Sylo, l’Uber della blockchain. E non solo per i taxi
Sylo, l’Uber della blockchain. E non solo per i taxi
Blockchain

Sylo, l’Uber della blockchain. E non solo per i taxi

By Marco Cavicchioli - 3 Ott 2018

Chevron down

Le società di blockchain neozelandesi Sylo e CentraPay hanno annunciato una partnership che ha l’obiettivo di creare una sorta di Uber della blockchain, ma che non sia solo relativa all’uso di taxi ma di tutte le prenotazioni e i pagamenti online, con la novità anche di poter interagire in modo diretto con i clienti e commercianti.

Read this article in the English version here.

Infatti, Sylo-CentraPay a partire dal 2019 fornirà pagamenti tra Nuova Zelanda e Australia utilizzando l’app decentralizzata di Sylo che consentirà alle persone di interagire in modo confidenziale con altre persone o aziende grazie alla tecnologia di pagamento di CentraPay.

Ciò che c’è alla base del nostro business è la credenza che le persone abbiano bisogno di comunicare online con lo stesso livello di fiducia con cui lo fanno offline. Senza intermediari. Il compromesso che le persone hanno dovuto fare (relativamente alla loro privacy) prima che iniziassimo a lavorare a Sylo, sono ingiustificabili secondo noi”, spiega il co-founder di Sylo, Dorian Johannink.

Questa innovazione, secondo le due società, avvantaggerà sia i consumatori che i commercianti, perchè potranno sempre interagire tra loro in modo semplice, consultare l’elenco dei prodotti ed effettuare pagamenti rapidi, facili e sicuri. Allo stesso tempo, i commercianti potranno accettare pagamenti e interagire successivamente con i clienti con comunicazioni e offerte di marketing.

L’app potrà essere utilizzata ovunque sia necessario effettuare dei pagamenti, dai POS ai distributori automatici, dagli e-commerce alle macchine per il parcheggio.

Ben Jordan, Product Director di Sylo, ha dichiarato: “Sylo-CentraPay ha il potenziale per cambiare completamente l’intero processo di pagamento. La tecnologia CentraPay consente agli utenti Sylo di abbattere le tradizionali barriere di pagamento: non è necessario portare un portafoglio o contanti, non è necessario attendere in linea, non è necessario scorrere o toccare nulla. La nostra rete aziendale è in crescita e la nostra partnership con CentraPay ci consente di semplificare le interazioni per tutti i soggetti coinvolti”.

Il sistema verrà introdotto in Australia e successivamente esteso in tutta l’Asia ed in altre parti del mondo. CentraPay sta inoltre collaborando anche per portare questa esperienza di pagamento digitale in Giappone nei distributori automatici ed in altri dispositivi IOT.

Marco Cavicchioli
Marco Cavicchioli

Classe 1975, Marco è un docente di web-technologies e divulgatore online specializzato in criptovalute. Ha fondato ilBitcoin.news, ed il suo canale YouTube ha più di 25mila iscritti.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.