banner
India, porta aperta alla blockchain
India, porta aperta alla blockchain
Blockchain

India, porta aperta alla blockchain

By Fabio Lugano - 27 Ago 2018

Chevron down

Read this article in the English version here.

La Banca Centrale Indiana RBI (Reserve Bank of India) ad aprile aveva emesso un vero e proprio bando, rivolto agli istituti di credito, che ordinava di interrompere ogni collegamento fra valuta fiat e criptovaluta.

Questo era suonato come un rifiuto nei confronti del mondo delle valute virtuali e dell’innovazione finanziaria.

In realtà, questa chiusura non è totale: la stessa banca, infatti, ha creato un’unità interna speciale per lo studio delle tecnologie emergenti nell’ambito economico, con un particolare interesse per la blockchain e per l’intelligenza artificiale (AI).

Compito di questo gruppo è studiare le modalità di supervisione di queste nuove tecnologie e valutare norme per poter regolare questi settori, ha affermato un funzionario informato su questi eventi.

L’unità è stata costituita da circa un mese ed è stato anche già selezionato un dirigente a suo capo, ma non è ancora stato fatto nessun annuncio ufficiale relativamente alla sua composizione e struttura interna.

Anche se non ci sono conferme ufficiali, la decisione è stata accolta in modo molto positivo dagli analisti finanziari:

Sino a quando i regolatori non sono, loro stessi, parte dell’ecosistema delle valute virtuali, non possono avere una chiara indicazione di ciò che è accettabile e di ciò che non lo è, e non possono neppure proteggere il settore di cui hanno responsabilità o i consumatori”, ha affermato Piyush Singh, Direttore finanziario di Accenture per l’area Asia-Africa e Pacifico.

La creazione di questa unità non è una scelta improvvisa, ma era stata già preannunciata nello scorso aprile, proprio mentre la RBI assumeva una posizione più rigida sulla questione.

L’India, anche prima di emettere il blocco totale delle transazioni tra fiat e criptovalute, è stata sempre estremamente diffidente nel confronto delle nuove valute virtuali.

Già nel dicembre 2017 il governo aveva messo in il guardia gli investitori dai pericoli legati agli investimenti in questo nuovo settore.

Fabio Lugano
Fabio Lugano

Laureato con lode all'Università Commerciale Bocconi, Fabio è consulente aziendale e degli azionisti danneggiati delle Banche Venete. E' anche autore di Scenari Economici, e conferenziere ed analista di criptovalute dal 2016.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.