La Nuova Zelanda appoggia la blockchain
La Nuova Zelanda appoggia la blockchain
Blockchain

La Nuova Zelanda appoggia la blockchain

By Rossana Prezioso - 20 Lug 2018

Chevron down

Read this article in the English version here.

Il panorama finanziario internazionale continua a dividersi sulla questione criptovalute e blockchain.

Se da un lato molti continuano a criticare l’universo delle monete virtuali arrivando a bloccare le proprie carte di credito per impedire il trading di criptovalute, dall’altro non si fa mistero delle potenzialità fornite dalla blockchain.

L’ultimo esempio arriva dalla Nuova Zelanda dove la SBS Bank si è schierata a favore di quest’ultima, considerata un utile mezzo per fornire ai propri clienti un’esperienza migliorata.

I vertici dell’istituto hanno sottolineato, nel loro ultimo incontro annuale, che sebbene l’universo crypto possa suscitare ancora dello scetticismo, soprattutto in virtù non solo di una volatilità particolarmente marcata ma di un quadro normativo ancora eterogeneo, resta comunque un punto di interesse da monitorare.

La conferma arriva dall’amministratore delegato del gruppo, Shaun Drylie che ha dichiarato:

“Sicuramente se si guarda alla volatilità delle criptovalute il suggerimento è quello di un mercato non particolarmente sicuro. Tuttavia, questo non significa che non ci sarà un posto per le criptovalute nel futuro della banca. Per il momento è un settore che teniamo d’occhio ma non è detto quando potrà diventare una reale opportunità”.

La volontà della banca è quella di potere sfruttare il sistema blockchain per rendere il banking più efficiente, ma soprattutto per offrire un’esperienza bancaria a 360°, evitando così agli utenti di doversi recare fisicamente alle filiali per operazioni che potrebbero essere invece svolte da casa, conservando la garanzia di una transizione sicura.

L’amministratore delegato ha voluto sottolineare il concetto che la tecnologia blockchain permetterebbe di sviluppare inclusività finanziaria.

Di cosa si tratta? In realtà il termine include una serie di vantaggi e, tra questi, quello più evidente consiste nel riuscire ad ottenere crediti attraverso un iter facilitato, più veloce e meno macchinoso per l’utente ma soprattutto meno costoso per la banca stessa.

Non solo, ma la stessa inclusività allargherebbe la possibilità di ottenere prestiti ad un bacino più ampio di clienti rispetto a quello attuale.

I vantaggi sono innumerevoli: i dati di chiunque richiedesse un finanziamento potrebbero essere memorizzati e sarebbero facilmente accessibili attraverso il registro della blockchain, a tutto vantaggio di una serie di documenti cartacei che diventerebbero così obsoleti.

Non è la prima banca a sfruttare questi grande opportunità: già l’Australia and New Zealand Banking Group (ANZ) e IBM avevano stretto una partnership per riuscire a creare un sistema efficiente per il settore assicurativo, sistema che aveva permesso di processare velocemente tutte le pratiche riguardanti la riconciliazione oltre a digitalizzare completamente il processo di garanzia bancaria.

Rossana Prezioso
Rossana Prezioso

Appassionatasi alle nuove frontiere dell’editoria online, ha deciso di approfondire ulteriormente le sue conoscenze dedicandosi allo studio dei cambiamenti culturali ed economici derivati dalla nascita della finanza hitech, sviluppando le tematiche riguardanti i nuovi modelli di business ad essa legati e le influenze geopolitiche della new economy criptovalute

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.