Nel mare rosso emergono Steem e 0x
Trading

Nel mare rosso emergono Steem e 0x

By Federico Izzi - 24 Mag 2018

Chevron down

Da oltre 470 miliardi toccati il 6 maggio, si è passati, in queste ultime ore, a meno di 340 miliardi, accusando una perdita del 27%, pari ad oltre 130 miliardi in poco più di due settimane.

Per il terzo giorno consecutivo il risveglio nel Vecchio Continente osserva una rossa marea di segnali negativi per tutte le Top 25.

Tra le peggiori delle ultime 24 ore continua la presenza di Eos (EOS) con una perdita superiore al 7%, che sommata alle discese degli ultimi tre giorni spinge il ribasso oltre il 25% da inizio settimana.

Le fa compagnia Zcash (ZEC) con un -9%. Tra le migliori perdenti ci sono Stellar (XLM), Dash (DASH) e Lisk (LSK), in calo attorno all’1,5%, Ripple (XRP) Binance Coin (BNB) e Bitcoin (BTC) sotto la soglia del -2%.

La regina delle criptovalute recupera ulteriore terreno nella dominance facendo nuovamente capolino oltre il 39% della capitalizzazione totale.

Per trovare i primi segnali positivi bisogna scendere di un gradino (26° posto in classifica)  dove si posiziona Steem (STEEM) con un rialzo che sfiora il 10%.

Poco più in basso (31^ posizione) con 0x (ZRX) che torna nuovamente alla ribalta volando oltre il 14% nelle ultime 24 ore.

piattaforme trading criptovalute
Fonte: https://it.tradingview.com/chart/STEEMUSD/jM6jq4Gn/

Steem (STEEM)

Nonostante la bocciatura di Korbit, exchange sudcoreano, che due giorni fa ha cancellato gli scambi di questo token, da ieri pomeriggio Steem emerge tra tutte mettendo a segno un rialzo di oltre il 40% in meno di 10 ore, spingendo i prezzi a ridosso di $3,80.

Euforia assorbita durante la notte con le quotazioni tornate a testare la precedente area di resistenza a $3,20.

Resistenza che nell’ultima settimana aveva respinto il tentativo di rottura sostenuto dagli acquisti nei giorni scorsi nuovamente tornati alla ribalta dopo la pubblicazione dello studio svolto da esperti e studiosi incaricati da un ente cinese (CCID), collocando Steem al secondo posto del rating, subito dopo la rete Ethereum.

Sorprende, perciò, questo rialzo a scoppio ritardato. Evoluzione da seguire con attenzione nei prossimi giorni per trovare, o meno, le giuste conferme tecniche.

Livelli operativi

AL RIALZO: La tenuta ed il consolidamento oltre area $3,15 è necessaria per ottenere conferme sopra $3,20. E’ questa l’indicazione tecnica che darà il primo segnale rialzista utile a riportare la fiducia e spingere i prezzi nuovamente oltre i 4 dollari.    

AL RIBASSO: Discese sotto area $3,15-3,00 non dovranno spingersi oltre i $2,7. Sotto quest’ultimo livello il segnale rialzista delle ultime ore si trasformerà in un pericoloso segnale ribassista.

piattaforme trading criptovalute
Fonte: https://it.tradingview.com/chart/ZRXUSD/JWk6u3gf/

0x (ZRX)

Ieri pomeriggio Coinbase, tre le prime piattaforme di scambio di criptovalute negli Stati Uniti, ha acquisito la piattaforma di scambio decentralizzato (DEX) Paradex.

Questo tipo di piattaforma offre la possibilità di scambiare criptovalute direttamente dai wallet personali, senza utilizzare servizi di exchange centralizzati, garantendo il pieno diritto di custodia e proprietà dei token.

Paradex è un servizio basato su tecnologia Erx20 Dex P2P ed utilizza il protocollo 0x.

Per questo motivo da ieri pomeriggio, subito dopo l’annuncio dell’acquisizione (https://blog.coinbase.com/welcome-paradex-to-coinbase-62f16cc9bd74) , le quotazioni di ZRX  hanno ingranato la quinta salendo oltre il 60% in meno di un’ora, rivedendo quota $1,60 accompagnata da importanti volumi in acquisto, così come non si registravano dallo scorso inizio di aprile.

