banner
Il Jamaica Stock Exchange apre al trading in crypto
Il Jamaica Stock Exchange apre al trading in crypto
Criptovalute

Il Jamaica Stock Exchange apre al trading in crypto

By Andrea Ferrari - 14 Ago 2018

Chevron down

Read this article in the English version here.

Il Jamaica Stock Exchange (JSE) ha annunciato che presto offrirà le criptovalute come beni negoziabili per i suoi clienti.

La Borsa della Giamaica ha infatti dichiarato di aver firmato un memorandum d’intesa con la startup Blockstation per la creazione di una nuova piattaforma di trading che dovrebbe essere pronta entro fine anno, mentre non è ancora chiaro quali token saranno inizialmente a listino.

Blockstation fornirà la tecnologia mentre l’infrastruttura di JSE sarà collegata in rete alla nuova piattaforma, consentendo agli investitori qualificati di effettuare le negoziazioni.

Il co-fondatore di Blockstation Jai ​​Waterman ha dichiarato che la sua startup ha lavorato con la JSE per circa sei mesi per lo sviluppo di una versione personalizzata della sua piattaforma per lo scambio; tra le richieste specifiche del JSE quella su cui è stata posta particolare enfasi è stata quella di avere strumenti adeguati per tracciare la manipolazione del mercato.

“La nostra missione è fornire un metodo sicuro per scambiare criptovalute con broker-dealer e Borse. Stiamo fornendo al Jamaica Stock Exchange la tecnologia per una rete di intermediari e un repository, in modo che, dall’inizio alla fine, il ciclo di vita del trading con blockchain e criptovalute possa essere esattamente come quello con i titoli”.

Marlene Street Forrest, amministratrice delegata di JSE, ha dichiarato che, oltre ad avere deciso d’inserire nel listino le criptovalute per l’attività di trading, si continua a lavorare per capire come la tecnologia blockchain possa avvantaggiare la piattaforma e i suoi clienti, spingendosi ad ipotizzare che nei piani futuri del Jamaica Stock Exchange potrebbe esserci persino la creazione di una propria criptovaluta.

“Abbiamo un comitato direttivo che è stato creato appositamente per esaminare il prodotto Blockstation e la tecnologia blockchain in generale, oltre che per analizzare le varie fasi del lavoro in modo da capire tutte le implicazioni di ciò che è stato messo in piedi per il trading di criptovalute. Tuttavia non abbiamo fretta, l’obiettivo è di rendere l’attività per gli investitori la più sicura possibile”, ha dichiarato la Forrest.

 

Andrea Ferrari
Andrea Ferrari

La tecnologia come passione e lavoro. Il giornalismo come malattia inguaribile. La libertà come dogma.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.