6 Tips To Reduce Ocean Plastic Pollution Right Now

Share this article:

Plastic pollution: threat to ocean health

The impressive increase in plastic production and the current situation regarding recycling and waste management are still disproportionate.

In fact, between 4 and 12 million metric tons of plastic are introduced into the ocean every year and this amount is expected to double in the next 10 years.

Already in 2016, the Ellen MacArthur Foundation report, published at the World Economic Forum, stated that “by 2050 there will be more plastic waste than fish in the sea”. Not only that, it also states that new plastics will consume 20% of all oil production within 35 years, compared to an estimated 5% today.

Indeed, plastic production does not intend to slow down.

According to published data, some multinationals have individually produced millions of tons of plastic per year. Considering only 2018, there were Nestlé with a plastic production of 1.7 million tons, Colgate 287.008 tons, Unilever 610,000 tons and Burberry 200 tons.

But if multinationals and governments seek solutions to the environmental problem of the plastic of their caliber, even each individual, in his daily life, could begin to act immediately and contribute, changing his habits.

ocean plastic bag

Here are EarthBi 6 tips to reduce plastic ocean pollution right now:

  1. Refuse the use of throwaway plastic

In the first place there is certainly the single-use plastic. The decision to reject any throwaway plastic that is not really needed is already a great start.

It is not just a matter of following the laws that impose such bans, which haven’t been applied yet but precisely understanding in which situations the use of throwaway plastic objects is completely superficial.

Disposable objects, in fact, are generally used for less than five minutes, but they can remain in the environment for centuries.

The tip is therefore to avoid the unnecessary use of plastic bags, straws, cutlery, takeaway containers and proceed, instead, by replacing these objects with their reusable and more durable version.

  1. Pay attention to recycling

It seems obvious but the present results on plastic recycling are not really good. Currently, less than 15% of plastic is recycled worldwide. There is still a lot of work to do and it all starts with recycling in homes, in the workplace and even in public places.

The rules on plastic waste management may vary from country to country, so every citizen should request information on what types of plastic can be thrown in the trash.

Not only that, even as a consumer it is necessary for the individual to inquire about the type of chemicals used in plastic products, including electronics and toys. In fact, there are some materials that contain toxic and harmful substances.

The tip is to act on the control of one’s own waste, reading the code on the containers indicating the type of plastic used and knowing that only from code 1 to code 6, recyclable plastics are identified.

For example, code 1.PET or “Polyethylene Terephthalate or Polyethylene terephthalate” is the most commonly used plastic for the production of bottles, while the code 3. PVC or “Polyvinyl chloride” is the plastic used for the production of toys, balls but also lifesaver.

Recycling helps keep the plastic out of the ocean and reduces the amount of “new” plastic in circulation.

  1. Avoid products containing microplastics

The small particles or “microbeads” of plastic, the microplastics, are the direct threats to our seas and oceans, as well as the invisible food for all marine species.

Microplastics are found in ready-to-rinse products, such as scrubs or exfoliating creams and toothpastes, but also inside the synthetic fibers of our clothes.

At each wash, the sewer system or the washing machine drain pipe cannot filter them and for this reason they are the main causes of oceanic plastic pollution.

Not only that, even in household products there may be the presence of microplastics such as wall paints.

In order to identify products that are harmful to our environment, it is necessary to check on the ingredient labels whether there are “polyethylene” and “polypropylene”.

The tip is simple and direct: avoid all products that contain microplastics and replace them with others of vegetable nature and therefore organic.

  1. Participate in or organize plastic free activities

One of the most obvious initiatives to actively and directly participate in the reduction of pollution caused by plastic in the seas, it is undoubtedly going down to the beach or diving into the water and starting to collect as much plastic as possible.

Currently, there are many and different types of plastic free initiatives. These are all those events, awareness campaigns or real activities dedicated to environmental sustainability with regard to plastic. Being able to participate or organize them is, to date, one of the most gratifying and ethical actions to be implemented in defense of the land that hosts us.

After the sense of responsibility, therefore, even individual active involvement in this global issue can really make a difference especially for future generations.

The tip, therefore, is to include in your daily life a continuous interest and updating on the various plastic free initiatives, actively participating, remaining informed and perhaps raising awareness among friends and relatives.

  1. New habits in support of plastic free

The modern generation has inherited behaviors that unconsciously produce an improper use of the plastic material and therefore require a strong change.

