L’ex calciatore Luìs Figo sarà il testimonial della ICO Stryking. L’ex pallone d’oro e, per la cronaca, già colonna portante del centrocampo di Real Madrid, Barcellona e Inter, è infatti ambassador del gioco di Football-Stars della Stryking Entertainment. Il gioco, online e gratuito, mette alla prova le competenze dei gamers nel ruolo di dirigenti delle squadre di calcio in competizioni multi ruolo.

Figo ha dichiarato che “l’idea di Football-Stars gli è piaciuta molto. Il calcio è sempre più guidato da statistiche dettagliate su tutti gli aspetti. Sono felice di supportare la ICO STRYKZ e di diffondere la conoscenza della loro piattaforma tra i fan”.

Luìs Figo è stato scelto dalla STRYKZ ICO soprattutto per il suo esteso network internazionale in ambito calcistico. Così si legge nel comunicato stampa rilasciato dalla Stryking Entertainment.

Per il founder e CEO di Stryking, Dirk Weyel, “la partnership con Luìs Figo è un grande risultato e un altrettanto grande incentivo. Abbiamo investito molto nello sviluppo di Football-Stars negli ultimi anni.”

L’introduzione del token criptografico STRYKZ servirà a creare un sistema decentralizzato, improntato sull’utente amante dei giochi calcistici.

Le star nelle token sale

Il coinvolgimento delle celebrità nelle ICO non è sempre stato un grande successo di immagine. Ad esempio nel caso di DJ Khaled e del boxer Floyd Mayweather coinvolti a pagamento nella ICO Centra, poi accusata di frode dalla SEC americana.

Proprio la Security Exchange Commission a luglio 2017 ha messo sullo stesso piano le offerte iniziali di token a titoli, dichiarando che la sponsorizzazione di ICO, in alcuni casi, rappresenta una attività illegale.

Fatto sta che il mese scorso altri due sportivi famosi, il campione di box Manny Pacquiao e il calciatore inglese in pensione Michael Owen, hanno appoggiato GCOX una ICO con base in Singapore. GCOX una criptovaluta personalizzata da distribuire tra i fans che così potranno comprare contenuti esclusivi dei propri idoli su piattaforme blockchain-based.

Previous articlePiù belli col bitcoin
Next articleCrypto, inviolabili fino ad un certo punto
Fabio Carbone
Writer freelance dal 2013 ha studiato informatica e filosofia ed anche un pizzico di sociologia. Nel 2016 ha scoperto la crypto economy e da allora scrive di blockchain e criptovalute, per approfondire un movimento che non è fatto solo di esperti matematici e crittografi, ma di gente che genera una nuova economia dal basso. Scrive dello stesso argomento su vari siti web di settore. Scrive di Industria 4.0 ed economia digitale in generale.