EOS vola oltre le 2.000 transazioni al secondo
Criptovalute

EOS vola oltre le 2.000 transazioni al secondo

By Adrian Zmudzinski - 18 Lug 2018

Chevron down

Read this article in the English version here.

EOS è una cryptovaluta focalizzata su due caratteristiche principali: scalabilità e facilità d’uso.

E mentre il progetto ha fatto qualche progresso sul lato della facilità d’uso delle cose – implementando transazioni senza commissioni che permettono alle persone senza token di utilizzare DApp e indirizzi leggibili dall’uomo – la scalabilità è dove EOS brilla di più.

Ciò che vale la pena notare è che non solo EOS ha raggiunto le 2351 transazioni al secondo, ma che supporta anche la comunicazione inter-catena. Ciò significa che molte catene di blocchi potrebbero funzionare in parallelo come un unico sistema per raggiungere milioni di transazioni al secondo.

Oggi EOSNewYork – un produttore di blocchi EOS – ha pubblicato un tweet celebrativo secondo il quale EOS ha recentemente raggiunto quasi 2.000 transazioni al secondo, ma sembra che ormai quell’obiettivo sia già stato superato.

Un traguardo importante

La comunità ha immediatamente notato il nuovo record e ha reagito sottolineando che il limite delle presunte 1.000 transazioni al secondo è stato rotto.

Si tratta di un obiettivo importante in quanto in precedenza la blockchain più veloce (tra i progetti con un’elevata capitalizzazione di mercato) è stata quella di Ripple, in grado di effettuare 1500 transazioni al secondo.

Questo rende EOS la principale e più veloce cryptovaluta là fuori.

Il costo della scalabilità

EOS è spesso criticata per la quantità di decentralizzazione infrastrutturale che sacrifica per scalare meglio.

EOS si basa sul protocollo di consenso DPoS (Delegated Proof of Stake). DPoS si avvale del potere dell’accordo degli stakeholder per risolvere le questioni di consenso in modo equo e democratico.

Il DPoS è stato sviluppato da Daniel Larimer in modo da consentire ai detentori di monete di votare per i “delegati”, che sono poi responsabili della convalida delle transazioni e del mantenimento della blockchain.

Nel caso di EOS, ci possono essere solo 21 produttori di blocchi attivi in qualsiasi momento e possono essere votati in entrata o in uscita in qualsiasi momento.

Ciò dovrebbe, in teoria, garantire che i produttori di blocchi mantengano come priorità assoluta l’esperienza dell’utente. Ciò significa che invece di avere 16.601 nodi come Ethereum – secondo ethernodes – EOS ha solo 21 produttori in blocchi.

Rende sicuramente la rete meno resiliente, ma la resilienza non è l’obiettivo principale della blockchain di EOS e questo è ciò che deve essere tenuto in mente quando si esamina il progetto.

L’obiettivo principale di questo progetto è quello di essere in grado di gestire DAPP su scala industriale e da scalare mainstream.

A questo scopo il progetto sembra in realtà essere ben progettato. Ma allo stesso tempo, la comunità di EOS ha spesso criticato la comunità di Ethereum e Bitcoin dicendo che il loro hashrate è in realtà ancora più centralizzato.

EOS più decentralizzata di BTC e ETH?

Secondo una recente ricerca peer review, EOS – con i suoi 21 produttori in blocchi – è in realtà più decentralizzata rispetto a Ethereum e Bitcoin.

Il ragionamento alla base di tali affermazioni è che i primi tre mining pool controllano ben oltre il 50% dell’hashrate totale della rete.

Linea di fondo

EOS è una cryptovaluta molto giovane ma anche molto ben finanziata, che probabilmente ci sorprenderà molte volte in futuro.

Detto questo, dovremmo aspettarci che alcune di queste sorprese siano piuttosto brutte, dal momento che la blockchain è così nuova e non è stata ancora testata nel mondo reale.

Questa è una pietra miliare davvero importante per il progetto che probabilmente attirerà ancora più attenzione da parte degli sviluppatori alla ricerca di una piattaforma scalabile con smart contracts.

Adrian Zmudzinski
Adrian Zmudzinski

Adrian è un appassionato di tecnologia e IT, specializzato nell'analisi di token, tecnologia blockchain e crypto. Il suo interesse verso Bitcoin risale al 2009, espandendosi al mondo delle crypto più in generale. Le sue analisi si concentrano per lo più sulle potenzialità tecnologiche alla base dei token.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.