Here are some tips:

  • Don’t throw the balloons at parties. Balloons are the most dangerous plastic a sea bird can swallow.
  • Always carry your own reusable bag when shopping. Plastic bags are the cause of death for more than 100,000 marine animals.
  • Use your own coffee cups. The fashion of American coffee or take-away in a busy day of work or study needs a more personalized, reusable and lasting change. Although they are made of paper, the classic coffee glasses are not recyclable because they are coated with plastic.
  • Fill your bottles with water. Try to make good use of drinking water by using reusable bottles instead of continuing to buy new plastic bottles.
  1. Prefer bio-plastic materials

The last tip, but not least, is the evaluation of bio alternatives to the traditional use of plastic.

While plastic recycling is complex compared to other reusable materials, the disposal of plastic is infinite and harmful compared to biodegradable and biobased plastics.

Preferring the purchase of bioplastic products in the various sectors is a virtuous attitude that allows them to preserve their habits and greatly reduce the pollution of the oceans caused by plastic.

EarthBi bioplastic is an example of biodegradable and biobased material, ie based on PLA, derived from cane sugar or glucose.


Leggi L’articolo in italiano:

6 consigli per ridurre l’Inquinamento da plastica nei mari  

Inquinamento da plastica: minaccia alla salute degli oceani

L’aumento impressionante della produzione di plastica e l’attuale situazione di smaltimento della stessa tra riciclaggio e gestione dei rifiuti, risulta essere ad oggi ancora sproporzionata.

Ogni anno, infatti, vengono immessi nell’oceano tra i 4 e 12 milioni di tonnellate di plastica e secondo le stime, questa cifra dovrebbe raddoppiare nei prossimi 10 anni.

Già nel 2016, il report della Ellen MacArthur Foundation, pubblicato al World Economic Forum, aveva dichiarato che “entro il 2050 ci saranno nel mare più rifiuti di plastica che pesci”. Non solo, si afferma anche che le nuove materie plastiche consumeranno il 20% di tutta la produzione di petrolio entro 35 anni, rispetto a un 5% stimato oggi.

Effettivamente, la produzione di plastica non intende rallentare. Secondo i dati pubblicati, alcune multinazionali hanno prodotto singolarmente milioni di tonnellate di plastica all’anno. Per citarne alcune tra le tante, in riferimento solo al 2018, ci sono Nestlé con una produzione di plastica di 1,7 milioni di tonnellate, Colgate 287.008 tonnellate, Unilever 610.000 tonnellate e Burberry 200 tonnellate.

Ma se le multinazionali ed i governi cercano delle soluzioni al problema ambientale della plastica del loro calibro, anche ciascun individuo, nella sua vita quotidiana, potrebbe iniziare ad agire fin da subito e contribuire, cambiando le proprie abitudini.

ocean plastic bag

Ecco i 6 consigli di EarthBi per ridurre l’inquinamento da plastica degli oceani adesso:

  1. Rifiutare l’uso della plastica monouso

Al primo posto c’è sicuramente l’usa e getta. La scelta di rifiutare qualsiasi plastica monouso di cui non si ha un vero bisogno è già un grande inizio.

Non si tratta solo di seguire le leggi che impongono tali divieti, di cui l’applicazione vede ancora delle attese, ma proprio comprendere in quali situazioni l’utilizzo degli oggetti monouso in plastica è del tutto superficiale.

Gli oggetti monouso, infatti, sono generalmente utilizzati per meno di cinque minuti, ma possono rimanere nell’ambiente per secoli.

Il consiglio è dunque quello di evitare l’utilizzo superfluo di sacchetti di plastica, cannucce, posate, contenitori da asporto e procedere, invece, sostituendo tali oggetti nella loro versione riutilizzabile e più duratura.

  1. Prestare attenzione al riciclaggio

Sembra ovvio ma i risultati attuali sul riciclaggio di plastica non sono proprio ottimi. Attualmente meno del 15% della plastica viene riciclata in tutto il mondo. C’è ancora molto lavoro da fare e tutto inizia proprio dalla raccolta differenziata nelle abitazioni, nel luogo di lavoro e anche nei locali pubblici.

Le regole sulla gestione dei rifiuti di plastica possono variare da paese a paese, e per questo ciascun cittadino dovrebbe richiedere informazioni su quali tipi di plastica possono essere gettati nel cestino.

Non solo, anche in qualità di consumatore è necessario che l’individuo si informi sul tipo di sostanze chimiche utilizzate nei prodotti di plastica, compresi elettronica e giocattoli. Esistono, infatti, alcuni materiali che contengono sostanze tossiche e nocive.

