banner
Un fondo clone con i bitcoin
Un fondo clone con i bitcoin
Bitcoin

Un fondo clone con i bitcoin

By Daniele Chicca - 12 Giu 2018

Chevron down

Read this article in the English version here.

Il primo fondo di investimento in bitcoin potrebbe vedere la luce prima del previsto negli Stati Uniti, un paese non tra i più all’avanguardia in fatto di criptovalute.

Le società che offrono fondi ETF sono infatti convinte di aver trovato un modo per ottenere l’approvazione delle autorità per poter lanciare ufficialmente il primo fondo comune basato sulla crypto più capitalizzata e popolare al mondo.

Si tratterebbe di un fondo destinato agli investitori istituzionali. A presentare la richiesta alla Sec, l’autorità di controllo dei mercati statunitensi, sono state le società Van Eck Associates Corp. e SolidX Partners Inc..

Il fondo bitcoin, stando a quanto dichiarato dai diretti interessati, sarà assicurato contro eventuali perdite o furti e avrà come sottostante beni fisici: significa che il fondo deterrà sul serio bitcoin.

Fondo bitcoin: un punto di svolta?

Il fondo rappresenterebbe dunque un punto di svolta fondamentale per la diffusione del Bitcoin su larga scala, in un momento difficile per la crypto sui mercati finanziari.

Visti i precedenti, è ancora presto per cantare vittoria, tuttavia. Nel marzo del 2017, per esempio, la stessa Sec aveva bocciato la domanda avanzata dai gemelli Winklevoss per la presentazione di un ETF simile a quello proposto alla Consob americana, il Winklevoss Bitcoin Trust.

SolidX e VanEck sperano di aver trovato il bandolo della matassa: aumentando il prezzo delle azioni e lasciando che i prezzi si basino su società commerciali regolamentate, sono convinti di poter convincere le autorità di regolamentazione.

..sembra che le autorità di controllo siano preoccupate all’idea di avere un fondo Etf messo a disposizione degli investitori retail“, sottolinea l’amministratore delegato di SolidX Daniel Gallancy in un’intervista telefonica concessa a Bloomberg.

Ma il fondo in questione è pensato per gli investitori istituzionali e Gallancy è ottimista sulle prospettive future. “Secondo noi la situazione cambierà con il passare del tempo, ma intanto un prodotto rivolto esclusivamente agli investitori istituzionali è già un buon punto di partenza”.

Come aggirare le normative vigenti

Dopo che l’anno scorso sono nati i primi esperimenti di future legati al bitcoin, sulle popolari piattaforme di trading CME e Cboe, si pensava che da lì il passo sarebbe stato breve per arrivare all’approvazione di fondi che investono in criptovalute.

Tuttavia successivamente i regolatori hanno espresso tutta una serie di dubbi, dicendosi allarmati per l’elevata volatilità e la scarsità di liquidità nel mercato.

Anche se sono ancora scettico sul fatto che un fondo comune di investimento in bitcoin venga approvato quest’anno, bisogna provarci se si vuole ottenere qualcosa e alla lunga questi tentativi di VanEck potrebbero dare frutti”, fa sapere Eric Balchunas, analista specializzato di ETF presso Bloomberg Intelligence.

L’obiettivo di SolidX e VanEck è quello di risolvere i problemi attuali facendo in modo che i prezzi del Bitcoin Trust siano stabiliti da un indice basato sulle attività di trading over-the-counter delle aziende Usa, che sono sottoposte alle norme della Commissione dei future sulle materie prime (CFTC), agenzia americana governativa.

MVIS, una divisione di VanEck, si occuperà di stilare l’indice e di aggiornare i prezzi quotidianamente.

Daniele Chicca
Daniele Chicca

Laureato in lingue e letterature straniere all'Università di Bologna, con un anno da undergraduate presso la UCL di Londra. Giornalista professionista dal 2007, si è con il tempo specializzato in finanza, economia e politica. Dopo tre anni presso il desk di Reuters a Milano, ha lavorato per diverse testate, contribuendo tra le altre cose a portare a un incremento del traffico progressivo sul sito Wall Street Italia e offrendo servizi di vario genere da inviato per Radio Rai e per le agenzie stampa AGI e TMNews (ex Apcom). Al momento è responsabile della redazione, della linea editoriale e del coordinamento di un importante sito di informazione economica e finanziaria

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.