HomeCriptovaluteBitcoinBitwise: BITB è il primo ETF Bitcoin statunitense con trasparenza on-chain

Bitwise: BITB è il primo ETF Bitcoin statunitense con trasparenza on-chain

Bitwise Asset Management ha recentemente comunicato che il suo Bitwise Bitcoin ETF (BITB) è il primo ETF Bitcoin spot quotato negli Stati Uniti a divulgare gli indirizzi dei portafogli. 

Questa iniziativa innovativa offre la possibilità di verificare pubblicamente le partecipazioni e i flussi di BITB direttamente attraverso la blockchain. Vediamo di seguito tutti i dettagli. 

Bitwise Bitcoin ETF: verifica pubblica delle partecipazioni e dei flussi direttamente sulla blockchain

Come anticipato, Bitwise ha recentemente annunciato un nuovo standard di trasparenza nel settore degli ETF sulle criptovalute, segnando un passo significativo verso l’accettazione mainstream. 

Il 24 gennaio, Bitwise Asset Management ha rivelato informazioni rivoluzionarie sul suo Bitwise Bitcoin ETF (BITB), il primo ETF spot su Bitcoin quotato negli Stati Uniti ad aprire pubblicamente gli indirizzi del suo portafoglio BTC. 

Approvato dalla SEC statunitense il 10 gennaio e iniziato a negoziare il giorno successivo, questo annuncio senza precedenti consente a chiunque di verificare le partecipazioni e i flussi dell’ETF direttamente sulla blockchain. 

Rispettando così il principio fondamentale di trasparenza on-chain di Bitcoin.

Questo passo avanti non solo rappresenta un successo significativo per Bitwise, ma segna un momento fondamentale per il mercato statunitense delle criptovalute, dimostrando un impegno elevato verso la trasparenza e la fiducia. 

La decisione di Bitwise di pubblicare gli indirizzi dei portafogli in BTC risuona con l’etica di Bitcoin, evidenziando l’adesione dell’azienda ai principi fondamentali del mondo delle criptovalute.

Nuova era di sicurezza e innovazione nel settore degli ETF sulle crypto 

L’iniziativa di cui sopra è solo l’inizio del percorso di Bitwise verso un miglioramento della trasparenza pubblica. Ci sono infatti prospettive di ulteriori progressi nell’infrastruttura e la volontà di collaborare con aziende come Hoseki per fornire attestazioni crittografiche in tempo reale. 

Questo sforzo mira a rafforzare ulteriormente la trasparenza e l’affidabilità dell’ETF, stabilendo un nuovo punto di riferimento per il settore.

L’annuncio di Bitwise è stato accolto con entusiasmo dalla comunità crypto e dagli esperti. 

Ad esempio, l’analista Joe Burnett ha elogiato la mossa e ha suggerito un approccio innovativo per migliorare la sicurezza e la decentralizzazione dell’ETF. Nello specifico proponendo l’utilizzo di una rete di agenti chiave geograficamente distribuiti. 

Questo approccio riduce il rischio di un singolo punto di guasto, aggiungendo un ulteriore livello di sicurezza all’ETF BITB. La risposta positiva del settore sottolinea la crescente richiesta di trasparenza e sicurezza nel mondo delle criptovalute.

L’introduzione della trasparenza on-chain da parte di Bitwise va oltre il miglioramento di un prodotto finanziario: rappresenta un passo coraggioso verso il futuro degli ETF sulle criptovalute. 

Questo movimento, in linea con l’etica di Bitcoin, soddisfa la crescente domanda di trasparenza degli investitori. 

Mentre il mercato delle criptovalute continua a maturare, si aspettano infatti ulteriori innovazioni di questo tipo, spingendo il settore verso maggiore sicurezza, decentralizzazione e fiducia pubblica. 

Il pionierismo di Bitwise potrebbe ispirare altre aziende, aprendo la strada a una nuova era negli ETF sulle criptovalute.

CoinShares e WisdomTree riducono le commissioni su ETP Bitcoin

Nel mezzo delle news, CoinShares ha recentemente annunciato una significativa riduzione delle commissioni sul suo prodotto ETP Bitcoin, seguendo l’esempio di WisdomTree e Invesco. 

La mossa, programmata per il 1° febbraio, vede la commissione annuale scendere dallo 0,98% allo 0,35%, in risposta al dinamismo del mercato degli asset crittografici. 

La decisione riflette una tendenza più ampia, con WisdomTree che ha ridotto le commissioni la scorsa settimana e Invesco che ha fatto lo stesso per il suo ETP fisico su Bitcoin. 

Queste modifiche riflettono una nuova fase di competizione globale nel settore degli ETF bitcoin, guidata dalle recenti approvazioni della Securities and Exchange Commission (SEC) per fondi direttamente collegati a Bitcoin negli Stati Uniti.

L’attenzione crescente sugli ETP spot su bitcoin ha portato a una corsa alle commissioni più basse, evidenziando la sfida tra i principali emittenti per trovare il giusto equilibrio tra domanda e offerta. 

La riduzione delle commissioni mira a stimolare la crescita degli asset gestiti e a migliorare l’accessibilità dell’esposizione alle criptovalute per gli investitori istituzionali e al dettaglio.

Alessia Pannone
Alessia Pannone
Laureata in scienze della comunicazione e attualmente studentessa del corso di laurea magistrale in editoria e scrittura. Scrittrice di articoli in ottica SEO, con cura per l’indicizzazione nei motori di ricerca, in totale o parziale autonomia.
RELATED ARTICLES

MOST POPULARS