HomeCriptovaluteBitcoinBitcoin sembra ancora bullish, nonostante tutto

Bitcoin sembra ancora bullish, nonostante tutto

Stando a quanto dichiarato da CryptoQuant, il trend del prezzo di Bitcoin rimane bullish, nonostante tutto. 

Per gli stessi motivi anche quello di Ethereum appare ancora bullish. 

L’accumulo di Bitcoin: ultimo segnale bullish

Tutto parte da un’analisi dei cosiddetti indirizzi di accumulo. 

CryptoQuant pubblica diversi grafici sull’andamento di Bitcoin, ed uno di questi è per l’appunto il grafico chiamato “BTC Accumulation Addresses“.

Si tratta di un grafico prodotto dall’utente Crazzyblockk che mostra i BTC accumulati da un insieme di indirizzi pubblici. 

Concentrandosi in particolare su ciò che è accaduto nell’ultimo mese, Crazzyblockk fa notare che c’è stata una piccola impennata della crescita degli indirizzi di accumulo di Bitcoin ed Ethereum.

Considerando l’attuale andamento della domanda sul mercato crypto, ed esaminando gli indirizzi di accumulo di BTC ed ETH, risulterebbe evidente che nell’ultimo mese si sia registrato un notevole aumento del numero dei nuovi indirizzi di accumulo. 

Tutto ciò nonostante i prezzi siano rimasti sostanzialmente stabili, con una crescita relativamente modesta rispetto a quella dei mesi precedenti,

Secondo Crazzyblockk questo fenomeno indicherebbe che il sentiment degli investitori su Bitcoin e Ethereum stia comunque rimanendo rialzista, anche in un periodo di stabilità dei prezzi, perchè sempre più investitori sarebbero ansiosi di unirsi alle fila dei possessori di BTC e ETH. 

Le balene

Sui mercati finanziari occorre sempre distinguere il comportamento dei piccoli investitori retail da quello delle grandi balene, che spesso sono investitori istituzionali, anche se sui mercati crypto esistono anche rare balene retail. 

Gli investitori – e soprattutto gli speculatori – retail tendono a farsi trasportare dalle emozioni, e quindi comprano soprattutto quando il sentiment è chiaramente positivo, mentre tendono a vendere quando è negativo. 

Le balene invece difficilmente si fanno influenzare dalle emozioni, e si comportano in modo differente. Spesso non fanno nulla quando c’è troppa emotività sui mercati, preferendo un comportamento più razionale e ponderato. 

Il prezzo di Bitcoin ormai è da due settimane che lateralizza in una fascia compresa tra 67.000$ e 70.000$, rendendo evidente che questo sia un momento davvero a bassa emotività per i mercati crypto. 

Proprio per questo potrebbe essere invece un buon momento per le balene, che in un quadro di relativa stabilità hanno più tempo per analizzare la situazione e ponderare accuratamente le loro scelte. 

Stando a ciò che rivela il grafico di CryptoQuant si tratterebbe di un periodo di accumulo, in cui gli investitori più razionali stanno cercando di acquistare BTC e ETH in attesa di futuri aumenti. 

I retail

L’interesse dei retail nei confronti di Bitcoin è invece ai minimi del 2024, come dimostra il grafico delle ricerche della parola Bitcoin su Google negli ultimi 90 giorni a livello globale. 

Quindi è estremamente improbabile che siano i retail ad accumulare in questo momento, anche perchè il loro potere di acquisto cumulativo non risulta essere particolarmente importante in momenti in cui l’interesse è scarso. 

Da notare che a fine aprile, quando il prezzo di BTC scese fino sotto i 57.000$ per un breve momento, furono proprio dei corposi acquisti ad impedirne un calo ulteriore. All’epoca molti si attendevano un calo anche fin sotto i 53.000$, ma quei corposi acquisti ne impedirono l’ulteriore calo di prezzo.

È molto probabile che i retail, spinti dalla paura, abbiano venduto in massa tra il 12 aprile ed il primo maggio, e proprio a quel punto potrebbero essere subentrati degli investitori più razionali che, mettendo da parte i sentimenti come la paura, hanno invece razionalizzato la situazione e ritenuto quello un buon  momento per comprare. 

Infatti il netto calo di interesse generale nei confronti di Bitcoin è iniziato il 21 di aprile, dopo che si era esaurito il grosso della paura. 

Il fatto che dal due di maggio sia iniziato un rimbalzo del prezzo di Bitcoin, senza però che l’interesse dei retail crescesse, indica che dopo aver venduto ad aprile i retail potrebbero essere di nuovo pronti a comprare, in caso di ritorno dell’entusiasmo. 

Il muro a 70.000$: Bitcoin è ancora bullish?

Ieri il prezzo di Bitcoin ha provato a superare i 70.000$, ma è stato letteralmente rigettato giù, anche se di poco. 

Il fatto è che, come evidenziato dagli analisti di Bitfinex, già da metà marzo ci sono diversi detentori di BTC di lungo termine che stanno approfittando dei prezzi elevati per prendere profitto. 

La soglia psicologica dei 70.000$ sembra proprio essere perfetta per far scattare la voglia di prendere profitto, da parte di chi ha acquisito Bitcoin a costi nettamente inferiori. 

La cosa sembra stridere con la rivelazione di Crazzyblockk che questo sia un periodo di accumulo, ma in realtà le due visioni sono perfettamente complementari. 

Infatti ad accumulare sono coloro che non hanno ancora messo BTC in portafoglio, o che ne hanno messi troppo pochi, a loro modo di vedere, mentre a prendere profitto sono coloro che hanno già ampiamente accumulato in passato a costi molto più bassi. 

Non va dimenticato che il picco massimo storico del prezzo di Bitcoin prima del 2024 erano proprio gli attuali 69.000, quindi oltre i 70.000$ sono in profitto tutti coloro che hanno acquistato prima di marzo 2024. 

Nel momento in cui dovessero arrestarsi queste prese di profitto, e dato che l’accumulo sembra stia proseguendo anche con BTC a 69.000$, l’ipotesi che la bullrun prima o poi possa riprendere va considerata assolutamente possibile. 

Marco Cavicchioli
Marco Cavicchioli
"Classe 1975, Marco è stato il primo a fare divulgazione su YouTube in Italia riguardo Bitcoin. Ha fondato ilBitcoin.news ed il gruppo Facebook "Bitcoin Italia (aperto e senza scam)".
RELATED ARTICLES

MOST POPULARS

GoldBrick