Guerra in Medio Oriente fra exchange e banche
Guerra in Medio Oriente fra exchange e banche
Criptovalute

Guerra in Medio Oriente fra exchange e banche

By Fabio Lugano - 17 Mag 2018

Chevron down

Read this article in the English version here.

Dal 15 maggio l’exchange BitOasis, molti diffuso in Medio Oriente e Nord Africa, ha interrotto versamenti e prelievi in AED, la moneta di Dubai, dove la società è basata.

La notizia è stata comunicata con una email ai clienti, precisando che sono ancora possibili versamenti con carte di credito ancora per un mese, con uno sconto sulle commissioni ridotte al 4%.

L’interruzione di servizio è frutto, spiega la società, dell’ostilità delle banche per le criptovalute e per il sistema degli exchange.

Su Twitter la società lamenta “problemi di integrazione” con il sistema bancario, un evidente eufemismo per indicare la non collaborazione degli istituti di credito con cui precedentemente lavorava.

L’exchange ha consigliato a chi voglia restare cliente di cambiare eventuali valute fiat depositate in criptovalute, per poi, eventualmente, prelevarle sul proprio wallet in caso di necessità.

Sono stati tutti avvertiti che non vi è alcuna certezza su quando sarà nuovamente possibile usare gli AED.

Già a gennaio vi era stato un problema simile, risolto in breve tempo, con grossi problemi per i clienti, obbligati a cambiare il conto corrente di appoggio.

De resto, in questa fase, le banche si mostrano sempre meno cooperative con le criptovalute, sulla base di una guerra non dichiarata ma evidente, nella quale sono spinte da motivi competitivi e anche dalle banche centrali.

Ricordiamo che anche in altri Paesi gli istituti di credito si sono rifiutati di collaborare con gli exchange o con attività di cripto-trading in generale.

Ad esempio, in India, Cile, Australia e perfino nella liberale Hong Kong.

Questa guerra ha un costo per gli exchange, ma anche per le banche che si tagliano fuori da un mercato che muove giornalmente 20 miliardi di dollari.

BitOasis, con supporto anche in arabo, scambiava BTC, Bitcoin Cash, Ripple, Ethereum, Litecoin e, recentemente, aveva aggiunto anche Monero e Zcash.

Fabio Lugano
Fabio Lugano

Laureato con lode all'Università Commerciale Bocconi, Fabio è consulente aziendale e degli azionisti danneggiati delle Banche Venete. E' anche autore di Scenari Economici, e conferenziere ed analista di criptovalute dal 2016.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.