L’Exchange Shapeshift replica al WSJ: “ha omesso informazioni rilevanti”
Criptovalute

L’Exchange Shapeshift replica al WSJ: “ha omesso informazioni rilevanti”

By Adrian Zmudzinski - 2 Ott 2018

Chevron down

Lo scorso venerdì, il Wall Street Journal ha accusato l’exchange Shapeshift di essere responsabile del riciclaggio di 9 milioni di dollari. Shapeshift oggi ha risposto alle accuse con un blog post, dicendo che gli articoli del WSJ sono “di fatto imprecisi e ingannevoli“.

Read this article in the English version here.

Il post è stato scritto da Erik Voorhees – il CEO dell’azienda – e sostiene che “hanno lavorato con i giornalisti per 5 mesi sotto falso pretesto“.

Solo leggendo le prime tre righe dell’articolo del WSJ è facile supporre che si tratti di una discussione piuttosto sensazionalista:

Un agente nordcoreano, un venditore di carte di credito rubate e la mente dietro uno schema Ponzi da 80 milioni di dollari avevano un problema comune. Avevano bisogno di riciclare il loro denaro sporco. Hanno trovato una soluzione comune con ShapeShift AG[…..]“.

Eppure, questo è da aspettarsi dai media tradizionali. Il fatto più interessante è che – secondo Voorhees – il WSJ “ha omesso informazioni rilevanti”.

I giornalisti hanno apparentemente cercato di analizzare due anni di dati della blockchain e, come ha detto Voorhees, “gli autori non hanno una sufficiente comprensione delle blockchain e della nostra piattaforma in particolare”.

La conclusione alla quale il WSJ è arrivato dall’analisi è che 9 milioni di dollari sono stati riciclati sull’exchange, ma Shapeshift spiega il perché questo non sarebbe vero.

Inoltre, il WSJ ha omesso di spiegare che – anche se le accuse fossero vere – i 9 milioni rappresenterebbero solo circa 0,15% del flusso di denaro totale di Shapeshift.

exchange Shapeshift

“L’articolo prende di mira ShapeShift e implica che l’azienda sia un bastione di attività illecite perché non aveva precedentemente richiesto informazioni sugli utenti [KYC, n.d.r.], nonostante gli stessi dati mostrano che altri exchange (che hanno preso informazioni sugli utenti) avevano cifre simili”.

Inoltre, Shapeshift sostiene che molti fatti rilevanti che sono stati condivisi con i giornalisti non sono stati inclusi.

Ad esempio, il WSJ non ha parlato del fatto che l’azienda avrebbe offerto “preziosa assistenza in oltre 30 indagini in 13 Paesi diversi” o della collaborazione tra Shapeshift e altri exchange per bloccare attività illecite, e nemmeno del fatto che Shapeshift abbia bloccato interi Paesi che sono nella lista delle sanzioni.

Il post prosegue esaminando alcune delle analisi effettuate dal WSJ e conclude:

“In altre parole, 600 dollari di fondi sospetti sono stati inviati ad un exchange che non era ShapeShift. Poiché ShapeShift è un cliente di questo stesso exchange. 10 mesi dopo, in una transazione completamente indipendente – l’exchange ha inviato fondi a ShapeShift. Gli autori non hanno capito come leggere correttamente le transazioni sulla blockchain, così hanno pensato che ci fossero $70.000 di denaro sporco inviato a ShapeShift”.

In conclusione

Mentre il grande pubblico è sempre più consapevole dell’esistenza – e persino del potenziale – di bitcoin e di altre criptovalute, le tendenze sensazionaliste dei media mainstream continueranno a demonizzare le valute virtuali finché la gente non smetterà di crederci o se ne annoierà.

Tale reazione è tipica di ogni nuova tecnologia e ricorda l’allarmismo sull’IA, del microonde e persino di Internet stesso. È qualcosa che ci si aspetta di migliorare grazie alla maggiore consapevolezza e alla crescente adozione.

Adrian Zmudzinski
Adrian Zmudzinski

Adrian è un appassionato di tecnologia e IT, specializzato nell'analisi di token, tecnologia blockchain e crypto. Il suo interesse verso Bitcoin risale al 2009, espandendosi al mondo delle crypto più in generale. Le sue analisi si concentrano per lo più sulle potenzialità tecnologiche alla base dei token.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.