banner
EY e Microsoft alleate per il copyright
EY e Microsoft alleate per il copyright
Blockchain

EY e Microsoft alleate per il copyright

By Marco Cavicchioli - 22 Giu 2018

Chevron down

Read this article in the English version here.

EY, più nota come Ernst & Young, ha annunciato di aver stretto una partnership con Microsoft per la realizzazione di una soluzione per la gestione dei diritti d’autore e delle royalties basata su blockchain. L’obiettivo è quello di renderla applicabile a qualsiasi settore in cui la proprietà intellettuale o i beni sono concessi in licenza, con un focus iniziale specifico sui giochi, e dovrebbe garantire tempi di elaborazione ridotti e un monitoraggio rapido dei diritti d’autore.

Il problema della protezione dei diritti d’autore è ben noto, ma le soluzioni adottate fino ad oggi non si possono certo definire esaustive.

Microsoft in primis conduce da tempo una vera e propria battaglia contro la violazione dei diritti e delle licenze dei loro software.

Un’altra questione critica è l’eventuale calcolo e distribuzione delle royalty derivanti dalla cessione di licenze, soprattutto in quegli ambiti in cui sia particolarmente difficile effettuare dei controlli “ex post”.

Blockchain, date le sue caratteristiche peculiari, potrebbe forse risolvere questi problemi. È quello che sperano in Microsoft stessa, che ha realizzato la soluzione tecnica, e EY, che la sta lanciando sul mercato.

La catena del valore di questo settore comprende moltissimi attori tra cui, ad esempio, autori, case di produzione, sviluppatori, catene di distribuzione, e molti altri.

La proprietà intellettuale inoltre genera milioni di transazioni sul mercato, e miliardi di dollari in royalties da pagare ogni mese. I calcoli di queste royalty solitamente sono effettuati manualmente e offline, rimanendo pertanto sconosciuti anche ai diretti interessati.

La nuova soluzione è progettata invece per consentire maggiore trasparenza, ridurre in modo significativo la scarsa efficienza degli attuali processi ed eliminare anche la necessità di costose riconciliazioni manuali in caso di reclami.

La soluzione fornisce visibilità quasi in tempo reale delle transazioni relative alle vendite delle licenze. L’architettura informatica è basata su smart contract, è progettata per consentire il calcolo accurato e in tempo reale delle royalty, ed è basata sul protocollo Quorum blockchain e l’infrastruttura cloud di Azure di Microsoft.

blockchain copyright

 

Uno dei principali produttori e rivenditori di giochi al mondo, Ubisoft, partner di Microsoft, sta già testando la soluzione. Loic Amans, Senior Vice President di Ubisoft, ha dichiarato:

“Siamo sempre alla ricerca di come sfruttare le tecnologie emergenti in tutti gli aspetti della nostra attività: l’opportunità di collaborare con EY e Microsoft sui casi di utilizzo blockchain nell’ambito dei contratti e delle royalties digitali è davvero entusiasmante”.

 

Marco Cavicchioli
Marco Cavicchioli

Classe 1975, Marco è un docente di web-technologies e divulgatore online specializzato in criptovalute. Ha fondato ilBitcoin.news, ed il suo canale YouTube ha più di 25mila iscritti.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.