Il G20 apre alle crypto, “non fanno paura”
Il G20 apre alle crypto, “non fanno paura”
Regolamentazione

Il G20 apre alle crypto, “non fanno paura”

By Rossana Prezioso - 19 Mar 2018

Chevron down

Il pianeta crypto tira un sospiro di sollievo. E in poche ore inanella rialzi significativi. Il motivo è presto detto: il G20, il gruppo dei ministri delle finanze delle prime 20 economie mondiali, riunito a Buenos Aires, ha dichiarato di non ritenere che il settore delle criptovalute possa costituire un pericolo per l’economia globale.

Di conseguenza, non c’è, allo stato attuale, la necessità di una regolamentazione drastica e neanche troppo specifica.

Il comunicato

La conferma arriva dal presidente del Financial Stability Board, nonché numero uno della Bank of England, Mark Carney, il quale già ieri (18 marzo) alla vigilia dell’incontro, ha sottolineato in una lettera indirizzata ai ministri delle finanze e ai membri che compongono il G20, non solo che “le criptovalute non rappresentano un rischio per la stabilità finanziaria globale”, ma anche che la proporzione tra il settore stesso e l’intero sistema finanziario mondiale è molto ridotta.

Ma non solo. Nella lettera si può leggere molto di più, vale a dire un’apertura positiva nei confronti delle criptovalute:

“Le tecnologie sottostanti [le criptovalute] hanno il potenziale di migliorare l’efficienza e l’inclusività sia del sistema finanziario che dell’economia”.

Le proporzioni

Numeri alla mano, si parla infatti di un valore di mercato globale che non arriva all’1% del PIL mondiale.

Inoltre, continua la nota di Carney, si deve ricordare che “l‘uso limitato delle transazioni in valute virtuali all’interno dell’economia reale significa che i collegamenti con il sistema finanziario sono anch’essi limitati”.

Insomma, dopo le sberle seguite alle chiusure annunciate di Facebook, Google e infine Twitter, il bitcoin e le altre crypto tornano a respirare.

Rossana Prezioso
Rossana Prezioso

Appassionatasi alle nuove frontiere dell’editoria online, ha deciso di approfondire ulteriormente le sue conoscenze dedicandosi allo studio dei cambiamenti culturali ed economici derivati dalla nascita della finanza hitech, sviluppando le tematiche riguardanti i nuovi modelli di business ad essa legati e le influenze geopolitiche della new economy criptovalute

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.