Dopo aver registrato un rialzo di oltre il 300% dai minimi di inizio aprile, dal top raggiunto il 10 maggio poco sopra i 2 dollari, il token ha registrato una importante flessione del 50% arrivando a sfiorare un dollaro con il minimo di ieri pomeriggio, pochi minuti prima dell’esplosione rialzista.

Nei prossimi giorni ci sarà bisogno di capire se sotto il fumo delle ultime ore c’è anche l’arrosto.

Livelli operativi

AL RIALZO: La resistenza in area $1,5 continua a farsi sentire. Infatti dopo il rialzo di ieri pomeriggio con prezzi che sono riusciti a spingersi in area $1,65, la flessione ha riportato le quotazioni sotto la resistenza. Importante un ritorno sopra questo livello per confermare il cambio del trend.

AL RIBASSO: L’euforia rialzista di ieri pomeriggio può continuare solamente se i prezzi riusciranno a consolidare oltre area $1,10-1,20 nelle prossime ore. Un ritorno sotto questi livelli smorzerà gli eccessi alzando pericolosamente i timori di risvegliare l’orso in agguato sotto il dollaro.

piattaforme trading criptovalute
Fonte: https://it.tradingview.com/chart/BTCUSD/hgHSD1kr/

Bitcoin (BTC)

La mancata tenuta di area 7900 ha spinto i prezzi al successivo livello in area 7400 dollari, più volte indicato come ultimo baluardo per continuare a mantenere moderatamente rialzista il trend dell’attuale ciclo mensile, oramai in corso di chiusura.

In ottica temporale i prezzi si trovano a ridosso della conclusione del terzo sottociclo settimanale, pertanto nelle prossime ore potranno continuare a prevalere le vendite.

E’ necessario, però, assistere quanto prima ad una reazione rialzista, anche timida, necessaria per individuare l’inizio del nuovo ciclo settimanale, tecnicamente importante per individuare la struttura mensile.

In mancanza di un “pullback” è necessario rimanere pazienti ed assistere ad ulteriori allunghi ribassisti.

Livelli operativi

AL RIALZO: I prezzi si allontanano dalla soglia di 8000 dollari. Solamente il recupero di questo livello inizierà a dare un primo segnale di rialzo.

AL RIBASSO: Il picco di volumi registrato ieri pomeriggio, con i prezzi in area 7400 dollari, conferma l’importanza di questo supporto. E’ fondamentale la tenuta di quest’area per non rischiare di compromettere definitivamente il rialzo iniziato i primi di aprile, assistendo ad ulteriori discese in area 7100-7000 dollari. Condizione che costringerà il toro dover nuovamente iniziare tutto da capo.   

Federico Izzi
Federico Izzi

Analista finanziario e #trader indipendente – Socio S.I.A.T. & Assob.it. Opera attivamente sui mercati azionari e dei derivati (futures ed opzioni) dal 1997. Precursore dell’analisi ciclica-volumetrica è noto per aver individuato i più importanti movimenti al rialzo ed al ribasso sui mercati finanziari degli ultimi anni. Partecipa annualmente come relatore all’ ITForum di Rimini dall’edizione del 2010 ed InvestingRoma e Napoli dalla prima edizione del 2015. Interviene come ospite ed esperto dei mercati durante le trasmissioni “Trading Room” e “Market Driver” di Class CNBC, Borsa Diretta.tv e nel TG serale di Traderlink. Da luglio 2017 è ospite fisso su LeFonti.TV nell’unico spazio nazionale settimanale dedicato alle criptovalute insieme ai più importanti esperti internazionali del settore. Da maggio 2017 è ufficialmente analista tecnico di BigBit. Periodicamente pubblica articoli su ITForum News, Sole24Ore, TrendOnLine, Wall Street Italia. E’ stato intervistato in qualità di esperto di #criptovalute per: Forbes Italia, Panorama, StartupItalia, DonnaModerna. E’ stato riconosciuto come primo analista tecnico italiano ad aver pubblicato la prima analisi ciclica secolare sul #Bitcoin. Federico Izzi è… Zio Romolo

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.