HomeCriptovaluteCoinbase lancia il trading spot di crypto per le istituzioni internazionali

Coinbase lancia il trading spot di crypto per le istituzioni internazionali

Coinbase, uno dei principali operatori nell’arena degli exchange crypto, ha presentato una mossa strategica introducendo il trading spot  sulla sua piattaforma internazionale. 

A partire da giovedì, gli investitori istituzionali d’oltreoceano avranno accesso alla negoziazione delle coppie BTC-USDC e ETH-USDC, segnando un distacco dalla precedente attenzione di Coinbase per i derivati.

L’abilitazione del crypto trading spot per le istituzioni internazionali di Coinbase 

La decisione di abilitare il trading a pronti per le istituzioni internazionali si allinea alla visione più ampia di Coinbase di espandere i propri servizi a livello globale nonostante le incertezze normative. 

Questa mossa si rivolge specificamente agli investitori istituzionali, offrendo loro l’opportunità di effettuare transazioni in Bitcoin ed Ether contro la stablecoin USDC. È da notare che Coinbase International Exchange, fondato a maggio, inizialmente offriva il trading di derivati.

In un comunicato stampa, Coinbase ha espresso l’intenzione di estendere questa nuova funzione agli utenti retail nei prossimi mesi. 

Inoltre, la piattaforma si propone di introdurre ulteriori asset e funzionalità volte a facilitare nuove strategie di trading e a migliorare l’efficienza del capitale.

La svolta strategica verso il trading a pronti per le istituzioni internazionali ha un duplice scopo. 

Da un lato, amplia l’offerta di prodotti di Coinbase, attirando una gamma più diversificata di partecipanti. Dall’altro, risponde alle preoccupazioni dei potenziali utenti che potrebbero esitare a rivolgersi alle borse statunitensi a causa delle incertezze del contesto normativo.

L’amministratore delegato di Coinbase, Brian Armstrong, ha dichiarato a gran voce l’impegno dell’azienda a esplorare le opzioni internazionali in mezzo alle ambiguità normative. Ha elogiato l’Unione Europea e il Regno Unito per il loro approccio ponderato e completo alla regolamentazione delle criptovalute.

Le sfide normative di Coinbase sono finite?

È essenziale notare che Coinbase ha affrontato sfide normative in passato. La Securities and Exchange Commission (SEC) degli Stati Uniti ha intentato una causa contro la società a giugno, sostenendo che operava come una borsa non registrata offrendo e vendendo titoli non registrati. 

Coinbase, guidata dal suo amministratore delegato Brian Armstrong e dal responsabile legale Paul Grewal, ha sostenuto la propria innocenza e ha cercato di fare chiarezza sulla posizione delle autorità di regolamentazione attraverso i canali legali.

Questa mossa verso il trading a pronti per le istituzioni internazionali arriva dopo che Coinbase ha esteso il suo servizio di futures perpetui ai trader al dettaglio al di fuori degli Stati Uniti nel mese di ottobre. 

Il servizio, inizialmente offerto ai clienti istituzionali quando la borsa è stata avviata a maggio, riflette i continui sforzi di Coinbase per soddisfare una base di utenti globale.

Per contro, la SEC ha preso di mira anche altri importanti operatori nel settore delle criptovalute, tra cui Binance, con accuse di violazioni normative simili. 

Binance ha dovuto affrontare accuse di commistione di fondi dei clienti, che hanno portato a un accordo con il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti a novembre, che ha comportato un risarcimento di 4,3 miliardi di dollari e la rimozione del suo ex CEO Changpeng Zhao. Binance si è dichiarata colpevole di aver violato il Bank Secrecy Act in questo accordo.

Mentre Coinbase naviga nel complesso panorama normativo, l’espansione del trading a pronti per le istituzioni internazionali segna un passo strategico verso la promozione di un mercato delle criptovalute più inclusivo e diversificato. 

Nei prossimi mesi si assisterà probabilmente a ulteriori sviluppi, in quanto Coinbase mira a estendere queste funzionalità agli utenti retail e a introdurre ulteriori asset, consolidando la sua posizione di attore chiave nell’ecosistema globale degli scambi di criptovalute.

Il trading spot di Coinbase è il ponte tra la finanza tradizionale e il mondo crypto

L’ingresso di Coinbase nel trading spot per le istituzioni internazionali la posiziona come un intermediario chiave nella convergenza in corso tra la finanza tradizionale e la sfera delle criptovalute. L’impegno della piattaforma ad ampliare l’offerta di prodotti e ad abbracciare diversi segmenti di utenti sottolinea la maturazione del mercato delle criptovalute.

In prospettiva, la roadmap di Coinbase prevede non solo l’espansione degli asset disponibili per il trading, ma anche l’introduzione di funzionalità volte a migliorare l’efficienza del capitale. 

Questa visione strategica si allinea alla più ampia tendenza delle piattaforme di criptovalute ad evolvere oltre i semplici facilitatori di transazioni per diventare ecosistemi finanziari completi.

In conclusione, l’ingresso di Coinbase nel trading a pronti per le istituzioni internazionali rappresenta una pietra miliare nell’evoluzione della società e uno sviluppo degno di nota nel settore delle criptovalute. 

I prossimi mesi porteranno senza dubbio ulteriori progressi normativi, tecnologici e di mercato, plasmando il ruolo di Coinbase nel panorama finanziario globale e influenzando la traiettoria dell’adozione delle criptovalute. 

Mentre il settore continua a navigare tra le complessità normative, Coinbase si pone come un faro di innovazione, resilienza e impegno nel promuovere un ambiente crittografico sicuro e inclusivo sia per i partecipanti istituzionali che per quelli al dettaglio.

RELATED ARTICLES

MOST POPULARS