banner
10 wallet detengono il 50% degli EOS
10 wallet detengono il 50% degli EOS
Criptovalute

10 wallet detengono il 50% degli EOS

By Marco Cavicchioli - 5 Giu 2018

Chevron down

Read this article in the English version here.

Si parla tanto di decentralizzazione, ma poi quando si va a verificare spesso non è così semplice ottenerla.

EOS è una rete decentralizzata, ma quasi la metà dei token sono detenuti da soli 10 wallet.

La scoperta è stata effettuata da un certo Lannisan su Reddit.

Molti di questi grandi wallet appartengono probabilmente a degli exchange, ma non c’è modo di sapere quanti sono effettivamente gli account su cui sono distribuiti.

Come dice Lannisan, “se un wallet di un exchange ha 50 milioni di EOS questo potrebbe essere controllato da 5 balene con 10 milioni di EOS ciascuna o 500.000 utenti occasionali con 100 EOS ciascuna, ma non abbiamo modo di saperlo”.

Secondo queste statistiche, i primi dieci wallet per numero di token contiene il 49,67% di tutti gli EOS in circolazione, i primi cento ne contiene il 74,82% ed i primi mille l’85,81%.

I rimanenti 162.930 wallet contengono solo il 13.86% dei token complessivi.

Insomma, la distribuzione dei token EOS non sembra molto decentralizzata.

Di chi sono questi wallet?

Tuttavia, va anche detto che il primo wallet è quello di Block.One che ha sviluppato EOSIO, che detiene da solo ben 100 milioni token, ovvero il 10% di tutti gli EOS in circolazione.

Ignorando Block.One, si scopre che gli altri wallet conterrebbero il 39,67% dei token, i primi cento il 64,82%, ed i primi mille il 75,81%.

Anzi, per la precisione, Block.One ha il 10% di tutti i token EOS, gli altri 999 wallet più ricchi hanno il 76% circa, ed agli alti rimane il 14% circa.

In altri termini, i primi dieci titolari sono davvero molto potenti.

Come sostiene Lannisan, “possono quasi fare quello che vogliono, se tutti e dieci accettano di fare la stessa cosa, poiché controllano quasi il 50% degli EOS totali (e nessuno sarebbe in grado di fermarli)”.

Tra l’altro, alcuni commentatori del post hanno anche ipotizzato che i wallet più grandi potrebbero non essere exchange ma i conti nascosti di Dan Larimer, il CTO di EOS.

L’utente XRballer ha dichiarato: “Diversi sono i conti ombra di Dan e di suo padre. Hanno acquistato EOS con la ICO tutto l’anno e li hanno immagazzinati in una costellazione di centinaia di wallet. Devono mantenere il controllo della maggioranza sulla fornitura per impedire che altri cartelli prendano il sopravvento”.

Marco Cavicchioli
Marco Cavicchioli

Classe 1975, Marco è un docente di web-technologies e divulgatore online specializzato in criptovalute. Ha fondato ilBitcoin.news, ed il suo canale YouTube ha più di 25mila iscritti.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.