Crypto in assestamento
Trading

Crypto in assestamento

By Federico Izzi - 28 Mar 2018

Chevron down

Nonostante la costante nascita di nuove criptovalute, oggi se ne contano circa 1600,  la capitalizzazione totale del settore torna sotto i $300 milioni.

Un valore più che dimezzato rispetto ai massimi di fine 2017 che rivede i livelli di fine novembre 2017.

Si tratta di una chiara indicazione del momento difficile per l’intero mercato delle crypto, con il bitcoin che dimostra la sua leadership difendendo importanti livelli di supporto e rialzando la testa tornando sopra quota 40% di percentuale del market cap.

Bitcoin (BTC)

Da lunedì mattina i prezzi del bitcoin (BTC) danzano all’interno di un canale laterale disegnato tra $8100 e $7700, registrando escursioni del 5% e trovando una media attorno a $7900, livelli già evidenziati nei giorni scorsi.

Nonostante la delicata fase attuale, la prima criptovaluta mantiene i supporti dimostrando di assorbire meglio di altre i colpi ribassisti. I prezzi mantengono distanza di sicurezza sia dai minimi di domenica 18 marzo ($7200) che da quelli di inizio febbraio ($6000).    

Livelli operativi:

AL RIALZO: Prima di rivedere $8400 è necessario un recupero di $8100 e conferma nelle 6-8 ore successive.

AL RIBASSO: Area $7700 rimane l’ultimo baluardo di supporto. La rottura aprirebbe spazio per tornare a testare i livelli raggiunti nel terzo weekend del mese.

Ethereum (ETH)

Passo diverso per la seconda criptovaluta per capitalizzazione (ad oggi oltre $44 miliardi) che vede scivolare i prezzi sotto i precedenti minimi del 18 marzo in area $455, aggiornando nella notte italiana i minimi annuali ($438).

La struttura tecnica disegna minimi e massimi inferiori, vedendo pericolosamente allontanare le quotazioni oltre il 20% dai minimi di inizio febbraio ($565). L’aumento dei volumi registrato nelle ultime 36h è superiore alla media dell’ultima settimana. Non è un buon segnale se i prezzi non riusciranno a recuperare l’area $450 nelle prossime ore.  

Livelli operativi:

AL RIALZO: Necessario il recupero della soglia dei $450-455. Il primo respiro positivo si avrà con prezzi oltre area $485-490.

AL RIBASSO: La mancata tenuta dei minimi della notte ($438) aprirebbe spazio per uno scivolone sino area $390. Ultimo livello di supporto prima di un pericoloso vuoto d’aria.

Ripple (XRP)

Quadro tecnico invariato. Le quotazioni mantengono i livelli di ieri mattina senza fornire particolari spunti operativi.

La struttura settimanale, iniziata con il minimo del 18 marzo, rimane ribassista ma la mancata violazione del minimo in area $0,5367 lascia accesa l’ipotesi di un ciclo settimanale laterale.

Livelli operativi:

AL RIALZO: Rimane dovuto il ritorno sopra area $0,66 quale primo vero segnale rialzista.

AL RIBASSO: La rottura del supporto formato il 18 marzo, rimane condizione necessaria per non mutare da laterale a ribassista lo scenario tecnico.

Federico Izzi
Federico Izzi

Analista finanziario e #trader indipendente – Socio S.I.A.T. & Assob.it. Opera attivamente sui mercati azionari e dei derivati (futures ed opzioni) dal 1997. Precursore dell’analisi ciclica-volumetrica è noto per aver individuato i più importanti movimenti al rialzo ed al ribasso sui mercati finanziari degli ultimi anni. Partecipa annualmente come relatore all’ ITForum di Rimini dall’edizione del 2010 ed InvestingRoma e Napoli dalla prima edizione del 2015. Interviene come ospite ed esperto dei mercati durante le trasmissioni “Trading Room” e “Market Driver” di Class CNBC, Borsa Diretta.tv e nel TG serale di Traderlink. Da luglio 2017 è ospite fisso su LeFonti.TV nell’unico spazio nazionale settimanale dedicato alle criptovalute insieme ai più importanti esperti internazionali del settore. Da maggio 2017 è ufficialmente analista tecnico di BigBit. Periodicamente pubblica articoli su ITForum News, Sole24Ore, TrendOnLine, Wall Street Italia. E’ stato intervistato in qualità di esperto di #criptovalute per: Forbes Italia, Panorama, StartupItalia, DonnaModerna. E’ stato riconosciuto come primo analista tecnico italiano ad aver pubblicato la prima analisi ciclica secolare sul #Bitcoin. Federico Izzi è… Zio Romolo

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.