HomeCriptovaluteBitcoinGemini: gli Winklevoss donano $2 milioni in Bitcoin a Donald Trump come...

Gemini: gli Winklevoss donano $2 milioni in Bitcoin a Donald Trump come Presidente pro-crypto

I due gemelli fondatori del crypto-exchange Gemini, Tyler e Cameron Winklevoss, hanno annunciato di aver donato 2 milioni di dollari in Bitcoin a Donald Trump. Tale sostegno servirà per mettere fine alla guerra contro le criptovalute promossa dall’amministrazione di Biden e di far diventare Trump il primo “Presidente pro-crypto”. 

Gemini: gli Winklevoss e la donazione di $2 milioni in Bitcoin a Donald Trump a favore delle crypto

I due gemelli fondatori di Gemini, Tyler e Cameron Winklevoss, hanno annunciato di aver donato 1 milione di dollari a testa in Bitcoin a Donald Trump. 

Tale somma totale di 2 milioni di dollari in BTC, sarà poi seguita dal loro voto alle elezioni di novembre, come un forte sostegno a credere in Trump come il primo Presidente degli Stati Uniti pro-bitcoin, pro-crypto e pro-business. 

Nello specifico, il lungo tweet di Tyler Winklevoss, vuole anche fornire tutte le informazioni per cui sostenere Trump, significherebbe anche mettere fine alla guerra alle crypto promossa dall’amministrazione Biden. 

“Ho appena donato 1 milione di dollari in bitcoin (15,47 BTC) a @realDonaldTrump e voterò per lui a novembre. Ecco perché: Negli ultimi anni, l’amministrazione Biden ha dichiarato apertamente guerra alle criptovalute. Ha armato diverse agenzie governative per intimidire, molestare e citare in giudizio i bravi attori del nostro settore nel tentativo di distruggerlo. Le azioni di questa amministrazione sono state a dir poco un abuso di potere senza precedenti, esercitato interamente per un contorto tornaconto politico a spese dell’innovazione, dei contribuenti americani e dell’economia americana. A questo punto l’amministrazione Biden non può fare o dire nulla per fingere il contrario.”

Anche il gemello Cameron si è unito alla conversazione condividendo il tweet del fratello: 

“Anche io ho appena donato 1 milione di dollari in bitcoin (15,47 BTC) a @realDonaldTrump e voterò per lui a novembre. Ecco il punto della situazione: il Presidente Trump è..:Pro-Bitcoin, favorevole alla crittografia, favorevole al business. E metterà fine alla guerra dell’amministrazione Biden contro le criptovalute. Avanti!”

Gemini: i fratelli Winklevoss sostengono Donald Trump come primo “Presidente crypto”

Tornando al lungo tweet di Tyler Winklevoss, ci sono diversi punti salienti che fanno riferimento a come l’amministrazione Biden abbia scatenato la guerra alle crypto, mentre Trump diventerà il primo “Presidente Crypto”. 

A tal proposito, il gemello Winklevoss descrive l’Operazione Choke Point 2.0 che coinvolge le agenzie federali OCC e FDIC, per istruire le banche a porte chiuse a non includere le società crypto. Tale Operazione di de-bancarizzazione di settori legali ma ideologicamente non graditi, sarebbe iniziata durante l’amministrazione Obama, quando Joe Biden era vicepresidente e poi è stata rinforzata contro le crypto con l’amministrazione di Biden. 

Inoltre, il gemello Winklevoss ha poi parlato dell’arma della Securities and Exchange Commission (SEC) dell’amministrazione di Biden contro le criptovalute. Ciò che emerge dal discorso è che la mancanza di chiarezza normativa sul settore crypto sia proprio una scelta voluta. 

“Assumendo la ridicola posizione secondo cui quasi tutte le criptovalute sono titoli, la SEC di Biden si è data la plausibilità e carta bianca per intentare cause contro qualsiasi progetto e società di criptovalute negli Stati Uniti. Il gioco è semplice. Rendere impossibile la conformità, poi fare causa a tutti quelli che non la rispettano. Ed è esattamente quello che la SEC di Biden ha fatto più e più volte nei confronti dei bravi attori del settore. Invece di elaborare regole per le criptovalute – cosa che potrebbe essere fatta in pochi giorni – le regole saranno scritte tra anni da giudici e giurie che stabiliranno che la SEC ha agito in malafede e si è sempre sbagliata.”

Al contrario, quando Tyler di Gemini parla di Trump lo descrive come la scelta ‘pro-Bitcoin, pro-crypto e pro-business’. Infine, gli Winklevoss invitano i loro follower a seguire la loro scelta di votare Trump alle elezioni presidenziali 2024. 

Le donazioni in crypto e il favorito alle elezioni presidenziali 2024 degli USA

Era maggio 2024, quando la campagna elettorale di Donald Trump ha iniziato ad accettare donazioni in Bitcoin, Ethereum e altre crypto. 

In pratica, il sito web dell’ex Presidente degli USA ha annunciato che il candidato presidenziale accetta donazioni in crypto. 

Gli utenti possono scegliere tra le diverse opzioni e, nel caso crypto, le donazioni sono supportate da Coinbase e MetaMask. 

Nel frattempo, su Polymarket, i trader crypto continuano a scommettere per il 56% che sarà Trump a vincere le elezioni. Al contrario, le scommesse dei crypto trader sulla vincita di Joe Biden sono invece al 34%.

Stefania Stimolo
Stefania Stimolo
Laureata in Marketing e Comunicazione, Stefania è un’esploratrice di opportunità innovative. Partendo come Sales Assistant per e-commerce, nel 2016 inizia ad appassionarsi al mondo digitale autonomamente, inizialmente in ambito Network Marketing dove conosce e si appassiona dell’ideale di Bitcoin e tecnologia Blockchain diventandone una divulgatrice come copywriter e traduttrice per progetti ICO e blog, ed organizzando corsi conoscitivi.
RELATED ARTICLES

MOST POPULARS

GoldBrick