HomeCriptovaluteBitcoinBitcoin in crisi? Il Crypto Fear and Greed Index scende ai livelli...

Bitcoin in crisi? Il Crypto Fear and Greed Index scende ai livelli di ‘paura’

L’indice del sentiment di Bitcoin, il Crypto Fear and Greed Index, ha toccato il punteggio più basso degli ultimi 18 mesi, scendendo a livelli di “paura”. Questo indebolimento del sentiment di mercato è alimentato da due principali preoccupazioni. 

Ovvero la possibile vendita di 8,5 miliardi di dollari di Bitcoin da parte di Mt. Gox e i recenti deflussi significativi dagli ETF spot su Bitcoin negli Stati Uniti. La combinazione di questi fattori ha generato incertezza e timore tra gli investitori.  

Vediamo di seguito tutti i dettagli. 

Bitcoin Fear and Greed Index: Mt. Gox e la minaccia di un dump da 8,5 miliardi di dollari

Come anticipato, il Crypto Fear and Greed Index, che misura il sentiment del mercato per Bitcoin e il più ampio settore delle criptovalute, ha raggiunto il punteggio più basso in quasi 18 mesi. 

L’indice è sceso di 21 punti il 24 giugno, raggiungendo la zona “paura”, segnando uno dei maggiori cali giornalieri degli ultimi anni. 

Questo drastico calo riflette un aumento delle preoccupazioni tra gli investitori, che si traduce in una significativa incertezza e volatilità nel mercato delle criptovalute.

L’ultima volta che l’indice era nella zona della paura (un punteggio compreso tra 24 e 50) è stato circa sette settimane fa, il 3 maggio. Tuttavia, non ha toccato un punteggio inferiore a 30 dall’11 gennaio 2023. 

Cioè quando Bitcoin veniva scambiato a $17.200, solo due mesi dopo il crollo dell’exchange di criptovalute FTX. La scorsa settimana, in questo periodo, il punteggio era di 74 nella zona “avidità”. 

Deflussi e timori di vendita di massa alimentano la paura

Il sentiment negativo è arrivato in mezzo ai deflussi dagli exchange-traded fund spot di Bitcoin: oltre 1 miliardo di dollari negli ultimi dieci giorni di negoziazione. 

A ciò si aggiunge la notizia che Mt. Gox potrebbe prepararsi a vendere 8,5 miliardi di dollari di Bitcoin ai suoi creditori, mentre anche la Germania ha iniziato a vendere alcune delle sue riserve di Bitcoin. 

Questi fattori combinati hanno alimentato ulteriormente la paura nel mercato, portando a un calo significativo del valore di Bitcoin.

Nonostante queste preoccupazioni, un dirigente della società di investimento in criptovalute Galaxy Digital ritiene che il mercato potrebbe reagire in modo leggermente eccessivo alle preoccupazioni di Mt. Gox. 

Tuttavia, altri fattori, come la vendita di Bitcoin da parte dei miner a causa di un hashrate della rete in calo, potrebbero aver contribuito a indebolire ulteriormente il sentiment del mercato.

Bitcoin resisterà alla pressione?

Attualmente, Bitcoin è scambiato a circa $60.300 dopo essere sceso al minimo di sette settimane il 24 giugno. La questione cruciale ora è se il supporto del prezzo di BTC a $60.000 possa reggere. 

Il Crypto Fear and Greed Index tiene conto della volatilità del mercato (25%), del volume degli scambi (25%), della dominance di Bitcoin (10%) e delle tendenze (10%). In passato prendeva in considerazione i sondaggi (15%), ma questa metrica è attualmente in pausa.

Il punteggio ha avuto una tendenza al ribasso da quando ha ottenuto un punteggio di 90 “Extreme Greed” il 5 marzo, quando Bitcoin ha superato il suo precedente prezzo massimo storico di $69.000 stabilito nel novembre 2021. 

Questo calo continuo nel punteggio dell’indice suggerisce che gli investitori stanno diventando sempre più cauti e incerti riguardo al futuro di Bitcoin e del mercato delle criptovalute in generale.

Alessia Pannone
Alessia Pannone
Laureata in scienze della comunicazione e attualmente studentessa del corso di laurea magistrale in editoria e scrittura. Scrittrice di articoli in ottica SEO, con cura per l’indicizzazione nei motori di ricerca, in totale o parziale autonomia.
RELATED ARTICLES

MOST POPULARS

GoldBrick