Read the article in English language here.

Nasce OpenNode il primo “PayPal” della storia del Lightning Network di Bitcoin, pensato per i commercianti ma rivolto ai consumatori.

Questo nuovo processore di pagamento sfrutta l’alta velocità di Lightning Network per ottenere transazioni bitcoin a commissioni quasi pari a zero.

Bitcoin, secondo gli sviluppatori di OpenNode, potrebbe diventare ciò che non è riuscito ad essere fino a ora: un metodo di pagamento quotidiano e non solo una riserva di valore.

Il nuovo concorrente di PayPal e delle carte di credito

OpenNode si pone in diretta concorrenza con le carte di credito, le quali in futuro potrebbero essere sostituite da veloci canali di pagamento in criptovalute e a costi bassissimi.

L’applicativo, in fase beta, interessa sicuramente i commercianti.

opennode

I primi 1.500 USD mensili guadagnati dal merchant sono senza commissioni, oltre tale soglia si applica una fee dell’1%.

Una bella differenza di trattamento rispetto alle tariffe PayPal e di altri competitor come Stripe, anche se nel caso di OpenNode parliamo solo di pagamenti in bitcoin e fiat.

Un bitcoin payment processor per qualsiasi business

L’applicazione sviluppata da OpenNode è pensata per il business di ogni dimensione e settore, realizzata in modo tecnicamente semplice per integrarla nelle piattaforme di e-commerce.

Non sono esclusi i negozi al dettaglio, per i quali la giovane startup di Los Angeles ha una soluzione dedicata.

Le caratteristiche di OpenNode

  • Opzioni Lightning Network e pagamenti on-chain abilitati.
  • Nessun chargeback e zero frodi.
  • Prezzi competitivi per favorire la partecipazione alle piccole e grandi imprese.
  • Dashboard in-house per analizzare le finanze da desktop e dispositivi mobili.
  • Prelievi automatici e manuali configurabili.
  • Plugins personalizzabili e API facili da usare per l’integrazione con le piattaforme e-commerce.
  • Integrazione personalizzata a livello aziendale.

La roadmap

OpenNode è in fase beta.

Gli sviluppatori lavorano a stretto contatto con la comunità di commercianti per ricevere consigli e miglioramenti del software.

Tra i primi obiettivi della roadmap leggiamo lo sviluppo di un plugin per Shopify e add-on per altre piattaforme e-commerce e, infine,la realizzazione di POS abilitati Lightning Network da installare nei negozi fisici.

Previous articleWall Street Journal, “il 20% delle ICO è scam”
Next articleBitcoin Gold hackerato, rubati 18 milioni di dollari
Fabio Carbone
Writer freelance dal 2013 ha studiato informatica e filosofia ed anche un pizzico di sociologia. Nel 2016 ha scoperto la crypto economy e da allora scrive di blockchain e criptovalute, per approfondire un movimento che non è fatto solo di esperti matematici e crittografi, ma di gente che genera una nuova economia dal basso. Scrive dello stesso argomento su vari siti web di settore. Scrive di Industria 4.0 ed economia digitale in generale.