Il 2018 si avvia a chiudersi con il peggior crollo delle criptovalute dal 2014, quando la perfomance di bitcoin su base annuale terminò con un -56%.

Read this article in the English version here.

A meno di miracoli dell’ultima ora, e la storia ci insegna che in questo settore tutto è possibile, il 2018 si potrebbe concludere con il saldo peggiore dalla sua nascita.

Ad oggi, venerdì 7 dicembre 2018, il saldo annuale di bitcoin (Year To Date) segna -75%, estendendosi di altri 8 punti percentuali se prendiamo come riferimento i massimi assoluti di metà dicembre.

Chi si è avvicinato alle criptovalute nel corso del 2017 non ha vissuto periodi simili che, invece, in questi giorni stanno nuovamente tornando alla memoria a chi ha vissuto le montagne russe dei ribassi tra le fine del  2013 ed i primi giorni del 2015 quando il valore di BTC crollo dell’85%, passando da 1200 a 170 dollari in poco più di 400 giorni.

Sono giornate che mettono alla dura prova non solamente chi abituato a seguire le notizie e le quotazioni in tempo reale, così come i trader e gli operatori, ma anche i più incalliti hodler decisi a mantenere i propri bitcoin blindati nei wallet.

crollo criptovalute

La giornata di oggi, con il crollo delle criptovalute in corso, sta consumando altri drammi.

I principali sono quelli di Ethereum (ETH), che scende sotto la soglia dei 100 dollari rivedendo area 85 dollari dopo oltre 18 mesi, e di EOS che perde oltre il 20% dai livelli di ieri pomeriggio e torna sotto quota $1,8 rivedendo i livelli di novembre 2017.

Il crollo delle quotazioni dai massimi di fine aprile, quando il prezzo superò raggiunse i 23 dollari, segna un ribasso superiore al 92% relegando Eos al quinto posto nella classifica delle peggiori criptovalute dai massimi segnati nel corso del 2018.

La capitalizzazione totale scende oggi, per la prima volta dallo scorso dicembre, poco sotto i 105 miliardi di dollari con bitcoin che, pur salendo oltre il 55% della quota di mercato, più per demerito di Ethereum arrivato a sfiorare l’8%, scende sotto i 60 miliardi di dollari.

Questo livello per bitcoin era stato abbandonato a metà settembre 2017.

Tornano invece a salire gli scambi dei volumi. In particolare su Ripple (XRP) – saliti del 50% – e Stellar Lumens (XLM) che vede raddopiare gli scambi nelle ultime 24 ore.

Fonte: https://it.tradingview.com/symbols/BTCUSD/

Bitcoin (BTC)

Dopo 15 mesi il prezzo di bitcoin rivede i 3400 dollari.

La pausa degli scambi avuta nel corso degli ultimi giorni non è stata il pretesto per attirare nuovi acquisti che, invece, si sono dimostrati le classiche ricoperture di posizioni che sostengono innocui rimbalzi.

Il crollo di bitcoin di oggi trascina i prezzi verso nuovi minimi annuali. La struttura tecnica di medio periodo torna ad essere ribassista, con prezzi che ora vedono le aree 3400 e 3000 i prossimi livelli di supporto.

Il venerdì non sembra avere le caratteristiche per assistere ad un noioso fine settimana. 

Fonte: https://it.tradingview.com/symbols/ETHUSD/

Ethereum (ETH)

La discesa sotto i 100 dollari, timidamente iniziata ieri pomeriggio, ha trovato l’affondo al ribasso nel corso della notte arrivando ad aggiornare i minimi annuali in area 85 dollari, accompagnati da un importante picco di volumi.

Continua la discesa di Ethereum che non riesce a trovare un pavimento dove fermare la discesa iniziata ad inizio maggio che oggi segna una perdita del 90%.

Sarebbe necessario il recupero dei 120 dollari per catalogare i primi segnali di un rimbalzo.

Previous articleNEO, prosegue lo sviluppo di consensus node e decentralization roadmap
Next articleMontemagno, Speciale Crypto dedicato alle stable coin
Federico Izzi
Analista finanziario e #trader indipendente – Socio S.I.A.T. & Assob.it. Opera attivamente sui mercati azionari e dei derivati (futures ed opzioni) dal 1997. Precursore dell’analisi ciclica-volumetrica è noto per aver individuato i più importanti movimenti al rialzo ed al ribasso sui mercati finanziari degli ultimi anni. Partecipa annualmente come relatore all’ ITForum di Rimini dall’edizione del 2010 ed InvestingRoma e Napoli dalla prima edizione del 2015. Interviene come ospite ed esperto dei mercati durante le trasmissioni “Trading Room” e “Market Driver” di Class CNBC, Borsa Diretta.tv e nel TG serale di Traderlink. Da luglio 2017 è ospite fisso su LeFonti.TV nell’unico spazio nazionale settimanale dedicato alle criptovalute insieme ai più importanti esperti internazionali del settore. Da maggio 2017 è ufficialmente analista tecnico di BigBit. Periodicamente pubblica articoli su ITForum News, Sole24Ore, TrendOnLine, Wall Street Italia. E’ stato intervistato in qualità di esperto di #criptovalute per: Forbes Italia, Panorama, StartupItalia, DonnaModerna. E’ stato riconosciuto come primo analista tecnico italiano ad aver pubblicato la prima analisi ciclica secolare sul #Bitcoin. Federico Izzi è… Zio Romolo