HomeCriptovaluteBitcoinJPMorgan sul Bitcoin: limitate pressioni al ribasso dopo le prese di profitto...

JPMorgan sul Bitcoin: limitate pressioni al ribasso dopo le prese di profitto di GBTC

Gli esperti di JPMorgan prevedono una moderata diminuzione ulteriore per il valore di Bitcoin, dato che le operazioni di presa di profitto su GBTC sembrano essersi per lo più concluse. 

Tuttavia, nonostante le prospettive positive, gli analisti avvertono che Grayscale Bitcoin Trust (GBTC) potrebbe continuare a sperimentare deflussi di fondi. Ciò a meno che non riduca le commissioni nel prossimo futuro.

Vediamo di seguito tutti i dettagli. 

JPMorgan: tendenza stabilizzante nel mercato crypto dopo le operazioni del Grayscale Bitcoin Trust

Come anticipato, secondo JPMorgan, la pressione al ribasso sul prezzo di Bitcoin è stata mitigata in seguito alla chiusura significativa delle operazioni di presa di profitto su Grayscale Bitcoin Trust (GBTC). 

La conversione di GBTC in un exchange-traded fund spot di Bitcoin ha comportato deflussi di 4,3 miliardi di dollari nelle ultime due settimane. Superando dunque le stime di JPMorgan di circa 3 miliardi di dollari. 

Gli analisti, guidati da Nikolaos Panigirtzoglou, hanno sottolineato che la maggior parte delle prese di profitto su GBTC sembra essere già avvenuta. 

Ciò indica dunque che la pressione al ribasso su Bitcoin derivante da tale canale dovrebbe essere in gran parte superata.

Nonostante la recente diminuzione del prezzo di Bitcoin del 20% a seguito dell’approvazione degli ETF spot su Bitcoin negli Stati Uniti, gli analisti ritengono che il peggio sia ormai alle spalle. 

Tuttavia, avvertono che se GBTC non ridurrà la sua commissione dell’1,5% a breve termine, potrebbe continuare a subire deflussi di fondi e perdere quote di mercato a favore di concorrenti emergenti come BlackRock e Fidelity. 

Questi ultimi hanno attratto rispettivamente 1,9 miliardi di dollari e 1,8 miliardi di dollari di afflussi. Inoltre vantano commissioni significativamente inferiori, solo 25 punti base (senza deroghe) rispetto ai 150 punti base di GBTC.

Considerazioni sugli ETF Bitcoin negli USA secondo gli analisti di JPMorgan

Inoltre gli analisti di JPMorgan ritengono che l’introduzione recente degli ETF spot su Bitcoin negli Stati Uniti rappresenti una significativa evoluzione nella determinazione dei prezzi di Bitcoin. 

In particolare allineandola ai mercati tradizionali, specialmente nelle azioni, dove gli ETF sono comuni.

Essi infatti affermano che, nonostante un’apparente frammentazione iniziale, l’inclusione degli ETF spot su Bitcoin potrebbe, nella pratica, migliorare la profondità e la liquidità del mercato.

Seguendo dunque l’esperienza positiva degli ETF in asset class tradizionali come le azioni. 

In altre parole, gli analisti si attendono che l’emergere di ETF spot su Bitcoin renda il processo di scoperta del prezzo di Bitcoin più efficiente, piuttosto che meno.

Infine, gli analisti concludono che l’approvazione del piano di Grayscale Bitcoin Trust (GBTC) per introdurre un ETF covered call sarebbe un impulso significativo per il fondo e per i mercati dei derivati di Bitcoin.

News da parte di Bitwise per il settore ETF Bitcoin negli USA 

Bitwise sta guidando un importante cambiamento nel settore delle criptovalute. Nello specifico posizionandosi come il primo ETF spot Bitcoin negli Stati Uniti ad autenticare pubblicamente le sue riserve BTC onchain. 

Questa mossa innovativa segue le rivelazioni di Arkham Intelligence sulle partecipazioni in BTC dei principali attori del settore. Inoltre rappresenta un passo significativo verso una maggiore trasparenza e fiducia nella gestione degli asset digitali.

La recente divulgazione da parte di Bitwise degli indirizzi bitcoin associati al suo ETF BITB permette la verifica diretta su blockchain delle partecipazioni e dei flussi. Ciò in linea con i principi fondamentali di trasparenza di Bitcoin. 

Questo non solo pone un nuovo standard nel settore, ma si unisce a una tendenza degli exchange centralizzati che migliorano le attestazioni di prova di riserva. Di particolare rilevanza dopo il recente crollo di FTX.

Il portafoglio di Bitwise, noto come “1CKVs”, detiene attualmente 11,858.63 BTC, con un valore di circa 470.74 milioni di dollari, classificandosi come il 71° indirizzo bitcoin più ricco. 

Questo audace passo potrebbe influenzare altri ETF spot Bitcoin a seguire l’esempio e adottare misure simili di trasparenza.

L’iniziativa di Bitwise riflette il crescente impegno del settore verso una maggiore trasparenza. Un aspetto cruciale alla luce delle recenti turbolenze del mercato delle criptovalute. 

Con l’evoluzione del settore, è possibile che sempre più aziende adottino attestazioni crittografiche in tempo reale e altre misure trasparenti. Contribuendo così a stabilire nuovi standard per garantire la fiducia degli investitori nel mercato delle criptovalute.

Alessia Pannone
Alessia Pannone
Laureata in scienze della comunicazione e attualmente studentessa del corso di laurea magistrale in editoria e scrittura. Scrittrice di articoli in ottica SEO, con cura per l’indicizzazione nei motori di ricerca, in totale o parziale autonomia.
RELATED ARTICLES

MOST POPULARS