L’Orso non molla, le crypto provano il rialzo
Trading

L’Orso non molla, le crypto provano il rialzo

By Federico Izzi - 18 Giu 2018

Chevron down

Read this article in the English version here.

La settimana inizia in rosso per tutte le principali criptovalute. Tra le prime 50 della lista solamente Binance Coin (BNB) si distingue con un ottimo rialzo che sfiora il +5%.

La capitalizzazione totale rimane sotto i 280 miliardi di dollari con bitcoin che, nonostante la difficoltà a risalire oltre la china dei 6500 dollari, continua a rosicchiare quote di mercato a discapito delle altre altcoin, riportandosi oltre il 40%, il livello più alto dallo scorso metà aprile.

Nonostante il difficile periodo per l’intero settore criptovalute, continua ad alzarsi l’attenzione dei grandi player che mirano di accaparrarsi quote di mercato.

Dopo Goldman Sachs con la sua controllata Circle, JP Morgan con Fidelity e LMax, è il turno di eToro che, dopo aver lanciato i suoi servizi su territorio statunitense, ha annunciato la creazione di un desk OTC (over-the-counter) nella sua sede di Londra rivolta alle aziende, istituzioni ed hedge fund che vogliono raccogliere fondi per diversificare i propri investimenti.    

Fonte: https://it.tradingview.com/symbols/BTCUSD/

Bitcoin (BTC)

Le oscillazioni dei prezzi in area 6400-6500 da oltre due giorni rendono molto bene l’attuale quadro tecnico della situazione.

Il quadro generale rimane debole e la mancanza di acquisti non permette di recuperare le soglie critiche per iniziare a valutare un ritorno del toro. Con queste condizioni l’orso rimane pronto ad affondare nuovamente gli artigli.

Di contro, c’è un triplo minimo che in due mesi ha dimostrato essere un muro resistente. Per risalire, però, non basta solo la difesa ma un attacco deciso ai livelli di resistenza.

Livelli operativi

AL RIALZO: Prime resistenze tra 6580 e 6650, massimi relativi di quest’ultimo fine settimana. La principale rimane la resistenza dinamica passante in area 6750/6800 dollari.

AL RIBASSO: Un ritorno sotto i 6200 prima e 6000 poi, apre le porte per nuovi minimi annuali.

Fonte: https://it.tradingview.com/symbols/ETHUSD/

Ethereum (ETH)

Non bastano i timidi tentativi sinora avuti per vedere i prezzi consolidarsi oltre i 500 dollari.

Da quattro giorni i prezzi oscillano attorno a questa soglia senza fornire segnali utili per individuare una tendenza principale.

I bassi volumi di scambio, sotto la media giornaliera delle ultime settimane, confermano la mancanza di appeal di queste ultime ore.

Situazione che descrive attesa della mossa da parte dell’avversario. Con l’orso padrone della situazione da oltre un mese c’è bisogno di una levata di scudi da parte del toro, altrimenti i prossimi giorni saranno caratterizzati da minimi inferiori ed il timore di rivedere i livelli di inizio aprile.

Livelli operativi

AL RIALZO: Per tornare a vedere nuovi acquisti è necessario il consolidamento sopra quota 500 dollari e successive spinte sopra area 550 nei prossimi giorni.

AL RIBASSO: La mancata tenuta del minimo di sabato pomeriggio, in area 485, sarà un segnale che torna a rafforzare l’orso che sembra guardingo in questi ultimi giorni.

Fonte: https://it.tradingview.com/symbols/EOSUSD/

Eos (EOS)

Dopo gli annunci del passaggio alla mainnet accolta con euforia nella seconda parte di aprile, ora è palpabile la delusione e da inizio mese EOS evidenzia preoccupanti carenze per la vulnerabilità della propria rete mettendo in serio rischio sia la privacy che la proprietà dei propri token.

Incertezze che si riflettono sui prezzi tornati ai livelli di metà aprile con un movimento che in 45 giorni annulla tutta la performance di fine aprile (+190%).

Livelli operativi

AL RIALZO: Il ritorno sopra area 11,50 dollari, livelli di resistenza testati due volte nel corso dell’ultima settimana, sarà un primo segnale per risvegliare gli acquisti.

AL RIBASSO: Rimane importante la tenuta del supporto tra 9,10 e 9,50 dollari. La mancata tenuta di questi livelli rischia di vedere sprofondare i prezzi ai livelli di inizio aprile sotto i 6 dollari. Questo movimento tecnico aprirebbe spazi preoccupanti per il futuro.

Federico Izzi
Federico Izzi

Analista finanziario e #trader indipendente – Socio S.I.A.T. & Assob.it. Opera attivamente sui mercati azionari e dei derivati (futures ed opzioni) dal 1997. Precursore dell’analisi ciclica-volumetrica è noto per aver individuato i più importanti movimenti al rialzo ed al ribasso sui mercati finanziari degli ultimi anni. Partecipa annualmente come relatore all’ ITForum di Rimini dall’edizione del 2010 ed InvestingRoma e Napoli dalla prima edizione del 2015. Interviene come ospite ed esperto dei mercati durante le trasmissioni “Trading Room” e “Market Driver” di Class CNBC, Borsa Diretta.tv e nel TG serale di Traderlink. Da luglio 2017 è ospite fisso su LeFonti.TV nell’unico spazio nazionale settimanale dedicato alle criptovalute insieme ai più importanti esperti internazionali del settore. Da maggio 2017 è ufficialmente analista tecnico di BigBit. Periodicamente pubblica articoli su ITForum News, Sole24Ore, TrendOnLine, Wall Street Italia. E’ stato intervistato in qualità di esperto di #criptovalute per: Forbes Italia, Panorama, StartupItalia, DonnaModerna. E’ stato riconosciuto come primo analista tecnico italiano ad aver pubblicato la prima analisi ciclica secolare sul #Bitcoin. Federico Izzi è… Zio Romolo

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.