Il consiglio è proprio di agire sul controllo dei propri rifiuti, leggendo la sigla sui contenitori che indica il tipo di plastica usato e sapere che solo dal codice 1 al codice 6, si identificano le plastiche riciclabili.

Ad esempio, il codice 1.PET o “Polietilene Tereftalato o Polietilentereftalato” è la plastica utilizzata più comunemente per la produzione di bottiglie, mentre il codice 3. PVC o “Polivinilcloruro” è la plastica utilizzata per la produzione di giocattoli, palloni ma anche salvagente.

Il riciclaggio aiuta a tenere la plastica fuori dall’oceano e riduce la quantità di “nuova” plastica in circolazione.

  1. Evitare prodotti contenenti microplastiche

Le piccole particelle o “microsfere” di plastica, le microplastiche, sono le minacce dirette ai nostri mari e oceani, nonché il cibo invisibile per tutte le specie marine.

Le microplastiche si trovano nei prodotti di pronto risciacquo, come scrub o creme esfolianti e dentifrici, ma anche all’interno delle fibre sintetiche dei nostri vestiti.

Ad ogni lavaggio, il sistema fognario o il tubo di scarico della lavatrice, non riesce a filtrarle e per questo sono le principali cause di inquinamento plastico oceanico.

Non solo, anche in prodotti per la casa può esserci la presenza di microplastiche come le vernici per pareti.

Per poter identificare i prodotti nocivi per il nostro ambiente, è necessario verificare sulle etichette degli ingredienti se ci sono “polietilene” e “polipropilene”.

Il consiglio è semplice e diretto: evitare tutti i prodotti che contengono microplastiche e sostituirli con altri di natura vegetale e quindi biologici.

  1. Partecipare o Organizzare attività plastic free

Una delle attività più scontate per partecipare in modo attivo e diretto alla riduzione dell’inquinamento causato dalla plastica nei mari, indubbiamente è scendere in spiaggia o tuffarsi in acqua e cominciare a raccogliere quanta più plastica possibile.

Attualmente, esistono tantissime e diverse tipologie di iniziative plastic free. Si tratta di tutti quegli eventi, campagne di sensibilizzazione o vere e proprie attività dedicate alla sostenibilità ambientale in merito alla plastica. Potervi partecipare oppure organizzarle è, ad oggi, una delle azioni più gratificanti ed etiche da attuare in difesa della terra stessa che ci ospita.

Dopo il senso di responsabilità, dunque, anche il coinvolgimento attivo individuale verso questo tema di natura globale può davvero fare la differenza soprattutto per le generazioni future.

Il consiglio, pertanto, è di includere nella propria vita quotidiana un continuo interesse e aggiornamento verso le diverse iniziative plastic free, partecipando attivamente, rimanendo informati e magari sensibilizzando amici e parenti.

  1. Nuove abitudini a sostegno del plastic free

La generazione moderna ha ereditato comportamenti che inconsciamente producono un utilizzo improprio del materiale plastico e per questo necessitano di un forte cambiamento.

Ecco alcuni consigli:

  • Non lanciare i palloncini alle feste. I palloncini sono la plastica più pericolosa che un uccello marino possa ingoiare.
  • Portare sempre la propria borsa riutilizzabile quando si fa shopping. I sacchetti di plastica sono causa di morte di più di 100.000 animali marini.
  • Usare le proprie tazze di caffè. La moda del caffè americano o lungo d’asporto in una giornata frenetica di lavoro o studio ha bisogno di un change più personalizzato, riutilizzabile e duraturo. Anche se fatti di carta, i classici bicchieroni di caffè non sono riciclabili perché rivestiti in plastica.
  • Riempire le proprie bottiglie di acqua. Cercare di far buon uso dell’acqua potabile utilizzando bottiglie riutilizzabili, invece di continuare ad acquistare nuove bottiglie di plastica.
  1. Preferire materiali bio- plastici

L’ultimo consiglio, e non per importanza, è la valutazione di alternative bio all’utilizzo tradizionale della plastica.

Dove il riciclaggio di plastica risulta complesso rispetto gli altri materiali riutilizzabili, lo smaltimento di plastica risulta infinito e nocivo rispetto ai materiali plastici biodegradabili e biobased.

Preferire l’acquisto di prodotti in bioplastica nei diversi settori è un atteggiamento virtuoso che permette di conservare le proprie abitudini e ridurre notevolmente l’inquinamento degli oceani causato dalla plastica.

La bioplastica EarthBi è un esempio di materiale biodegradabile e biobased, cioè basato sul PLA, derivante da zucchero di canna o glucosio.