HomeCriptovaluteBitcoinDrake perde $500.000 in Bitcoin dopo la finale NBA

Drake perde $500.000 in Bitcoin dopo la finale NBA

Prima della finale di NBA, il noto rapper Drake ha scommesso $500.000 in Bitcoin sui Dallas Mavericks tramite Stake, sperando in una vincita di 1.375 milioni. Tuttavia, ha perso la scommessa. Vediamo di seguito tutti i dettagli. 

NBA: Drake scommette e perde mezzo milione in Bitcoin puntando sui Dallas Mavericks

Come anticipato, Drake, noto per utilizzare Bitcoin nelle sue scommesse sportive, ha recentemente puntato sulle finali NBA. Purtroppo, i risultati non sono stati favorevoli per il rapper. 

Il 6 giugno, Drake ha scommesso $500.000 in Bitcoin tramite Stake sui Dallas Mavericks, sperando in una vincita di 1,375 milioni di dollari. Ha annunciato la sua scommessa su Instagram, scrivendo: “Dallas perché sono un texano.” 

Drake ha subito una significativa perdita quando i Boston Celtics hanno trionfato con un punteggio di 106-88. 

Il rapper, però, non ha puntato tutto su un unico evento, avendo anche scommesso $500.000 sull’esito delle finali della Stanley Cup NHL, puntando sugli Edmonton Oilers. 

Una vittoria lo renderebbe più ricco di 1,02 milioni di dollari, ma una sconfitta comporterebbe una perdita totale di 1 milione di dollari.

Gli Oilers affronteranno i Florida Panthers in gara 5, che si giocherà in casa di questi ultimi. Le speranze di Drake sono riposte sugli Oilers dopo la sconfitta dei Mavericks. Drake ha utilizzato al massimo il sito di scommesse Stake, con cui ha una partnership dal 2022. 

Nonostante abbia ottenuto profitti significativi attraverso le sue scommesse, ha anche subito pesanti perdite. Come all’inizio dell’anno quando ha perso $615.000 in Bitcoin dopo che Francis Ngannou ha perso contro Anthony Joshua in un incontro di boxe.

Anche Trump ‘scommette’ su Bitcoin: il sostegno al mining della crypto 

L’incontro recente di Donald Trump con una delegazione di miner di Bitcoin ha scosso sia il settore blockchain che la scena politica. 

In una mossa sorprendente e astuta, Trump si è posizionato come sostenitore del mining di Bitcoin, evidenziando i potenziali benefici economici e la capacità di creare posti di lavoro. Tuttavia, un’analisi più approfondita rivela diverse problematiche che oscurano la sua posizione e il significato per il settore.

Trump ha proposto incentivi federali per le operazioni di mining di Bitcoin, tra cui agevolazioni fiscali, sussidi energetici e potenziali deregolamentazioni per alleviare i vincoli operativi dei miner. 

Ha anche sottolineato il potenziale per la creazione di posti di lavoro, specialmente nelle aree economicamente depresse, paragonando il mining di Bitcoin a una nuova rivoluzione industriale.

Tuttavia, queste proposte hanno suscitato reazioni contrastanti. Alcuni operatori del settore vedono questo come un riconoscimento del potenziale economico di Bitcoin, mentre altri sono scettici sulle vere motivazioni di Trump. 

In altre parole, l’entusiasmo di alcuni nella comunità mineraria non nasconde le complesse problematiche che il settore deve affrontare. Infatti, una delle sfide maggiori per i miner di Bitcoin oggi è l’aumento drammatico dell’hash rate e della difficoltà di mining. 

L’aumento dell’hash rate ha superato la redditività, creando una situazione precaria per i miner. Questo aumento ha portato a una maggiore difficoltà di mining, rendendo più difficile trovare nuovi blocchi e guadagnare le ricompense associate. 

Per molti miner, specialmente quelli con margini di profitto più sottili, i costi operativi stanno aumentando più velocemente dei profitti potenziali. 

Gli incentivi del settore, come gli accordi di riduzione dell’energia e le società quotate in borsa che utilizzano le azioni per sostenere le operazioni, peggiorano questa situazione. 

Questi incentivi spesso favoriscono i guadagni a breve termine a scapito della sostenibilità a lungo termine, mettendo i miner più piccoli e indipendenti in una posizione di svantaggio significativo.

Alessia Pannone
Alessia Pannone
Laureata in scienze della comunicazione e attualmente studentessa del corso di laurea magistrale in editoria e scrittura. Scrittrice di articoli in ottica SEO, con cura per l’indicizzazione nei motori di ricerca, in totale o parziale autonomia.
RELATED ARTICLES

MOST POPULARS

GoldBrick