banner
Scandalo Coinbase, l’exchange accusato di proprietary trading
Scandalo Coinbase, l’exchange accusato di proprietary trading
Criptovalute

Scandalo Coinbase, l’exchange accusato di proprietary trading

By Amelia Tomasicchio - 20 Set 2018

Chevron down

Scandalo Coinbase: l’exchange ha negato le accuse di proprietary trading mossegli contro dal pubblico ministero dello Stato di New York.

Read this article in the English version here.

Secondo l’accusa, infatti, il 20% di tutte le transazioni che avvengono su Coinbase sarebbero attribuibili alla stessa azienda. Il proprietary trading avviene quando un’azienda investe i propri profitti per sé invece che per conto dei propri clienti.

In un post pubblicato ieri sera, Coinbase CPO Mike Lempres ha spiegato che la società “non fa proprietary trading. Coinbase non fa trading per il beneficio dell’azienda su base proprietaria. Per fornire una semplice esperienza utente, il Coinbase Consumer cita un prezzo e poi rapidamente riempie l’ordine dalla nostra piattaforma di scambio (Coinbase Markets). Questo sfrutta la liquidità fornita dall’intero ecosistema di Coinbase”.

Il pubblico ministero americano, invece, spiega in un rapporto sulle “Virtual Markets Integrity” che è seriamente preoccupato dell’attuale situazione del trading in crypto perché queste piattaforme non proteggono veramente i fondi dei clienti.

Nello scandalo sono coinvolti anche Binance, Kraken e Gate.io.

Amelia Tomasicchio
Amelia Tomasicchio

Esperta di digital marketing, Amelia inizia a lavorare nel settore fintech nel 2014 dopo aver scritto la sua tesi di laurea sulla tecnologia Bitcoin. Precedentemente è stata un'autrice di Cointelegraph e CMO di Eidoo. Oggi è co-founder e direttrice di Cryptonomist.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.