HomeSponsoredBitcoin torna sopra i 43.000 dollari mentre gli analisti prevedono un aumento...

Bitcoin torna sopra i 43.000 dollari mentre gli analisti prevedono un aumento nel 2024

*SPONSORED POST

All’inizio di dicembre, il Bitcoin ha raggiunto i 44.000 dollari, registrando una crescita del 12% nell’ultimo mese. L’aumento di valore improvviso è stato generato dall’entusiasmo per l’attesa del verdetto della SEC sugli ETF Spot Bitcoin.

Tuttavia, l’ente statunitense ha deciso di rimandare la decisione al 25 gennaio del 2024. Di conseguenza, il valore del Bitcoin è tornato a oscillare, fino a calare sotto i 41.000 dollari nelle ultime 24 ore. Precisamente, il BTC ha subito un calo del 2% che lo ha porato a un valore di 40.970 dollari.

Il calo non ha inficiato sul sentiment positivo dei trader per la famosa criptovaluta, convinti che il prossimo gennaio la SEC approverà gli ETF Spot, rendendo gli investimenti in Bitcoin accessibili attraverso i metodi della finanza tradizionale.

Questo può portare un nuovo flusso di capitali alla criptovaluta, diminuire volatilità del mercato e aumentare la fiducia dei singoli investitori, così come delle istituzioni.

Secondo gli analisti, ci sono buone probabilità che la SEC approvi gli ETF Spot, in quanto sta ricevendo pressioni da asset manager importanti come Blackrock e Grayscale.

Gli esperti ritengono che con l’approvazione degli ETF Spot, il Bitcoin potrebbe raggiungere i 60.000 dollari nel 2024 e arrivare alla soglia dei 100.000 dollari all’inizio del 2025. Inoltre, il BTC può trainare le altcoin, generando una nuova fase rialzista del mercato delle criptovalute.

Le previsioni ottimistiche e il fermento della community per gli ETF Spot, stanno portando sempre più investitori alla presale di Bitcoin ETF token, una progetto celebrativo basato sul burning del token nativo BTCETF.

Bitcoin ETF Token

Bitcoin ETF è stato creato per seguire gli sviluppi degli ETF Spot e il Bitcoin. Infatti, sul sito ufficiale della presale è possibile trovare un utile feed di notizie legate alla criptovaluta. Il token nativo BTCETF non ha alcuna utilità e non è legato al Bitcoin, in quanto costruito sulla rete Ethereum.

Il motivo dell’interesse dei trader per il progetto deriva dal particolare meccanismo di burning, diviso per cinque milestone basate sulle seguenti previsioni:

  • Il volume di trading di BTCETF raggiunge 100 milioni
  • Approvazione del primo ETF su Bitcoin negli Stati Uniti
  • Lancio del primo ETF su Bitcoin negli Stati Uniti
  • Il patrimonio gestito dall’ETF Bitcoin arriva a 1 miliardo di dollari
  • Il valore del Bitcoin supera i 100.000 dollari

Il raggiungimento di ogni milestone, comporta il burning dei BTCETF pari al 5% e a una riduzione dell’1% della tassa sulle vendite che partirà dal 5%.

Con l’ultima milestone, si arriverà al burning del 25% dell’offerta totale di 2.100.000.000 BTCETF e all’eliminazione della tassa sulle vendite.

Quindi, l’offerta di BTCETF diminuirà di pari passo con lo sviluppo degli ETF Spot, per aumentare la domanda e il valore del token. A questo si aggiunge la crescita del Bitcoin che potrebbe generare un rally dei token derivati.  

Chiaramente, il successo del progetto si basa su delle previsioni, quindi in caso di bocciatura degli ETF Spot da parte della SEC, il BTCETF potrebbe avere un lancio negativo sul mercato.

Al momento, gli investitori sono fiduciosi nel progetto, non a caso la presale ha raccolto più di 4,6 milioni di dollari. Il BTCETF si può acquistare a 0,0068 dollari direttamente sul sito ufficiale della presale, pagando con ETH, USDT, carta di credito, BNB e MATIC.

Utilizzando i primi tre metodi di pagamento, sarà possibile fare subito staking dei token acquistati, per ottenere ricompense passive in BTCMTX. Le ricompense verranno calcolate in base allo staking pool e all’APY (attualmente al 62%), mentre verranno erogate nell’arco di cinque anni e al ritmo di 119 token per blocco Ethereum.

*Questo articolo è stato pagato. Cryptonomist non ha scritto l’articolo né testato la piattaforma.

Massimo De Vincenti
Massimo De Vincenti
Laureato in Economics and Business presso l’Università Luiss di Roma, Massimo ha conseguito anche un Master in Amministrazione, Finanza e Controllo. Trader e analista esperto nel campo delle criptovalute e della finanza decentralizzata, è consulente tecnologico appassionato di innovazione ed evoluzione digitale, relatore anche per seminari o approfondimenti tematici nell'ambito fintech e crypto.
RELATED ARTICLES

MOST POPULARS