Dark Web, bitcoin usati per comprare segreti di Stato
Bitcoin

Dark Web, bitcoin usati per comprare segreti di Stato

By Amelia Tomasicchio - 2 Ott 2018

Chevron down

Secondo Le Parisienne, un poliziotto del General Directorate of Internal Security (DGSI) è stato arrestato lo scorso 26 settembre a Nanterre.

Read this article in the English version here.

L’agente è sospettato di aver venduto sul Dark Web dei segreti di Stato a cui aveva accesso facendo parte di una divisione del principale intelligence francese.

La vendita sarebbe avvenuta con un pagamento in bitcoin.

Secondo gli investigatori, l’agente aveva dei contatti con membri del crimine organizzato che avevano tutto l’interesse di mettere le mani sui quei dati. Per fortuna, non ci sarebbe alcun collegamento con cellule terroristiche.

A scoprire il reato sarebbe stato un altro dipartimento anti-crimine francese, il Central Directorate of the Judicial Police.

La presunta vittima, di stanza negli Hauts-de-Seine, è anche sospettata di aver svolto un ruolo attivo nella produzione di documenti amministrativi falsi.

Questo tipo di violazione in Francia è punibile con 7 anni di prigione e una multa di 100,000 euro.

Amelia Tomasicchio
Amelia Tomasicchio

Esperta di digital marketing, Amelia inizia a lavorare nel settore fintech nel 2014 dopo aver scritto la sua tesi di laurea sulla tecnologia Bitcoin. Precedentemente è stata un'autrice di Cointelegraph e CMO di Eidoo. Oggi è co-founder e direttrice di Cryptonomist.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.