In Cina la polizza viaggia sulla blockchain
In Cina la polizza viaggia sulla blockchain
Blockchain

In Cina la polizza viaggia sulla blockchain

By Marco Cavicchioli - 1 Giu 2018

Chevron down
Ascolta qui
download

ZhongAn Insurance è la prima compagnia assicurativa cinese completamente online.

Nasce nel 2013 da una collaborazione tra i colossi Tencent e Alibaba, insieme a Ping An Insurance, e vende tutti i suoi prodotti assicurativi online.

Nel suo primo anno di attività ha sottoscritto oltre 630 milioni di polizze assicurative e servito 150 milioni di clienti.

Nel 2016 ha fondato ZhongAn Technology, ovvero una società sussidiaria che opera nel campo fintech, che in particolare si occupa di ricerca e sviluppo utilizzando tecnologie all’avanguardia come blockchain, intelligenza artificiale, big data e cloud computing.

Qualche tempo fa ha anche firmato un accordo di cooperazione con il governo municipale della città di Guiyang per istituire il primo centro di innovazione “governativo-aziendale” dedicato proprio alla blockchain, ovvero Guiyang-ZhongAn Blockchain Joint Innovation Center.

Recentemente ha collaborato con più di 100 ospedali per utilizzare la blockchain allo scopo di elaborare in modo sicuro i dati dei pazienti e le loro informazioni finanziarie.

In Cina le compagnie assicurative sono strettamente connesse con i servizi sanitari.

Ad esempio, i fornitori di servizi sanitari e gli ospedali stessi sono tenuti a comunicare costantemente con le compagnie assicurative dei loro pazienti per garantire la una copertura assicurativa dei servizi sanitari stessi.

Il problema è proprio la trasmissione e la conservazione sicura di questi dati.

A tal proposito la società ha firmato degli accordi di condivisione con oltre 100 ospedali in Cina per ottimizzare la verifica della correttezza dei dati stessi e soprattutto le richieste di risarcimento, in modo da poterle gestire in modo automatizzato.

Chen Wei, direttore dell’unità tecnologica di ZhongAn Insurance, ha dichiarato: “Le vendite di assicurazioni prima si basavano su agenti e singoli venditori, ma le nuove generazioni preferiscono l’acquisto online. I clienti ora non hanno più bisogno di inviare documenti cartacei come certificazione [dei servizi sanitari ottenuti], ma possono semplicemente dire quando e in quale ospedale ne hanno usufruito”.

In altre parole, una volta acquistata una polizza online questa viene registrata sul sistema basato su blockchain, in grado anche di ricevere direttamente dai fornitori di servizi sanitari tutti i dati delle prestazioni erogate, ed emettere gli eventuali risarcimenti in automatico una volta che il cliente/paziente ne faccia richiesta.

Marco Cavicchioli
Marco Cavicchioli

Classe 1975, Marco è un docente di web-technologies e divulgatore online specializzato in criptovalute. Ha fondato ilBitcoin.news, ed il suo canale YouTube ha più di 25mila iscritti.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.