VW utilizzerà IOTA per la sicurezza
Blockchain

VW utilizzerà IOTA per la sicurezza

By Marco Cavicchioli - 22 Giu 2018

Chevron down

Read this article in the English version here.

A inizio anno Volkswagen ha annunciato una partnership con IOTA. Per l’occasione, il Chief Digital Officer della casa automobilistica, Johann Jungwirth è entrato a far parte del consiglio di vigilanza della IOTA Foundation.

Come risultato della collaborazione al Cebit’18 Expo di Hannover, in Germania, le due aziende hanno mostrato la nuova Proof of Concept (PoC) che consentirà di integrare Tangle sui veicoli Volkswagen.


La tecnologia Tangle è in grado di funzionare senza bisogno di mining, basata sul protocollo DAG. Mentre IOTA, per l’appunto, è una piattaforma non basata su blockchain, ma su Tangle, e questo consente, tra le altre cose, di registrare anche transazioni senza valore (ovvero con valore zero).

Grazie alla nuova PoC Volkswagen può utilizzare l’architettura Tangle per trasferire gli aggiornamenti software “over-the-air” alle proprie automobili, come parte del nuovo progetto “Connected Car“.

L’obiettivo di Volkswagen è quello di sfruttare la tecnologia Tangle per distribuire i dati in modo sicuro e wireless alle proprie nuove smart car.

Infatti, secondo alcuni esperti del settore, entro il 2020 potrebbero esserci nel mondo oltre 250 milioni di smart car connesse al web.

Ciò renderà necessario il dover aggiornare frequentemente i software di bordo da remoto, in modo sicuro, trasparente e su larga scala.

Marco Cavicchioli
Marco Cavicchioli

Classe 1975, Marco è un docente di web-technologies e divulgatore online specializzato in criptovalute. Ha fondato ilBitcoin.news, ed il suo canale YouTube ha più di 11mila iscritti.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.