 bitcoin, acquisiti a un prezzo aggregato di circa 5,280 miliardi di dollari e un prezzo medio di circa 30.252 dollari per bitcoin, incluse commissioni e spese.

Di rilevanza è il fatto che, con l’imminente arrivo del quarto halving di Bitcoin e la possibile approvazione nel breve futuro del primo ETF spot su Bitcoin da parte della SEC, MicroStrategy stia continuando la sua strategia di investimento aggressiva in Bitcoin, senza mostrare segni di rallentamento.

Bitfinex: il potenziale di crescita di Bitcoin sostenuto dalle prospettive della FED 

Nonostante Bitcoin abbia superato i 38.000 dollari più volte a novembre, il mantenimento di questo livello è stato problematico. 

Tuttavia, gli analisti di Bitfinex esprimono ottimismo nelle loro ultime valutazioni, suggerendo la possibilità di un aumento dei flussi di capitale verso Bitcoin a breve termine.

Secondo quanto riportato da The Block, infatti, gli analisti di Bitfinex basano le loro opinioni positive sull’alta probabilità che la Federal Reserve (FED) mantenga i tassi di interesse invariati a dicembre, sottolineando le recenti dichiarazioni accomodanti di Christopher Waller, membro della FED.

Nello specifico, gli analisti affermano quanto segue: 

“Se la Federal Reserve americana decidesse di mantenere i tassi di interesse invariati nella riunione del 13 dicembre, potremmo assistere a un aumento significativo dei flussi di capitale verso Bitcoin.” 

Dunque le aspettative sui tassi di interesse di dicembre, unite alle recenti dichiarazioni moderatamente ottimistiche di Waller, contribuiscono a rafforzare la fiducia verso Bitcoin e le criptovalute.

Christopher Waller ha anche espresso fiducia nella robustezza dell’attuale politica monetaria, suggerendo che sia ben posizionata per mitigare le pressioni economiche e riportare l’inflazione al 2%. 

Tuttavia, ha anche avvertito che, se l’inflazione persiste, potrebbero esserci tagli ai tassi di interesse nel 2024.

Così, anche gli analisti di Bitfinex sottolineano l’importanza dell’incertezza sulla continuazione del rallentamento dell’inflazione. 

In particolare affermando che, sebbene il mantenimento dei tassi di interesse possa innescare un aumento temporaneo dei prezzi di Bitcoin e delle altcoin, la direzione a lungo termine dipenderà da vari fattori economici e dall’impatto generale della politica monetaria. 

Gli stessi analisti prevedono possibili tagli dei tassi di interesse a partire da maggio 2024.

Le dichiarazioni della SEC in merito al rigoroso processo di valutazione per ETF Bitcoin 

Durante una recente conferenza, Gary Gensler, presidente della SEC, ha evitato di rivelare dettagli specifici riguardo al processo decisionale in corso per gli ETF spot su Bitcoin, attualmente sotto esame. 

Egli ha enfatizzato l’approccio meticoloso e consolidato dell’agenzia nel valutare tali richieste, paragonando il processo a quello delle offerte pubbliche iniziali (IPO). 

Gensler ha fornito una descrizione approfondita della procedura rigorosa di presentazione e risposta della SEC, coordinata dalla Divisione di finanza aziendale e dalla Divisione di trading e mercati. 

In particolare, ha affermato che questa pratica è stata un elemento cardine del quadro normativo della SEC per diverse decadi, garantendo un esame approfondito dei potenziali emittenti.

Le trattative in corso tra la SEC e aziende come Invesco e BlackRock indicano un coinvolgimento attivo nella risoluzione delle preoccupazioni relative agli ETF, con particolare attenzione agli impatti finanziari e ai rischi associati. 

Non a caso, le dichiarazioni di Gensler sono seguite a tali incontri, che hanno coinvolto anche interazioni con Grayscale.

Nel suo discorso, Gensler ha ribadito la sua visione del Bitcoin come merce e ha manifestato preoccupazione per il settore delle criptovalute nel complesso, citando i rischi connessi a frodi e manipolazioni. 

Ha anche sostenuto l’idea di delegare maggiore autorità di regolamentazione alla Commodity Futures Trading Commission (CFTC) per sovrintendere alle attività legate al Bitcoin.

Alessia Pannone
Alessia Pannone
Laureata in scienze della comunicazione e attualmente studentessa del corso di laurea magistrale in editoria e scrittura. Scrittrice di articoli in ottica SEO, con cura per l’indicizzazione nei motori di ricerca, in totale o parziale autonomia.
RELATED ARTICLES

MOST POPULARS