In Germania più di un quarto dei giovani tedeschi sarebbe interessato ai crypto investimenti e a diventare un bitcoiner.

Read this article in the English version here.

Secondo i risultati di un sondaggio effettuato in Assia e Sassonia, pubblicato su Verbraucherzentrale Hessen, il 77% del totale degli utenti tedeschi Internet intervistati non vuole acquistare criptovalute, ma tra i giovani dai 18 ai 29 anni la propensione all’investimento è più pronunciata: quasi tre su dieci (28%).

Gli intervistati favorevoli all’acquisto di criptovalute danno come motivazione principale l’opportunità di speculare e ottenere profitti elevati (26%), mentre il 17% le ritiene il denaro del futuro.

Più della metà degli utenti Internet intervistati (55%) ha dichiarato di conoscere il termine criptovaluta, ma solo uno su tre è stato in grado di spiegarne il significato.

Pertanto la maggioranza dei tedeschi intervistati risulta ancora critica a riguardo, ma tra i giovani gli aspiranti bitcoiner sono presenti in percentuale maggiore.

Il 70% di coloro che conoscono il termine criptovaluta ritiene l’investimento in valute virtuali rischioso o molto rischioso, ma questa percentuale scende al 54% tra i 30 ei 39 anni.

La maggior parte dei consumatori è anche piuttosto titubante riguardo agli sviluppi tecnici nel settore fintech: il rapporto a tal riguardo dice che “anche con le criptovalute, lo scetticismo prevale sulla fiducia”.

Solo l’11% degli intervistati ritiene i pagamenti in criptovalute rapidi e facili, mentre il 10% li ritiene sicuri e solo il 5% è affascinato dall’anonimato.

Il sondaggio, effettuato dal Centro tedesco dei consumatori, non ha avuto come target un gruppo specifico di persone, quindi il campione analizzato dovrebbe essere valido, nonostante comprendesse solo persone connesse online.