HomeBlockchainA Pordenone la prima Academy del bitcoin

A Pordenone la prima Academy del bitcoin

L’accademia della blockchain apre i battenti a Pordenone. Si chiama Bcademy e ha l’obiettivo di formare tecnici e sviluppatori nella tecnologia dei bitcoin. Lunedì 30 aprile, alle ore 17, verrà presentata al pubblico in un incontro che si terrà presso l’ex  convento San Francesco a Pordenone, alla presenza dei founder e del sindaco della città.

Cos’è Bcademy

Formazione e approfondimento. Queste le parole chiave per capire quali sono le direzioni che vuole seguire Bcademy, un progetto ambizioso che punta a rafforzare il contributo del Friuli Venezia Giulia all’innovazione in ambito blockchain:

«Siamo la prima e unica accademia italiana dedicata all’insegnamento di una materia divenuta di fondamentale importanza per affrontare le sfide economiche del presente. E per poter correttamente interpretare gli attuali fenomeni imprenditoriali, tecnologici e finanziari, relativi alla rinascita e all’affermazione delle criptovalute», si legge sul comunicato ufficiale.

Le materie di studio di Bcademy

Anche se l’obiettivo principale di Bcademy, che avrà sede presso il Polo Young dell’antica Villa Cattaneo, è la formazione di sviluppatori, programmatori, analisti ed esperti di sicurezza nell’ambito della criptovaluta e blockchain, la formazione offerta è molto più vasta.

L’idea dei fondatori è quella di offrire competenze a 360 gradi, anche nell’ambito amministrativo, economico, finanziario, giuridico e legale:

«L’offerta potrà includere conoscenze e competenze di ampio respiro sulla totalità del settore fintech e l’approfondimento di aspetti etico filosofici, storia dell’economia e dei sistemi monetari, analisi dell’attuale sistema finanziario nazionale e internazionale».

Tra i founder anche due donne

All’incontro del 30 aprile, interverranno tutti le menti che hanno lanciato il progetto.  

Tra loro c’è Guido Giuseppe Pascotto, il presidente di Bcademy. Editore, è entrato “in rotta di collisione” nel 2015 con il mondo bitcoin e ne ha intuito la portata rivoluzionaria. Bcademy è la naturale evoluzione di questa sua scoperta.

Altra colonna portante di Bcademy è Marco Amadori, imprenditore di inbitcoin, una startup che si occupa dello sviluppo di prodotti e servizi per l’uso della tecnologia Bitcoin. Marco metterà la sua  esperienza a servizio degli studenti dell’accademia.

Nella squadra dei founder di Bcademy ci sono poi due donne. Una è Lia Correzzola. Presidente dei giovani imprenditori di Pordenone, si interessa alla blockchain per la sua portata rivoluzionaria e per la capacità della tecnologia di rispondere ai bisogni fondamentali delle persone.

Bcademy può contare inoltre sulle competenze di Federica Franchi, altra founder del progetto, esperta nell’attività di consulenza fiscale a servizio di piccole e medie imprese. Oggi è impegnata nella divulgazione della tecnologia ed è diventata un’affermata relatrice in convegni del settore.

Articolo precedente
Articolo successivo
Giancarlo Donadio
Giancarlo Donadio
Giancarlo inizia a scrivere di business con Millionaire. Con la rivista di Milano collabora alla realizzazione di "Startup. Sogna, credici, realizza. Dall'idea al successo” per Hoepli. Dal 2016 collabora con Startupitalia! dove si specializza su fintech, blockchain, criptovalute, all'interno della rubrica SmartMoney. Oggi è cofondatore di Pandant, web agency focalizzata su content marketing e personal branding
RELATED ARTICLES

MOST POPULARS

GoldBrick