HomeCriptovaluteNicholas Coppola: il 27enne della maxi truffa crypto finisce in carcere

Nicholas Coppola: il 27enne della maxi truffa crypto finisce in carcere

Nicholas Coppola, il 27enne italiano che ha collezionato una serie di denunce per truffa sulle crypto, è stato portato in carcere. Secondo la Procura di Verona, l’indagato poteva continuare le sue attività criminose o organizzare tentativi di fuga mentre era ai domiciliari. 

Nicholas Coppola della maxi truffa crypto è stato portato in carcere

Nicholas Coppola, il 27enne autore della maxi truffa crypto che ha collezionato una pioggia di denunce, è stato portato in carcere. 

A deciderlo è stato direttamente il Gip del Tribunale di Verona, su richiesta del pubblico ministero, dopo che nel periodo di domiciliari è stato scoperto che Coppola aveva accesso a smartphone e pc, le sue armi della truffa. 

E infatti, nonostante le restrizioni imposte dall’ordinanza dopo Natale 2023, che lo aveva messo ai domiciliari, è stato rilevato quanto segue:

“l’indagato continuava a comunicare con telefono cellulare e computer connessi ad internet, potendo così reiterare condotte criminose analoghe a quelle già contestate o porre in essere tentativi di fuga”.

Dunque il problema è che Coppola avrebbe potuto a condurre le sue attività criminose o organizzare un tentativo di fuga, proprio mentre era ai domiciliari, grazie all’accesso ai dispositivi internet. 

Pertanto, i finanzieri di Verona hanno eseguito la misura della custodia cautelare in carcere

Nicholas Coppola e la sua maxi truffa crypto

Secondo quanto è emerso, Coppola aveva iniziato a pieno la sua maxi truffa crypto almeno dal 2021. 

Attraverso i suoi profili social, seguiti da oltre 26 mila followers, Coppola promuoveva la propria immagine come persona di grande successo in ambito finanziario, ostentando un elevato tenore di vita. Non solo, Coppola pubblicizzava eventi e società attive nel mondo degli investimenti in criptovalute.

Incuriositi dallo stile di vita di Coppola, tra lusso, alberghi da sogni, auto fiammanti e viaggi intorno al mondo, le vittime seguivano i suoi “consigli finanziari”, investendo in quelli che poi si sono rivelati dei veri e propri Schemi Ponzi. 

E infatti, pare che il denaro investito dalle vittime con promessa di ritorni più consistenti, non finiva in alcun arbitraggio o forma di investimento. Tale denaro veniva raccolto e usato per ripagare parzialmente i nuovi investitori. 

Scoperto lo scam, le vittime hanno sporto denuncia contro Coppola. Molti di loro si sono rivolti all’avvocato Matteo Moschini di Treviso, ma il ragazzo pare aver poi smesso di parlare durante l’interrogatorio. 

Ad ogni modo, mentre da un lato si parla di decine e, forse, centinaia di vittime, dall’altro insieme a Coppola, pare che nel mirino delle indagini ci siano anche i collaboratori del ragazzo. 

Il film Bitconned su Netflix

Le crypto truffe sono sempre più diffuse e, spesso e volentieri, seguono questo tipo di schema: ostentare la ricchezza per ingolosire le vittime che, investendo il loro denaro, cadono poi nella trappola del Ponzi. 

Rimanendo nel mondo delle crypto scam, su Netflix è presente da questo mese di gennaio 2024, Bitconned, il docu-film sulla crypto truffa di Ray Trapani e l’ascesa e caduta di Centra Tech. 

Il protagonista del film è proprio Ray Trapani, che nel 2017 aveva creato una delle più grandi crypto scam dietro la società Centra Tech che offriva, tra le altre cose, una carta di debito. 

Con questo biglietto da visita, Trapani ha poi creato una ICO (“Initial Coin Offering”) che avrebbe raccolto ben 25 milioni di dollari dagli interessati. 

L’illegalità della ICO, insieme a false dichiarazioni di materiale e omissioni che incoraggiano le persone a investire, avrebbe portato a un’accusa contro Ray e i suoi partner. 

Al momento, Trapani si è dichiarato colpevole delle accuse relative al piano di frode degli investitori ed è stato costretto a restituire oltre 2,6 milioni di dollari, oltre la sua condanna al carcere. 

Stefania Stimolo
Stefania Stimolo
Laureata in Marketing e Comunicazione, Stefania è un’esploratrice di opportunità innovative. Partendo come Sales Assistant per e-commerce, nel 2016 inizia ad appassionarsi al mondo digitale autonomamente, inizialmente in ambito Network Marketing dove conosce e si appassiona dell’ideale di Bitcoin e tecnologia Blockchain diventandone una divulgatrice come copywriter e traduttrice per progetti ICO e blog, ed organizzando corsi conoscitivi.
RELATED ARTICLES

MOST POPULARS