Gemini ha superato l’esame SOC-2 Type1 per l’emissione del bitcoin ETF.

Read this article in the English version here.

La società dei fratelli Winklevoss dedicata alla finanza nel settore delle valute virtuali, lo ha annunciato con un comunicato. L’esame SOC-2 Type1 è parte dei controlli necessari per poter ottenere l’autorizzazione all’emissione degli ETF su bitcoin.

SOC sta per System and Organization Control ed è uno standard di auditing interno, molto valutato a livello internazionale, articolato su sei diversi livelli, di cui il secondo è collegato a fattori quali la sicurezza, la privacy, l’integrità dei processi e la confidenzialità dei processi stessi.

Gemini è stata in grado di superare SOC2 Type 1 e pianifica di superare Type 2 nei primi mesi del 2019.

Per ottenere questo risultato, la società si è rivolta alla consulenza esterna della Deloitte & Touche, una delle principali quattro società di auditing mondiali.

Gemini bitcoin ETF esame SOC-2

Riferendosi a questo successo, Cameron Winklevoss ha affermato, in un tweet:

“Il prodotto di Gemini è la fiducia. Abbiamo aggiunto un altro livello di fiducia diventando il primo exchange e servizio di custodia ad aver superato l’auditing SOC2 con l’aiuto di Deloitte”.

Questo tipo di certificazione sui servizi di Gemini è molto importante per l’ottenimento di quello che è il principale obiettivo operativo dei gemelli Winklevoss, cioè l’emissione del primo bitcoin ETF.

La speranza è che il superamento di questi esami, che certificano la qualità delle procedure di Gemini, possa aiutare a superare le perplessità che la SEC ha finora nutrito sul bitcoin ETF ed indurla ad autorizzarne l’emissione.