banner
Anche in Cile è scontro sulle crypto
Anche in Cile è scontro sulle crypto
Criptovalute

Anche in Cile è scontro sulle crypto

By Marco Cavicchioli - 30 Apr 2018

Chevron down

All’inizio di aprile la Banca di Stato cilena (Banco Estado), insieme ad altre banche del paese, aveva congelato i conti di tre exchange di criptovalute.

La motivazione ufficiale è stata che la banca “per ora non vuole operare con società dedicate all’emissione, creazione, o intermediazione di criptovalute“.

Banco Estado è l’unica banca pubblica del paese e gestisce tutte le attività finanziarie del governo.

Qualche giorno fa sul caso si è pronunciata l’agenzia cilena anti-monopolio (equivalente alla nostra antitrust).

La Corte cilena per la difesa della libera concorrenza ha infatti ordinato al Banco del Estado, e alle altre banche, di riaprire i conti dell’exchange Buda, dopo che la società che gestisce la piattaforma aveva citato in giudizio dieci banche che avevano chiuso i conti dell’exchange.

Inoltre recentemente il Financial Stability Board del Cile (CEF) ha affermato esplicitamente di non ritenere le criptovalute una minaccia per l’economia.

A questo punto è intervenuto addirittura José Ramón Valente, il Ministro dell’Economia cileno, che si è schierato apertamente a favore del mercato delle criptovalute.

Pur dichiarandosi equidistante dalle posizioni dei contendenti in questa vicenda, ha dichiarato:Non possiamo stare al di fuori di queste innovazioni. […] Non siamo favorevoli o contro, ma le vediamo semplicemente come un’altra innovazione e noi sosteniamo questa innovazione: il Cile non si chiude ai possibili progressi tecnologici nel mondo“.

Sono sempre di più infatti gli Stati che aprono le porte di questo nuovo mercato, sebbene richieda di accettare un certo rischio.

La conseguenza è spesso uno scontro tra istituzioni: da un lato quelle disposte ad accettarlo, dall’altro quelle che invece si limitano a difendere lo status quo.

In ogni caso il Cile fa un passo avanti.

Pur essendo evidente che i mercati e la politica sono schierate dalla parte dei possibilisti, mentre le banche tradizionali tendono alla conservazione.

Chissà, forse c’è di mezzo qualche privilegio…

Marco Cavicchioli
Marco Cavicchioli

Classe 1975, Marco è un docente di web-technologies e divulgatore online specializzato in criptovalute. Ha fondato ilBitcoin.news, ed il suo canale YouTube ha più di 25mila iscritti.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.