Voyager alla guerra di Robinhood
Voyager alla guerra di Robinhood
Criptovalute

Voyager alla guerra di Robinhood

By Rossana Prezioso - 26 Lug 2018

Chevron down

Read this article in the English version here.

Anche nel mondo delle criptovalute è il momento delle offerte speciali.

Ultima, in ordine di tempo, è la proposta di Voyager, una startup finanziata dal co-fondatore di Uber, Oscar Salazar, che ha annunciato che lancerà una piattaforma per il trading a zero commissioni.

L’app permetterà lo scambio della maggior parte delle criptovalute più famose, tra cui ETH e BTC, allo scopo di rendere più accessibile il mondo delle monete virtuali.

I particolari del progetto

La conferma arriva da Stephen Ehrlich, CEO e co-fondatore di Voyager ed ex CEO e fondatore di Lightspeed Financial. Secondo Ehrlich, il mondo delle cripto, almeno negli USA, appare agli occhi dell’opinione pubblica come qualcosa di criptico, appunto. Per questo motivo, il suo obiettivo è quella di renderlo disponibile a tutti, aprendo così un mercato vastissimo aggiungendo:

“Abbiamo visto l’opportunità di costruire un router dinamico e intelligente che possa sfruttare il mercato e offrire ai clienti un servizio a commissioni zero”.

I punti di forza di App Voyager

A dirla precisamente, la logica delle zero commissioni non è del tutto nuova: già un’altra app, Robinhood, con la quale Voyager a questo punto entra in diretta competizione, offre lo scambio di BTC, ETH, LTC e DOGE.

Da parte sua, invece, la app Voyager intende offrire agli investitori retail la possibilità di fare trading sulle monete preferite e gestire le negoziazioni attraverso più scambi, sfruttando sia la possibilità di scegliere gli operatori più convenienti ma anche le potenzialità offerte da funzioni come alert e feed dei social media, monitorando le posizioni e accedendo ad analisi e notizie.

A tutto questo fa da contorno anche la notizia, riportata da Fortune, secondo cui Voyager potrebbe presto includere nei suoi scambi anche XRP e Stellar Lumens, sebbene prima debbano essere effettuati dei controlli di sicurezza.

Stando alle intenzioni degli sviluppatori, la app Voyager potrebbe inoltre offrire servizi esclusivi per gli operatori istituzionali. Attualmente si trova in fase di sperimentazione, ma i vertici della società hanno già fatto sapere che potrebbe essere disponibile già a novembre di quest’anno.

Rossana Prezioso
Rossana Prezioso

Appassionatasi alle nuove frontiere dell’editoria online, ha deciso di approfondire ulteriormente le sue conoscenze dedicandosi allo studio dei cambiamenti culturali ed economici derivati dalla nascita della finanza hitech, sviluppando le tematiche riguardanti i nuovi modelli di business ad essa legati e le influenze geopolitiche della new economy criptovalute

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.