banner
Al Drago piace la blockchain
Al Drago piace la blockchain
Blockchain

Al Drago piace la blockchain

By Rossana Prezioso - 29 Mar 2018

Chevron down

La banca centrale cinese (PBoC) ha confermato di aver iniziato una serie di implementazioni sul ledger distribuito grazie alla creazione della Blockchain Registry Open Platform (BROP).

La Cina quindi, pur restando critica verso le monete virtuali, apprezza, e non poco, i possibili vantaggi della blockchain

I vantaggi della nuova implementazione

Il protocollo messo a punto, elaborato dallo Zhongchao Blockchain Research Institute, ha tra i suoi numerosi scopi quello di semplificare la macchinosa trafila di certificazioni burocratiche e i meccanismi di autenticazione che spesso ingolfano il lavoro degli organi governativi.

Questo sarebbe il primo tassello, o perlomeno quello più evidente, di quanto emerso dall’ultima dichiarazione della Investment Association of China che ha recentemente confermato la creazione di un centro per lo sviluppo della tecnologia, il Blockchain Development Center.

Da tempo è nota a tutti la posizione prudente se non addirittura apertamente critica di Pechino circa le criptovalute, ma a nessuno è sfuggito il fatto che, come molte altre grandi istituzioni, ha compreso pienamente le infinite potenzialità della blockchain.

La Cina si sta muovendo

Il lavoro effettuato dallo Zhongchao Blockchain Research Institute, a sua volta filiale di ricerca in mano alla BPoC, infatti, risale al 2015 e potrebbe presto estendersi a tutti i rami della chain.

Un’ulteriore conferma di quanto detto potrebbe essere arrivata sia dall’aumento di assunzioni per esperti in informatica e tecniche crittografiche, sia dal numero di brevetti per tecnologie blockchain registrati proprio dalla Cina.

Stando a quanto reso noto dal Financial Times in un articolo intitolato “China poised to top global corporate patents”, Pechino ha visto un numero record di brevetti alla World Intellectual Property Organization (WIPO): 225 su un totale di 406, battendo anche gli Stati Uniti fermi solo a 91.

Nella speciale classifica, il posto occupato dalle due maggiori economie mondiali si invertono e il Dragone diventa la prima forza sul versante delle tecnologie emergenti.

Una strategia che confermerebbe anche un nuovo trend evidenziato dagli osservatori, quello delle società che si stanno muovendo in anticipo rispetto al mercato: maggiore il numero di brevetti (e quindi di tecnologie in esclusiva) maggiore è la possibilità di attirare investimenti a livello internazionale con i conseguenti flussi di capitale.

 

Rossana Prezioso
Rossana Prezioso

Appassionatasi alle nuove frontiere dell’editoria online, ha deciso di approfondire ulteriormente le sue conoscenze dedicandosi allo studio dei cambiamenti culturali ed economici derivati dalla nascita della finanza hitech, sviluppando le tematiche riguardanti i nuovi modelli di business ad essa legati e le influenze geopolitiche della new economy criptovalute

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.