CTO di Coinbase: aumento 60x nell’adozione di crypto
CTO di Coinbase: aumento 60x nell’adozione di crypto
Criptovalute

CTO di Coinbase: aumento 60x nell’adozione di crypto

By Adrian Zmudzinski - 13 Lug 2018

Chevron down
Ascolta qui
download


Leggendo questo tweet, viene subito in mente una domanda.

L’8% dei cittadini americani possiede davvero cryptovalute?

E – anche se tale affermazione sembra sproporzionata – Srinivasan, il CTO di Coinbase, ha qualche ricerca a sostegno.

Egli cita una ricerca di Finder secondo la quale il 7,95% degli americani possiede criptovalute, ma in realtà ci sono altri studi che hanno stime ancora più alte.

Secondo una ricerca condotta da Dalia Research, il 9% degli americani possiede criptovalute, e la quantità media di persone in ogni nazione che ne detiene alcune è del 7%.

Ciò significa che l’affermazione che l’8% degli americani possiede criptovalute è sorprendentemente credibile, ma che dire del ragionamento alla base dell’adozione stimata?

L’adozione delle valute crittografiche è come l’adozione degli smartphone?

La stima della crescita delle adozioni si basa infatti sull’ipotesi che la potenziale adozione delle criptovalute assomigli all’attuale adozione degli smartphone. È vero?

Nella tecnologia, molto spesso, sia lo sviluppo che l’adozione sono esponenziali. Di solito, le nuove tecnologie non sono così buone e abbastanza costose (proprio come gli smartphone circa dieci anni fa). Ma poi i progressi nel loro sviluppo cominciano ad accelerare e, di conseguenza, anche la loro adozione.

Questo è esattamente ciò che è accaduto nel caso degli smartphone.

In un anno – dal 2005 al 2006 – l’adozione è aumentata solo dell’1%. Ma l’adozione ha continuato ad accelerare e dal 2010 al 2011 si è registrato un aumento del 15%. Ci sono somiglianze con le criptovalute?

Ebbene, una cosa che sicuramente ha accelerato in modo esponenziale è lo sviluppo. La prima criptovaluta, bitcoin, è stata creata nel 2009 ed è rimasta l’unica esistente fino al 2011, anno in cui è stato introdotto litecoin, namecoin e swiftcoin.

Secondo Wikipedia “Il numero di criptovalute disponibili su Internet al 10 aprile 2018 è superiore a 1565 ed è in crescita”.

Molti – se non la maggior parte – di questi sono i cosiddetti “arraffa-soldi” o truffe.

Tuttavia, si stanno effettivamente compiendo progressi sostanziali in termini di sviluppo.

Ora vediamo che le criptovalute possono fare molto di più rispetto al denaro standard e Bitcoin. Ethereum ha introdotto gli smart contracts (contratti intelligenti), EOS ha introdotto l’interoperabilità con la catena di blocchi come mezzo per ottenere una scalabilità quasi illimitata e tutto questo significa che le criptovalute sono sempre più vantaggiose e pratiche per un grande numero di casi d’uso.

Molti potrebbero dire che la facilità d’uso è un ostacolo insormontabile all’adozione generalizzata, ma si stanno compiendo progressi sostanziali su questo fronte – ad esempio con i nomi di conti leggibili dall’uomo introdotti da EOS – e molti potrebbero sostenere che in realtà è uno dei più facili da risolvere in questo settore.

Cosa aspettarci dal futuro dell’adozione delle criptovalute?

Mentre i movimenti di mercato di quest’anno potrebbero non essere stati i più piacevoli, l’attenzione principale data a questa tecnologia è aumentata in modo sostanziale. HTC e Huawei (probabilmente) stanno lavorando sul primo smartphone “nativo alla blockchain”, Microsoft ha adottato la blockchain come mezzo di autenticazione, Facebook ha creato un team di ricerca blockchain, e il browser Opera sta per integrare un portafoglio Ethereum.

Potrebbero essere forniti molti altri esempi di notizie simili, ma solo questi esempi sono più che sufficienti per dire che qualcosa è sicuramente cambiato.

Le criptovalute e le blockchain non sono utilizzate solo da alcune comunità marginali, ma stanno diventando strumenti e infrastrutture aziendali.

L’adozione dovrebbe sicuramente accelerare grazie all’integrazione di blockchain e criptovalute nei prodotti e servizi mainstream o quando vengono proposti da aziende consolidate che stanno iniziando ad entrare nel mondo crypto.

Quante persone utilizzerebbero le criptovalute se alcune fossero usate da Facebook in un portafoglio che fa parte dell’app Facebook?

Quanti li userebbero se Amazon iniziasse ad accettarli e fossero integrati nel portafoglio di Google o PayPal?

Certo, molte di queste situazioni non sarebbero veramente decentralizzate come lo sono Bitcoin o Ethereum – dal momento che la maggior parte di quei portafogli non garantirebbe l’accesso alle chiavi private – ma dopo che alcune criptovalute diventano mainstream altre seguiranno l’onda.

Lo sviluppo delle criptovalute e della tecnologia blockchain sta apparentemente raggiungendo un punto di svolta dove la scalabilità e la facilità d’uso sono appena iniziate ad essere pratiche per i primi usi mainstream, aziendali e istituzionali (proprio come il programma estone di e-residency). L’adozione è appena iniziata e d’ora in poi non farà che accelerare. Ciò che probabilmente rallenterà maggiormente l’adozione, d’ora in poi, saranno le regolamentazioni.

Adrian Zmudzinski
Adrian Zmudzinski

Adrian è un appassionato di tecnologia e IT, specializzato nell'analisi di token, tecnologia blockchain e crypto. Il suo interesse verso Bitcoin risale al 2009, espandendosi al mondo delle crypto più in generale. Le sue analisi si concentrano per lo più sulle potenzialità tecnologiche alla base dei token.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.